Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Phantom Limb - Pig Destroyer (Relapse)

Ultime recensioni

Couch Slut - Take A Chance On Rock Couch Slut
Take A Chance On Rock 'n' Roll
Kall - BrandKall
Brand
Boris - NOBoris
NO
Phoebe Bridgers - PunisherPhoebe Bridgers
Punisher
Ils - CurseIls
Curse
Motorpsycho - The All Is OneMotorpsycho
The All Is One
Bully - SugareggBully
Sugaregg
Lina Rodrigues Refree - Lina_Raül RefreeLina Rodrigues Refree
Lina_Raül Refree
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Thou - A Primer of Holy WordsThou
A Primer of Holy Words
Household God - Palace IntrigueHousehold God
Palace Intrigue
A.A. Williams - Forever BlueA.A. Williams
Forever Blue
Billy Nomates - Billy NomatesBilly Nomates
Billy Nomates
Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death
Zombi - 2020Zombi
2020
Protomartyr - Ultimate Success TodayProtomartyr
Ultimate Success Today
The Beths - Jump Rope GazersThe Beths
Jump Rope Gazers
Hum - InletHum
Inlet
Jesu - Never EPJesu
Never EP
Bell Witch - & Aerial Ruin - Stygian Bough Volume IBell Witch
& Aerial Ruin - Stygian Bough Volume I

Pig Destroyer - Phantom Limb
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Relapse
Anno: 2007
Produzione:
Genere: metal / grindcore / brutal
Scheda autore: Pig Destroyer

MP3: Loathsome
Thought Crime Spree


I Pig Destroyer fanno parte di quello striminzito manipolo di pochi eletti capaci di calpestarti il cranio per l'intera durata di un album. Non paiono accusare mai cedimenti, la loro furia belluina e morbosa è difficile da arginare, e sembrano davvero la trasposizione in suono di un disturbo neuropsichiatrico.

A tre anni da “Terrifyer”, prova di grande spessore nello scibile grind-core “evoluto”, il “Porco Distruttore” si lancia nuovamente all'attacco verso le nostre giugulari con l'ennesimo viaggio tra gli orrori di una mente malata e perversa. “Phantom Limb” fa il punto sullo stile del gruppo e non sposta sostanzialmente i confini di un genere che, dopo la prematura scomparsa dei Nasum, non ha ancora trovato degli eredi all'altezza. Il piglio e l'impeto delle chitarre sono efferati, il sangue trasuda da ogni elettrone e si staglia su dei tracciati ritmici variegati in cui il tipico blast-beat da tachicardia grind-core si alterna a più ragionati ma nel contempo complessi mid-tempo. J. R. Hayes, vocalist dell'allegra combriccola, sbraita come fosse posseduto, digrigna in preda a raptus omicidi. Non vi è traccia di quell'atmosfera ai limiti con gli spasmi respiratori tipici dell'industrial di “Terrifyer”, l'approccio è qui più smaccatamente rock, ma non pensiate che i quattro della Virginia allentino anche solo per un secondo la morsa intorno al vostro cervello.

Si permettono persino di giocare con lo stoner in “Heathen Temple” e di plasmare molte delle caratteristiche del death metal e dello speed-thrash a proprio piacimento, facendo di questa capacità di elaborazione uno dei punti di forza del loro malevolo stile. Quando si giunge al capolinea, tutt'intorno giacciono sparpagliati cumuli di resti umani dai quali si innalzano putridi fumi di decomposizione avanzata. Bisogna ammettere che i Pig Destroyer sono uno tra i gruppi più spietati in circolazione.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Loathsome, Heathen Temple, Phantom Limb, Girl In The Slayer Jacket.

Questa recensione é stata letta 3730 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Pig Destroyer - TerrifierPig Destroyer
Terrifier

tAXI dRIVER consiglia

Corey - SacronienteCorey
Sacroniente
Napalm Death - Smear CampaignNapalm Death
Smear Campaign
Agoraphobic Nosebleed - AgorapocalypseAgoraphobic Nosebleed
Agorapocalypse
Lethargy - Discography 93-99Lethargy
Discography 93-99
Pig Destroyer - Phantom LimbPig Destroyer
Phantom Limb
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Nasum - DoombringerNasum
Doombringer
Pig Destroyer - TerrifierPig Destroyer
Terrifier
Cretin - FreakeryCretin
Freakery