´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Pyrithe - Monuments to Impermanence (Gilead Media)

Ultime recensioni

Screaming Females - Desire PathwayScreaming Females
Desire Pathway
Oozing Wound - Cathers The CowardOozing Wound
Cathers The Coward
Returning - SeverenceReturning
Severence
Sandrider - EnveletrationSandrider
Enveletration
Big Brave - Nature MorteBig Brave
Nature Morte
Eunoia - Psyop of the YearEunoia
Psyop of the Year
Ciemra - The Tread Of DarknessCiemra
The Tread Of Darkness
Sisteria - Dark MatterSisteria
Dark Matter
... And Oceans - As In Gardens, So In Tombs... And Oceans
As In Gardens, So In Tombs
Show Me The Body - Trouble The WaterShow Me The Body
Trouble The Water
Upchuck - Sense YourselfUpchuck
Sense Yourself
BrÝi - Corpos TransparentesBrÝi
Corpos Transparentes
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
Petbrick - LiminalPetbrick
Liminal
Rigorous Institution - CainsmarshRigorous Institution
Cainsmarsh
Mis■yrming - Me­ HamriMis■yrming
Me­ Hamri
Ultha - All That Has Never Been TrueUltha
All That Has Never Been True
Boris - FadeBoris
Fade
Dead Cross - IIDead Cross
II
Just Mustard - Heart UnderJust Mustard
Heart Under

Pyrithe - Monuments to Impermanence
Autore: Pyrithe
Titolo: Monuments to Impermanence
Etichetta: Gilead Media
Anno: 2022
Produzione: Spenser Morris
Genere: metal / sludge / progressive

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta Monuments to Impermanence





Dalla sua uscita ho ascoltato "Monuments To Impermanence" decine di volte eppure non sono ancora riuscito a metterlo perfettamente a fuoco. Ed entrambi sono ottimi segni: spesso la longevitÓ di un disco appena uscito si consuma nelle prime ore o al massimo nei primi giorni salvo affievolirsi con il passare del tempo. In pi¨ la comprensione immediata di un disco ne toglie spesso lo stimolo mentale di studiarlo, capirlo, trovarne appigli.

L'esordio dei Pyrithe, trio di Pittsburgh, Ŕ cervellotico eppure di grande impatto. Loro si definiscono Progressive / Experimental Sludge e in effetti vengono da quello splendido mondo in cui il metal e l'hardcore si fonde generando uno strano ibrido molesto e ne aggiungono elementi progressivi e direi anche post metal e black metal. Pensate ad un calderone in cui si uniscono Mastodon, Kylesa, Lesbian (ve li ricordate? erano fantastici!), Isis, Neurosis e altre diavolerie assortite.

Aiutati da un discreto numero di collaboratori (tra cui la loro prima cantante Vicky Carbone) i Pyrithe confezionano un album che porta finalmente una boccata di aria putrida nell'ambiente particolarmente stagnante del genere e, lo dico senza timore di smentita, sarÓ nella top dei dischi dell'anno.

Prendete tutto il tempo che vi serve per amarlo: non ve ne pentirete!

[Dale P.]

Canzoni significative: In Praise Of The Enochian Trickster, Earthen Anchors.


Questa recensione Ú stata letta 411 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Mastodon - Call Of The MastodonMastodon
Call Of The Mastodon
Superjoint Ritual - Use Once & DestroySuperjoint Ritual
Use Once & Destroy
Rwake - RestRwake
Rest
Iceburn - AsclepiusIceburn
Asclepius
Torche - AdmissionTorche
Admission
Firebreather - Under A Blood MoonFirebreather
Under A Blood Moon
Rainbow Grave - No YouRainbow Grave
No You
Floor - DoveFloor
Dove
Big Brave - VitalBig Brave
Vital
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions