´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Orange Goblin - A Eulogy For The Damned (Candelight)

Ultime recensioni

Briqueville - IIIIBriqueville
IIII
Rid Of Me - Access To The LonelyRid Of Me
Access To The Lonely
Green Lung - This Heathen LandGreen Lung
This Heathen Land
Ragana - DesolationRagana
Desolation's Flower
Reverend Kristin Michael Hayter - Saved!Reverend Kristin Michael Hayter
Saved!
Svalbard - The Weight Of The MaskSvalbard
The Weight Of The Mask
Wolves In The Throne Room - Crypt of Ancestral KnowledgeWolves In The Throne Room
Crypt of Ancestral Knowledge
Boris - & Uniform - Bright New DiseaseBoris
& Uniform - Bright New Disease
Paroxysm Unit - Fragmentation StratagemParoxysm Unit
Fragmentation Stratagem
Agriculture - AgricultureAgriculture
Agriculture
Blodet - Death MotherBlodet
Death Mother
Maggot Heart - HungerMaggot Heart
Hunger
Blood Incantation - Luminescent BridgeBlood Incantation
Luminescent Bridge
Grails - Anches En MaatGrails
Anches En Maat
Kvelertak - EndlingKvelertak
Endling
Graveyard - 6Graveyard
6
Great Falls - Objects Without PainGreat Falls
Objects Without Pain
Brad - In The Moment That YouBrad
In The Moment That You're Born
Persekutor - Snow BusinessPersekutor
Snow Business
Domkraft - Sonic MoonsDomkraft
Sonic Moons

Orange Goblin - A Eulogy For The Damned
Autore: Orange Goblin
Titolo: A Eulogy For The Damned
Anno: 2012
Produzione:
Genere: metal / stoner / hard rock

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Compra Orange Goblin su Taxi Driver Store


E sono sette. La band dell'inossidabile Ben Ward torna, a distanza di ben cinque anni dal precedente lavoro, e non accenna ad abbassare la guardia.

A dire il vero negli ultimi tempi avevano ugualmente continuato l'attivita' in sede live dimostrandosi all'altezza della loro fama senza perdere un minimo di quel carisma che li ha da sempre contraddistinti.

Va detto subito che il nuovo album non presenta particolari differenze con il passato piu' recente; nonostante cio' il gruppo britannico riesce comunque a risultare ancora una volta credibile mediante una formula ampiamente rodata ma efficace ed in questo caso pare anche concedere qualcosa in piu' alla melodia senza essere mai banale.

Chi li conosce non rimarra' deluso da brani trascinanti come l'apripista "Red Tide Rising", dal rock'n roll incandescente di "Acid Trial" o dallo stoner doom d'ispirazione Down di "The Fog".

Non mancano cavalcate motorhediane come "The Filthy And The Few" o momenti dichiaratamente blues di stampo sudista quale "Stand For Something" ad allietare un po' la tensione.

Se aggiungiamo un songwriting di primissimo ordine ed una voce inconfondibile (quella di Ward) sempre rocciosa e adrenalinica che si va ad affiancare ai consueti riff assassini, otteniamo un risultato tale da rendere "Eulogy For The Damned" un album godibile per tutti gli amanti di queste sonorita'.

Una band onesta e genuina, forse quella della seconda ondata "stoner" invecchiata meglio. Non e' da tutti.

[Cristian Roversi]

Canzoni significative: Red Tide Rising, Acid Trial, The Fog.

Questa recensione Ú stata letta 2449 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

06/04/2012LondraDesert Fest London 2012
25/07/2022TolminMetaldays 2022

NEWS


11/09/2014 Il Videoclip di Sabbath Hex
14/02/2012 Due Date In Italia
06/02/2012 Video di Red Tide Rising
15/12/2011 Nuovo Brano Online
05/10/2011 Tracklist e Titolo Del Nuovo Album
27/07/2011 Annunciato Lo Show Natalizio

tAXI dRIVER consiglia

Goatsnake - Flower Of DiseaseGoatsnake
Flower Of Disease
Boris - Akuma No UtaBoris
Akuma No Uta
Boris - Heavy RocksBoris
Heavy Rocks