Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

The Inevitable Rise And Liberation Of NiggyTardust - Saul Williams (Autoproduzione)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Saul Williams - The Inevitable Rise And Liberation Of NiggyTardust
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2007
Produzione: Trent Reznor
Genere: rock / alternative / hip hop
Scheda autore: Saul Williams



Saul Williams è senza dubbio uno dei migliori artisti degli ultimi anni, ma non mostrando i muscoli su Mtv, trattando temi scomodi e scegliendo uscite trasversali rimane visibile solo per una stretta nicchia di attenti seguaci dell'"altro hip hop".

Questo disco risulta però importante per parecchi motivi: in primis la collaborazione con Trent Reznor, che ritorna a fare il talent scout (Marylin Manson e Filter sono due sue "creature") producendo il disco in modo ben più lucido rispetto agli ultimi lavori dei Nine Inch Nails. Oltre alla produzione di Trent non trascurabile il lavoro di mixaggio di Alan Moulder (Gary Numan, Smashing Pumpkins) e la presenza del fido Atticus Ross a garantire un sigillo "100% Nothing".

Secondo motivo di interesse è lo stesso del tanto chiacchierato "In Rainbows" dei Radiohead: la forma di distribuzione. Finalmente gli artisti dopo anni di lamentele hanno capito di doversi muovere in prima persona per cambiare le cose: grazie al web è possibile raggiungere chiunque senza dover per forza passare sotto le mani di una label.

Nel sito ufficiale dell'artista è quindi possibile scaricare l'album gratuitamente in alta qualità (192k) con copertina e booklet, in più se si vuole dare un contributo, con 5$ potete scaricare l'album anche a 320k e in formato FLAC.

Ma non ci sarebbe niente da dire se l'album non valesse neanche il tempo del download. E invece basi intelligenti e pesanti fanno da ottimo contrappunto alla voce di Saul, mai banale e sempre ficcante.

Curiosamente o meno il disco è fondamentale per i fan dei Nine Inch Nails, con cui condivono intenzioni, suoni, beat e impietoso incedere ma anche per tutti coloro che si sentono orfani di un vero "crossover".

Un disco che suona come il meglio degli anni 90 ma con una filosofia avanti di almeno 5 anni. Con buona pace dei Radiohead.

[Dale P.]

Canzoni significative: WTF, Convict Colony.

Questa recensione é stata letta 2535 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

AA.VV. - Vegetable Man Project Vol.2AA.VV.
Vegetable Man Project Vol.2
Quinto Stato - Quinto StatoQuinto Stato
Quinto Stato
Chelsea Wolfe - Birth Of ViolenceChelsea Wolfe
Birth Of Violence
Helms Alee - NoctilucaHelms Alee
Noctiluca
Yeah Yeah Yeahs - Fever To TellYeah Yeah Yeahs
Fever To Tell
Grinderman - GrindermanGrinderman
Grinderman
Amplifier - The OctopusAmplifier
The Octopus
Waax - Big GriefWaax
Big Grief
Pearl Jam - Immagine In Cornice [DVD]Pearl Jam
Immagine In Cornice [DVD]
Raconteurs, The - Broken Boy SoldierRaconteurs, The
Broken Boy Soldier