Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Tarn - Ruff Majik (Lay Bare Recordings)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Ruff Majik - Tarn
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2019
Produzione:
Genere: metal / stoner / doom
Scheda autore: Ruff Majik



Non ho mai avuto il piacere di vedere i Ruff Majik dal vivo ma i loro concerti me li immagino piuttosto selvaggi, con volumi assordanti, pile di amplificatori vintage e una batteria gigantesca. E tanto fumo. Volumi a 10, distorsioni al massimo e banco del mixer impazzito con tutte le spie in rosso. Questo è quello che si percepisce ascoltando "Tarn", secondo disco del trio sudafricano. Il sound è devoto allo stoner doom più marcio: immaginatevi una mandria stonata che vaga a caso tra i pascoli d'erba di Electric Wizard, Kyuss, Satan's Satyr, Blue Cheer ascoltando compilation punk hardcore americano e hard rock inglese anni 70. Riff putrescenti, carichi di fuzz, voce senza appeal melodico che sbiascica di storie di orrore.

Un disco che sembra registrato in una sala prove con un registratore a cassetta, che vedrei bene marchiato Riding Easy o Rise Above. A suo modo un lavoro estremo.

[Dale P.]

Canzoni significative: Gloom & Tomb, Dread Breath.


Questa recensione é stata letta 73 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Boris - Heavy RocksBoris
Heavy Rocks
Goatsnake - Flower Of DiseaseGoatsnake
Flower Of Disease
Boris - Akuma No UtaBoris
Akuma No Uta