Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental pop [ elettronica ]

Nicola Manzan - Bologna Violenta (Autoproduzione)

Ultime recensioni

Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...
Primitive Man - InsurmountablePrimitive Man
Insurmountable
Come To Grief - When The World DiesCome To Grief
When The World Dies
Sirom - The Liquified Throne of SimplicitySirom
The Liquified Throne of Simplicity
Deathbell - A Nocturnal CrossingDeathbell
A Nocturnal Crossing
Wucan - Heretic TonguesWucan
Heretic Tongues
Voivod - Synchro AnarchyVoivod
Synchro Anarchy
Blut Aus Nord - Disharmonium - Undreamable AbyssesBlut Aus Nord
Disharmonium - Undreamable Abysses
Emma Ruth Rundle - EG2 Dowsing VoiceEmma Ruth Rundle
EG2 Dowsing Voice
Wyatt E. - Al Beluti DaruWyatt E.
Al Beluti Daru
Wo Fat - The SingularityWo Fat
The Singularity

Nicola Manzan - Bologna Violenta
Titolo: Bologna Violenta
Anno: 2006
Produzione:
Genere: elettronica / noise / grind

Voto:



Nicola Manzan ha messo mano ad alcuni dei migliori album usciti negli ultimi anni: partendo dai Full Effect (tra le formazioni più interessanti che abbiamo mai avuto in Italia) passando per 4fioriperzoe, Paolo Benvegnù, Yuppie Flu e nonvogliocheclara. Un musicista duttile (attualmente è in tour anche con Franklin Delano) e di grande gusto, autore anche di numerose colonne sonore underground.

Con questo progetto, debitore nelle tematiche degli splendidi poliziotteschi anni 70, Nicola destruttura il post-hardcore/grind inserendolo in un contesto completamente elettronico. 26 brani da 26 secondi ciascuno per poco più di 10 minuti di tortura sonora in un melting pot tra Locust, Dillinger Escape Plan e Atari Teenage Riot. Parliamo quindi di grind ipercinetico, con beat elettronici dalla struttura variegata e complessa. Schegge impazzite e violente che mandano in saturazione il cervello in men che non si dica, ovvero alla fine della breve durata dell'album.

Un progetto da sostenere e che non mi avrebbe sorpreso fosse uscito per qualche etichetta americana specializzata in geniali outsider.

[Dale P.]

Canzoni significative: ...


Questa recensione é stata letta 3566 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Nicola Manzan - Bologna ViolentaNicola Manzan
Bologna Violenta
Curse Of Golden Vampire - Mass DestructionCurse Of Golden Vampire
Mass Destruction