´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Ruff Majik - Tarn (Lay Bare Recordings)

Ultime recensioni

Geese - ProjectorGeese
Projector
Sunn O))) - Metta, BenevolenceSunn O)))
Metta, Benevolence
Dead Heat - World At WarDead Heat
World At War
Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates
Full Of Hell - Garden Of Burning ApparitionsFull Of Hell
Garden Of Burning Apparitions
Khemmis - DeceiverKhemmis
Deceiver
Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Converge - Bloodmoon IConverge
Bloodmoon I
Melvins - Five Legged DogMelvins
Five Legged Dog
Bummer - Dead HorseBummer
Dead Horse
Marissa Nadler - The Path Of The CloudsMarissa Nadler
The Path Of The Clouds
Vanishing Twin - Ookii GekkouVanishing Twin
Ookii Gekkou
Year Of No Light - ConsolamentumYear Of No Light
Consolamentum
Chevelle - NiratiasChevelle
Niratias
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
The Bug - FireThe Bug
Fire
Nala Sinephro - Space 1.8Nala Sinephro
Space 1.8
Monolord - Your Time To ShineMonolord
Your Time To Shine
Mastodon - Hushed And GrimMastodon
Hushed And Grim

Ruff Majik - Tarn
Autore: Ruff Majik
Titolo: Tarn
Anno: 2019
Produzione:
Genere: metal / stoner / doom

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Non ho mai avuto il piacere di vedere i Ruff Majik dal vivo ma i loro concerti me li immagino piuttosto selvaggi, con volumi assordanti, pile di amplificatori vintage e una batteria gigantesca. E tanto fumo. Volumi a 10, distorsioni al massimo e banco del mixer impazzito con tutte le spie in rosso. Questo Ŕ quello che si percepisce ascoltando "Tarn", secondo disco del trio sudafricano. Il sound Ŕ devoto allo stoner doom pi¨ marcio: immaginatevi una mandria stonata che vaga a caso tra i pascoli d'erba di Electric Wizard, Kyuss, Satan's Satyr, Blue Cheer ascoltando compilation punk hardcore americano e hard rock inglese anni 70. Riff putrescenti, carichi di fuzz, voce senza appeal melodico che sbiascica di storie di orrore.

Un disco che sembra registrato in una sala prove con un registratore a cassetta, che vedrei bene marchiato Riding Easy o Rise Above. A suo modo un lavoro estremo.

[Dale P.]

Canzoni significative: Gloom & Tomb, Dread Breath.


Questa recensione Ú stata letta 201 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Goatsnake - Flower Of DiseaseGoatsnake
Flower Of Disease
Boris - Akuma No UtaBoris
Akuma No Uta
Boris - Heavy RocksBoris
Heavy Rocks