Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

No You - Rainbow Grave (God Unknown)

Ultime recensioni

Couch Slut - Take A Chance On Rock Couch Slut
Take A Chance On Rock 'n' Roll
Kall - BrandKall
Brand
Boris - NOBoris
NO
Phoebe Bridgers - PunisherPhoebe Bridgers
Punisher
Ils - CurseIls
Curse
Motorpsycho - The All Is OneMotorpsycho
The All Is One
Bully - SugareggBully
Sugaregg
Lina Rodrigues Refree - Lina_Raül RefreeLina Rodrigues Refree
Lina_Raül Refree
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Thou - A Primer of Holy WordsThou
A Primer of Holy Words
Household God - Palace IntrigueHousehold God
Palace Intrigue
A.A. Williams - Forever BlueA.A. Williams
Forever Blue
Billy Nomates - Billy NomatesBilly Nomates
Billy Nomates
Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death
Zombi - 2020Zombi
2020
Protomartyr - Ultimate Success TodayProtomartyr
Ultimate Success Today
The Beths - Jump Rope GazersThe Beths
Jump Rope Gazers
Hum - InletHum
Inlet
Jesu - Never EPJesu
Never EP
Bell Witch - & Aerial Ruin - Stygian Bough Volume IBell Witch
& Aerial Ruin - Stygian Bough Volume I

Rainbow Grave - No You
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2019
Produzione: Simon Reeves
Genere: metal / sludge / noise
Scheda autore: Rainbow Grave



Appena avuto tra le mani il dischetto in questione sono stato subito incuriosito dallo sticker di copertina "featuring members of Napalm Death & Doom": pensavo che sarebbe stato l'ennesimo gruppo di Shane Embury di grindcore mutante devoto all'old school. Invece mi sbagliavo completamente: nessuna presenza del riccioluto capellone bensì Nicholas Bullen, fondatore di Napalm Death e Scorn, e John Pickering, fondatore dei Doom, si mettono insieme a Nathan Warner e James Commander per formare un potentissimo gruppo noise/sludge chiamato Rainbow Grave.

Senza tanti giri di parole questa è roba che scotta! Prendete i Flipper e rendeteli molto, molto più cupi. Riff heavy-doom, chitarra sporca e lanciata in assoli disturbanti, basso marcio e suonato per dare schiaffoni sulla faccia, una voce che vomita malessere, ogni tanto un sassofono a rendere il tutto ancora più inquietante. Questo è anti-hardcore come si faceva sul finire degli anni 80, proto sludge, punk deprimente, psichedelia malsana, spazzatura bianca: capolavoro.

[Dale P.]

Canzoni significative: Year Zero, Assassin of Hope.


Questa recensione é stata letta 242 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

AA.VV. - Neurot Recordings IAA.VV.
Neurot Recordings I
Baroness - Blue RecordBaroness
Blue Record
Akimbo - Navigating The BronzeAkimbo
Navigating The Bronze
Kylesa - Static TensionKylesa
Static Tension
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Down - IIDown
II
Black Cobra - ChronomegaBlack Cobra
Chronomega
Floor - DoveFloor
Dove
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Torche - AdmissionTorche
Admission