Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Tarn - Ruff Majik (Lay Bare Recordings)

Ultime recensioni

Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio
Primitive Man - ImmersionPrimitive Man
Immersion
Neptunian Maximalism - EonsNeptunian Maximalism
Eons
Nova Twins - Who Are The Girls?Nova Twins
Who Are The Girls?

Ruff Majik - Tarn
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2019
Produzione:
Genere: metal / stoner / doom
Scheda autore: Ruff Majik



Non ho mai avuto il piacere di vedere i Ruff Majik dal vivo ma i loro concerti me li immagino piuttosto selvaggi, con volumi assordanti, pile di amplificatori vintage e una batteria gigantesca. E tanto fumo. Volumi a 10, distorsioni al massimo e banco del mixer impazzito con tutte le spie in rosso. Questo è quello che si percepisce ascoltando "Tarn", secondo disco del trio sudafricano. Il sound è devoto allo stoner doom più marcio: immaginatevi una mandria stonata che vaga a caso tra i pascoli d'erba di Electric Wizard, Kyuss, Satan's Satyr, Blue Cheer ascoltando compilation punk hardcore americano e hard rock inglese anni 70. Riff putrescenti, carichi di fuzz, voce senza appeal melodico che sbiascica di storie di orrore.

Un disco che sembra registrato in una sala prove con un registratore a cassetta, che vedrei bene marchiato Riding Easy o Rise Above. A suo modo un lavoro estremo.

[Dale P.]

Canzoni significative: Gloom & Tomb, Dread Breath.


Questa recensione é stata letta 125 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Boris - Heavy RocksBoris
Heavy Rocks
Goatsnake - Flower Of DiseaseGoatsnake
Flower Of Disease
Boris - Akuma No UtaBoris
Akuma No Uta