´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Pyrithe - Monuments to Impermanence (Gilead Media)

Ultime recensioni

Menace Ruine - NekyiaMenace Ruine
Nekyia
Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Abhorrent Expanse - Gateways to ResplendenceAbhorrent Expanse
Gateways to Resplendence
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising
Ken Mode - NullKen Mode
Null

Pyrithe - Monuments to Impermanence
Autore: Pyrithe
Titolo: Monuments to Impermanence
Etichetta: Gilead Media
Anno: 2022
Produzione: Spenser Morris
Genere: metal / sludge / progressive

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta Monuments to Impermanence





Dalla sua uscita ho ascoltato "Monuments To Impermanence" decine di volte eppure non sono ancora riuscito a metterlo perfettamente a fuoco. Ed entrambi sono ottimi segni: spesso la longevitÓ di un disco appena uscito si consuma nelle prime ore o al massimo nei primi giorni salvo affievolirsi con il passare del tempo. In pi¨ la comprensione immediata di un disco ne toglie spesso lo stimolo mentale di studiarlo, capirlo, trovarne appigli.

L'esordio dei Pyrithe, trio di Pittsburgh, Ŕ cervellotico eppure di grande impatto. Loro si definiscono Progressive / Experimental Sludge e in effetti vengono da quello splendido mondo in cui il metal e l'hardcore si fonde generando uno strano ibrido molesto e ne aggiungono elementi progressivi e direi anche post metal e black metal. Pensate ad un calderone in cui si uniscono Mastodon, Kylesa, Lesbian (ve li ricordate? erano fantastici!), Isis, Neurosis e altre diavolerie assortite.

Aiutati da un discreto numero di collaboratori (tra cui la loro prima cantante Vicky Carbone) i Pyrithe confezionano un album che porta finalmente una boccata di aria putrida nell'ambiente particolarmente stagnante del genere e, lo dico senza timore di smentita, sarÓ nella top dei dischi dell'anno.

Prendete tutto il tempo che vi serve per amarlo: non ve ne pentirete!

[Dale P.]

Canzoni significative: In Praise Of The Enochian Trickster, Earthen Anchors.


Questa recensione Ú stata letta 357 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Facedowninshit - Nothing Positive Only NegativeFacedowninshit
Nothing Positive Only Negative
Kylesa - Static TensionKylesa
Static Tension
Blacklab - In A Bizarre DreamBlacklab
In A Bizarre Dream
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Pyrithe - Monuments to ImpermanencePyrithe
Monuments to Impermanence
Baroness - Blue RecordBaroness
Blue Record
Floor - DoveFloor
Dove
Kulk - We Spare NothingKulk
We Spare Nothing
Fight Amp - Hungry For NothingFight Amp
Hungry For Nothing
Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II