Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Phantom Limb - Pig Destroyer (Relapse)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Pig Destroyer - Phantom Limb
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Relapse
Anno: 2007
Produzione:
Genere: metal / grindcore / brutal
Scheda autore: Pig Destroyer

MP3: Loathsome
Thought Crime Spree


I Pig Destroyer fanno parte di quello striminzito manipolo di pochi eletti capaci di calpestarti il cranio per l'intera durata di un album. Non paiono accusare mai cedimenti, la loro furia belluina e morbosa è difficile da arginare, e sembrano davvero la trasposizione in suono di un disturbo neuropsichiatrico.

A tre anni da “Terrifyer”, prova di grande spessore nello scibile grind-core “evoluto”, il “Porco Distruttore” si lancia nuovamente all'attacco verso le nostre giugulari con l'ennesimo viaggio tra gli orrori di una mente malata e perversa. “Phantom Limb” fa il punto sullo stile del gruppo e non sposta sostanzialmente i confini di un genere che, dopo la prematura scomparsa dei Nasum, non ha ancora trovato degli eredi all'altezza. Il piglio e l'impeto delle chitarre sono efferati, il sangue trasuda da ogni elettrone e si staglia su dei tracciati ritmici variegati in cui il tipico blast-beat da tachicardia grind-core si alterna a più ragionati ma nel contempo complessi mid-tempo. J. R. Hayes, vocalist dell'allegra combriccola, sbraita come fosse posseduto, digrigna in preda a raptus omicidi. Non vi è traccia di quell'atmosfera ai limiti con gli spasmi respiratori tipici dell'industrial di “Terrifyer”, l'approccio è qui più smaccatamente rock, ma non pensiate che i quattro della Virginia allentino anche solo per un secondo la morsa intorno al vostro cervello.

Si permettono persino di giocare con lo stoner in “Heathen Temple” e di plasmare molte delle caratteristiche del death metal e dello speed-thrash a proprio piacimento, facendo di questa capacità di elaborazione uno dei punti di forza del loro malevolo stile. Quando si giunge al capolinea, tutt'intorno giacciono sparpagliati cumuli di resti umani dai quali si innalzano putridi fumi di decomposizione avanzata. Bisogna ammettere che i Pig Destroyer sono uno tra i gruppi più spietati in circolazione.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Loathsome, Heathen Temple, Phantom Limb, Girl In The Slayer Jacket.

Questa recensione é stata letta 3693 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Pig Destroyer - TerrifierPig Destroyer
Terrifier

tAXI dRIVER consiglia

Lethargy - Discography 93-99Lethargy
Discography 93-99
Pig Destroyer - Phantom LimbPig Destroyer
Phantom Limb
Pig Destroyer - TerrifierPig Destroyer
Terrifier
Agoraphobic Nosebleed - AgorapocalypseAgoraphobic Nosebleed
Agorapocalypse
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Corey - SacronienteCorey
Sacroniente
Cretin - FreakeryCretin
Freakery
Napalm Death - Smear CampaignNapalm Death
Smear Campaign
Nasum - DoombringerNasum
Doombringer