ļ»æ

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk [ indie ] experimental pop elettronica

Pecksniff - Honey You're Murdering Me (Black Candy)

Ultime recensioni

Gaerea - MirageGaerea
Mirage
Menace Ruine - NekyiaMenace Ruine
Nekyia
Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Abhorrent Expanse - Gateways to ResplendenceAbhorrent Expanse
Gateways to Resplendence
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising

Pecksniff - Honey You're Murdering Me
Autore: Pecksniff
Titolo: Honey You're Murdering Me
Etichetta: Black Candy
Anno: 2006
Produzione:
Genere: indie / pop / lofi

Voto:
Produzione:
Originalitą:
Tecnica:




I Pecksniff pur essendo in continua crescita verso riscontri di pubblico e di critica sono arrivati al difficile terzo album. E decidono di arrivarci barando, ovvero sfruttando il periodo propizio verso un certo tipo di indie rock. Sono sicuro che in tempi diversi "Honey, You're Murdering Me" sarebbe stato decisamente diverso.

Invece la band, giustamente, tenta di capitalizzare o semplicemente di fermarsi, in attesa di tempi migliori per fare un passo avanti. O, semplicemente, la band non č riuscita a fare il tris.

Persa la naivitč di "Elementary Watson", di cui non smetteremo mai di tesserne le lodi, perso l'intento di crescere con "The Book Of Staley Creep", i Pecksniff mettono in luce i loro difetti che fino a questo momento rimanevano nell'ombra delle numerose idee.

Certo, c'eravamo gią accorti che non sapevano nč cantare nč suonare. Ma vuol dire che la band ce la dovremo tenere sempre cosģ? Con linee vocali praticamente uguali brano su brano e mono-tono alla ricerca della stonatura palese con il consueto controcanto della dolce mamma che ha finito di cucinare la torta?

Ribatterete giustamente che sono gli ingredienti Pecksniff. Ingredienti che comunque confezionano un album discretamente godibile con qualche idea geniale ogni due o tre brani (quando nell'esordio il ritmo delle idee era costante) e una buona manciata di discrete canzoni.

Il mio sogno sarebbe che la band mostrasse volontą di crescere e migliorarsi per dare un senso alla pubblicazione di un album. Se non lo farą ho paura che avremo decine di "Honey, You're Murdering Me", ovvero album da ascoltare una volta ogni tanto per ritrovare il buonumore e rimettere via...

[Dale P.]

Canzoni significative: I Learn The Love, Funny Lips.


Questa recensione é stata letta 3075 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Pecksniff - Elementary WatsonPecksniff
Elementary Watson
Pecksniff - The Book Of Stanley CreepPecksniff
The Book Of Stanley Creep

tAXI dRIVER consiglia

Ardecore - ArdecoreArdecore
Ardecore
Breakfast - Ordinary HeroesBreakfast
Ordinary Heroes
Ken Stringfellow - TouchedKen Stringfellow
Touched
Pecksniff - Elementary WatsonPecksniff
Elementary Watson
Midwife - LuminolMidwife
Luminol
Bugo - Sentimento WesternatoBugo
Sentimento Westernato
Moldy Peaches, The - The Moldy PeachesMoldy Peaches, The
The Moldy Peaches
Stephen Malkmus - Stephen MalkmusStephen Malkmus
Stephen Malkmus
Jason Collett - Motor Motel Love SongsJason Collett
Motor Motel Love Songs
Wilco - Yankee Hotel FoxtrotWilco
Yankee Hotel Foxtrot