Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal [ punk ] indie experimental pop elettronica

Y - Pop Group (Radar)

Ultime recensioni

AA.VV. - What Is This That Stands Before Me?AA.VV.
What Is This That Stands Before Me?
Deafbrick - DeafbrickDeafbrick
Deafbrick
Irreversible Entanglements - Who Sent You?Irreversible Entanglements
Who Sent You?
Jeff Parker - Suite For Max BrownJeff Parker
Suite For Max Brown
En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome
L.A.Witch - Play With FireL.A.Witch
Play With Fire
Couch Slut - Take A Chance On Rock Couch Slut
Take A Chance On Rock 'n' Roll
Kall - BrandKall
Brand
Boris - NOBoris
NO
Phoebe Bridgers - PunisherPhoebe Bridgers
Punisher
Ils - CurseIls
Curse
Motorpsycho - The All Is OneMotorpsycho
The All Is One
Bully - SugareggBully
Sugaregg
Lina Rodrigues Refree - Lina_Raül RefreeLina Rodrigues Refree
Lina_Raül Refree
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Thou - A Primer of Holy WordsThou
A Primer of Holy Words
Household God - Palace IntrigueHousehold God
Palace Intrigue
A.A. Williams - Forever BlueA.A. Williams
Forever Blue
Billy Nomates - Billy NomatesBilly Nomates
Billy Nomates
Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death

Pop Group - Y
Voto:
Anno: 1979
Produzione:
Genere: punk / new wave / post-punk



Uno degli esordi più ostici, incredibili e memorabili della Storia Del Rock.

Un disco che ti lascia a bocca aperta e con il pacco in mano, almeno a me ha fatto questo effetto.

Qui dentro sono centrifugati i suoni più disparati e insulsi, con una consapevolezza e una maestria che rasentano il grottesco. Già, è tutto molto folle e inafferrabile qui dentro.

I suoni invocano pietà e agitando disperatamente e confusamente le mani verso l’ascoltatore chiedono la redenzione, chiedono di uscire da questo limbo perverso.

Ma cosa può fare l’ascoltatore? Niente. Un bel niente.

Scariche micidiali e oggetti contundenti arrivano addosso ai malcapitati desiderosi di ascoltare “Y”. Perché? Non è una domanda, è il titolo.

Tra i più politicizzati (impregnati di marxismo) del Post Punk britannico, insieme a Scritti Politti e Gang of Four, i Pop Group sono i più violenti nel denunciare l’imputridirsi del pianeta in cui viviamo e scopiamo, quando ci capita. Non a caso uno dei loro pezzi più celebri si intitola “We are all prostitutes”; Siamo tutti delle (grandissime) puttane.

Detto questo non mi rimane altro che consigliarvi di procuravi “Y”, ficcarlo nel vostro piatto e mandare vaffanculo il mondo.

Dopo l’attacco di “She is beyond good and evil” nulla sarà più come prima. Saranno cazzi vostri.

[Dani Mani]

Canzoni significative: tutte.


Questa recensione é stata letta 5903 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Pop Group - YPop Group
Y
Television - Marquee MoonTelevision
Marquee Moon
Slits - CutSlits
Cut