Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Myth, Magic And Steel - Savage Master (Shadow Kingdom)

Ultime recensioni

Sons - Family DinnerSons
Family Dinner
Shock Narcotic - I Have Seen The Future And It DoesnShock Narcotic
I Have Seen The Future And It Doesn't Work
Eye Flys - ContextEye Flys
Context
Show Me The Body - Dog WhistleShow Me The Body
Dog Whistle
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Poppy - I DisagreePoppy
I Disagree
Body Hound - No MoonBody Hound
No Moon
Girl Band - The TalkiesGirl Band
The Talkies

Savage Master - Myth, Magic And Steel
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Shadow Kingdom
Anno: 2019
Produzione:
Genere: metal / hard / rock
Scheda autore: Savage Master



Tra i giovani revivalisti della New Wave Of Traditional Heavy Metal (NWOTHM), ovvero quel movimento che riporta in auge suoni e tematiche del primo heavy metal, c'era molta attesa per il terzo disco dei Savage Master, formazione del Kentucky con un immaginario visivo a metà tra Mentors, Plasmatics e Witchfinder General. Complice il conturbante aspetto della cantante Stacey "Savage" Peak, una manciata di singoli di anticipazione molto interessanti e l'approdo nella Shadow Kingdom Records, casa di molte produzioni retro-metal.

Il disco non credo deluderà tutti i revivalisti che vogliono rivivere i primi anni 80 (strano a dirsi ma la maggior parte sono giovanissimi): suoni grezzi, voce imperfetta, arrangiamenti scontati. Il disco è una sarabanda di clichè ma essendo clichè metal sono divertenti e contribuiscono alla buona riuscita delle canzoni, quasi tutte eccellenti. Un po' di Iron Maiden periodo DiAnno, un po' di Ronnie James Dio, Judas Priest, Manilla Road, Cirith Ungol, Doro, Bitch. Non ci si sposta da lì, come se il thrash e lo speed metal non fossero mai esistiti. In un prodotto di questo tipo non è un problema, anzi: basta staccare la testa e lasciarsi andare ad headbanging, corna al cielo e cantare a squarciagola gli anthemici ritornelli.

[Dale P.]

Canzoni significative: The Owl, Flyer In The Night, Myth, Magic and Steel.


Questa recensione é stata letta 85 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Black Sabbath - Past LivesBlack Sabbath
Past Lives
Black Sabbath - ParanoidBlack Sabbath
Paranoid
Black Sabbath - We Sold Our Soul For RockBlack Sabbath
We Sold Our Soul For Rock'n'Roll
Idle Hands - ManaIdle Hands
Mana
Ghost - Opus EponymousGhost
Opus Eponymous
Black Label Society - 1919 EternalBlack Label Society
1919 Eternal
Tony Iommi - The 1996 Dep SessionsTony Iommi
The 1996 Dep Sessions