Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

The Inevitable Rise And Liberation Of NiggyTardust - Saul Williams (Autoproduzione)

Ultime recensioni

Might - MightMight
Might
Appalooza - The Holy Of HoliesAppalooza
The Holy Of Holies
Dry Cleaning - New Long LegDry Cleaning
New Long Leg
A.A. Williams - Songs From IsolationA.A. Williams
Songs From Isolation
Concrete Ships - In ObservanceConcrete Ships
In Observance
Tomahawk - Tonic ImmobilityTomahawk
Tonic Immobility
Lucidvox - We AreLucidvox
We Are
Eyehategod - A History of Nomadic BehaviorEyehategod
A History of Nomadic Behavior
Really From - Really FromReally From
Really From
Shame - Drunk Tank PinkShame
Drunk Tank Pink
Worn - Human WorkWorn
Human Work
My Morning Jacket - Waterfall IIMy Morning Jacket
Waterfall II
Uada - DjinnUada
Djinn
John Carpenter - Lost Themes IIIJohn Carpenter
Lost Themes III
Constance Tomb - MCMLXXXVIIIConstance Tomb
MCMLXXXVIII
Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time
Originalii - PendulumOriginalii
Pendulum
Divide And Dissolve - Gas LitDivide And Dissolve
Gas Lit
Portrayal Of Guilt - We Are Always AlonePortrayal Of Guilt
We Are Always Alone
Zola Mennanöh - Longing for BelongingZola Mennanöh
Longing for Belonging

Saul Williams - The Inevitable Rise And Liberation Of NiggyTardust
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2007
Produzione: Trent Reznor
Genere: rock / alternative / hip hop
Scheda autore: Saul Williams



Saul Williams è senza dubbio uno dei migliori artisti degli ultimi anni, ma non mostrando i muscoli su Mtv, trattando temi scomodi e scegliendo uscite trasversali rimane visibile solo per una stretta nicchia di attenti seguaci dell'"altro hip hop".

Questo disco risulta però importante per parecchi motivi: in primis la collaborazione con Trent Reznor, che ritorna a fare il talent scout (Marylin Manson e Filter sono due sue "creature") producendo il disco in modo ben più lucido rispetto agli ultimi lavori dei Nine Inch Nails. Oltre alla produzione di Trent non trascurabile il lavoro di mixaggio di Alan Moulder (Gary Numan, Smashing Pumpkins) e la presenza del fido Atticus Ross a garantire un sigillo "100% Nothing".

Secondo motivo di interesse è lo stesso del tanto chiacchierato "In Rainbows" dei Radiohead: la forma di distribuzione. Finalmente gli artisti dopo anni di lamentele hanno capito di doversi muovere in prima persona per cambiare le cose: grazie al web è possibile raggiungere chiunque senza dover per forza passare sotto le mani di una label.

Nel sito ufficiale dell'artista è quindi possibile scaricare l'album gratuitamente in alta qualità (192k) con copertina e booklet, in più se si vuole dare un contributo, con 5$ potete scaricare l'album anche a 320k e in formato FLAC.

Ma non ci sarebbe niente da dire se l'album non valesse neanche il tempo del download. E invece basi intelligenti e pesanti fanno da ottimo contrappunto alla voce di Saul, mai banale e sempre ficcante.

Curiosamente o meno il disco è fondamentale per i fan dei Nine Inch Nails, con cui condivono intenzioni, suoni, beat e impietoso incedere ma anche per tutti coloro che si sentono orfani di un vero "crossover".

Un disco che suona come il meglio degli anni 90 ma con una filosofia avanti di almeno 5 anni. Con buona pace dei Radiohead.

[Dale P.]

Canzoni significative: WTF, Convict Colony.

Questa recensione é stata letta 2603 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Idles - Ultra MonoIdles
Ultra Mono
Quinto Stato - Quinto StatoQuinto Stato
Quinto Stato
Estra - A Conficcarsi in Carne DEstra
A Conficcarsi in Carne D'Amore
Giorgio Canali - Giorgio Canali & RossofuocoGiorgio Canali
Giorgio Canali & Rossofuoco
White Stripes - White Blood CellsWhite Stripes
White Blood Cells
Waax - Big GriefWaax
Big Grief
 Tre Allegri Ragazzi Morti
La Testa Indipendente
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Melvins - TrilogyMelvins
Trilogy
Queens Of The Stone Age - Songs For The DeafQueens Of The Stone Age
Songs For The Deaf