´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

High Priest - Invocation (Magnetic Eye)

Ultime recensioni

Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues
Thou - UmbilicalThou
Umbilical
Porcelain - PorcelainPorcelain
Porcelain
Eye - Dark LightEye
Dark Light
Bala - BestaBala
Besta
Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty

High Priest - Invocation
Autore: High Priest
Titolo: Invocation
Etichetta: Magnetic Eye
Anno: 2023
Produzione: Pete Grossmann
Genere: metal / stoner / doom

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta Invocation





In mezzo a tanti gruppi che pensano che per suonare hard rock basti o una grafica eccezionale o un chitarrista capace o un cantante bravo o delle buone influenze svettano gli americani High Priest che sono un pacchetto completo. GiÓ la copertina del disco Ŕ affascinante, il loro aspetto non tradisce esperienza e la musica contenuta nel loro esordio sulla lunga distanza Ŕ il perfetto compendio di tutto ci˛ che di bello avvenuto nel rock da quando Ŕ nato.

Potremmo catalogare il quartetto di Chicago nella sezione stoner doom ma sarebbe una evidente limitazione. PerchŔ se il retaggio, i suoni e il mood sono essenzialmente quelli usati per stordire gli ascoltatori con riff pesanti e mandarlo in orbita con assoli spaziali il risultato Ŕ oltre ogni aspettativa.

Otto brani per 45 minuti di musica in cui troviamo i riff classici di Judas Priest e Thin Lizz, mescolati all'hard oscuro di Black Sabbath e Pentagram, il doom dei Trouble, la vocalitÓ epica di Soundgarden e Alice In Chains, lo stoner di Kyuss e The Sword. Sembra un sogno e lo Ŕ: il disco Ŕ probabilmente il miglior album del genere uscito nel 2023 a cui avevo colpevolmente rimandato l'ascolto per via dell'unico difetto del gruppo: un nome non proprio eccezionale.

Fidatevi e non farete pi¨ a meno.

[Dale P.]

Canzoni significative: Divinity, Down In The Dark.

Questa recensione Ú stata letta 309 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Boris - Heavy RocksBoris
Heavy Rocks
Boris - Akuma No UtaBoris
Akuma No Uta
Goatsnake - Flower Of DiseaseGoatsnake
Flower Of Disease
High Priest - InvocationHigh Priest
Invocation