´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

A Eulogy For The Damned - Orange Goblin (Candelight)

Ultime recensioni

Might - MightMight
Might
Appalooza - The Holy Of HoliesAppalooza
The Holy Of Holies
Dry Cleaning - New Long LegDry Cleaning
New Long Leg
A.A. Williams - Songs From IsolationA.A. Williams
Songs From Isolation
Concrete Ships - In ObservanceConcrete Ships
In Observance
Tomahawk - Tonic ImmobilityTomahawk
Tonic Immobility
Lucidvox - We AreLucidvox
We Are
Eyehategod - A History of Nomadic BehaviorEyehategod
A History of Nomadic Behavior
Really From - Really FromReally From
Really From
Shame - Drunk Tank PinkShame
Drunk Tank Pink
Worn - Human WorkWorn
Human Work
My Morning Jacket - Waterfall IIMy Morning Jacket
Waterfall II
Uada - DjinnUada
Djinn
John Carpenter - Lost Themes IIIJohn Carpenter
Lost Themes III
Constance Tomb - MCMLXXXVIIIConstance Tomb
MCMLXXXVIII
Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time
Originalii - PendulumOriginalii
Pendulum
Divide And Dissolve - Gas LitDivide And Dissolve
Gas Lit
Portrayal Of Guilt - We Are Always AlonePortrayal Of Guilt
We Are Always Alone
Zola Mennan÷h - Longing for BelongingZola Mennan÷h
Longing for Belonging

Orange Goblin - A Eulogy For The Damned
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Anno: 2012
Produzione:
Genere: metal / stoner / hard rock
Scheda autore: Orange Goblin


Compra Orange Goblin su Taxi Driver Store


E sono sette. La band dell'inossidabile Ben Ward torna, a distanza di ben cinque anni dal precedente lavoro, e non accenna ad abbassare la guardia.

A dire il vero negli ultimi tempi avevano ugualmente continuato l'attivita' in sede live dimostrandosi all'altezza della loro fama senza perdere un minimo di quel carisma che li ha da sempre contraddistinti.

Va detto subito che il nuovo album non presenta particolari differenze con il passato piu' recente; nonostante cio' il gruppo britannico riesce comunque a risultare ancora una volta credibile mediante una formula ampiamente rodata ma efficace ed in questo caso pare anche concedere qualcosa in piu' alla melodia senza essere mai banale.

Chi li conosce non rimarra' deluso da brani trascinanti come l'apripista "Red Tide Rising", dal rock'n roll incandescente di "Acid Trial" o dallo stoner doom d'ispirazione Down di "The Fog".

Non mancano cavalcate motorhediane come "The Filthy And The Few" o momenti dichiaratamente blues di stampo sudista quale "Stand For Something" ad allietare un po' la tensione.

Se aggiungiamo un songwriting di primissimo ordine ed una voce inconfondibile (quella di Ward) sempre rocciosa e adrenalinica che si va ad affiancare ai consueti riff assassini, otteniamo un risultato tale da rendere "Eulogy For The Damned" un album godibile per tutti gli amanti di queste sonorita'.

Una band onesta e genuina, forse quella della seconda ondata "stoner" invecchiata meglio. Non e' da tutti.

[Cristian Roversi]

Canzoni significative: Red Tide Rising, Acid Trial, The Fog.

Questa recensione Ú stata letta 2276 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

06/04/2012LondraDesert Fest London 2012

NEWS


11/09/2014 Il Videoclip di Sabbath Hex
14/02/2012 Due Date In Italia
06/02/2012 Video di Red Tide Rising
15/12/2011 Nuovo Brano Online
05/10/2011 Tracklist e Titolo Del Nuovo Album
27/07/2011 Annunciato Lo Show Natalizio

tAXI dRIVER consiglia

Boris - Heavy RocksBoris
Heavy Rocks
Goatsnake - Flower Of DiseaseGoatsnake
Flower Of Disease
Boris - Akuma No UtaBoris
Akuma No Uta