´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Mortui Vivos Docent - Obrero (Night Tripper)

Ultime recensioni

Dry Cleaning - New Long LegDry Cleaning
New Long Leg
A.A. Williams - Songs From IsolationA.A. Williams
Songs From Isolation
Concrete Ships - In ObservanceConcrete Ships
In Observance
Tomahawk - Tonic ImmobilityTomahawk
Tonic Immobility
Lucidvox - We AreLucidvox
We Are
Eyehategod - A History of Nomadic BehaviorEyehategod
A History of Nomadic Behavior
Really From - Really FromReally From
Really From
Shame - Drunk Tank PinkShame
Drunk Tank Pink
Worn - Human WorkWorn
Human Work
My Morning Jacket - Waterfall IIMy Morning Jacket
Waterfall II
Uada - DjinnUada
Djinn
John Carpenter - Lost Themes IIIJohn Carpenter
Lost Themes III
Constance Tomb - MCMLXXXVIIIConstance Tomb
MCMLXXXVIII
Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time
Originalii - PendulumOriginalii
Pendulum
Divide And Dissolve - Gas LitDivide And Dissolve
Gas Lit
Portrayal Of Guilt - We Are Always AlonePortrayal Of Guilt
We Are Always Alone
Zola Mennan÷h - Longing for BelongingZola Mennan÷h
Longing for Belonging
Molassess - Through The HollowMolassess
Through The Hollow
Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough

Obrero - Mortui Vivos Docent
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione:
Genere: metal / doom / hard rock
Scheda autore: Obrero



Obrero, cinque personaggi dall'aspetto poco raccomandabile, provengono manco a dirlo, da quella Svezia diventata ormai fucina inesauribile di talenti.

Non sono lupi di primo pelo; infatti alcuni di loro si sono fatti le ossa in band dedite al trash ottantiano che gli ha permesso di arrivare pronti a questa nuova esperienza. Ed in effetti tutto cio' lo si nota in "Mortui Vivos Docent", disco d'esordio inciso per la Night Tripper dove ispirazione e tecnica non fanno difetto.

La loro proposta e' particolarmente intrigante. Siamo ovviamente in territori prettamente metal, ma le radici vanno a toccare sonorita' doom, ammiccamenti stoner, accenni southern, incursioni prog, il tutto sotto una maligna aura slayeriana.

Detta cosi' la descrizione dell'album potrebbe sembrare azzardata, ma se andate ad ascoltare un brano come "Wolf's Hook", mi darete ragione. Un cantato tagliente, chitarre sature di elettricita' ed una batteria ficcante come poche altre volte. Particolari sono anche "Son Of Tutankhamun" e "Charles The Hammer", quasi un connubio tra certo trash d'annata e doom piu' tradizionale anche se poi la ciliegina sulla torta viene fornita dall'accoppiata finale "Exterminate/The Lost World", oltre tredici minuti di musica ad alta tensione dove tutte quelle sonorita' precedentemente elencate escono in maniera piuttosto nitida.

Menzione doverosa per la voce di Martin Missy che riesce a dare quel tocco di "orrorifico" ad una proposta gia' malsana ed inquietante.

Sicuramente uno degli esordi piu' interessanti dell'anno.

[Cristiano Roversi]

Canzoni significative: Wolf's Hook, Son Of Tutankhamun, Exterminate, The Lost World.


Questa recensione Ú stata letta 1954 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Sleep - JerusalemSleep
Jerusalem
Unearthly Trance - ElectrocutionUnearthly Trance
Electrocution
Konvent - Puritan MasochismKonvent
Puritan Masochism
Bloody Panda - SummonBloody Panda
Summon
MSW - ObliviosusMSW
Obliviosus
The DevilThe Devil's Blood
The Thousandfold Epicentre
Ramesses - Take The CurseRamesses
Take The Curse
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Devil - Time To RepentDevil
Time To Repent
Mammoth Weed Wizard Bastard - Yn Ol I AnnwnMammoth Weed Wizard Bastard
Yn Ol I Annwn