Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Myth, Magic And Steel - Savage Master (Shadow Kingdom)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Savage Master - Myth, Magic And Steel
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Shadow Kingdom
Anno: 2019
Produzione:
Genere: metal / hard rock / rock
Scheda autore: Savage Master



Tra i giovani revivalisti della New Wave Of Traditional Heavy Metal (NWOTHM), ovvero quel movimento che riporta in auge suoni e tematiche del primo heavy metal, c'era molta attesa per il terzo disco dei Savage Master, formazione del Kentucky con un immaginario visivo a metà tra Mentors, Plasmatics e Witchfinder General. Complice il conturbante aspetto della cantante Stacey "Savage" Peak, una manciata di singoli di anticipazione molto interessanti e l'approdo nella Shadow Kingdom Records, casa di molte produzioni retro-metal.

Il disco non credo deluderà tutti i revivalisti che vogliono rivivere i primi anni 80 (strano a dirsi ma la maggior parte sono giovanissimi): suoni grezzi, voce imperfetta, arrangiamenti scontati. Il disco è una sarabanda di clichè ma essendo clichè metal sono divertenti e contribuiscono alla buona riuscita delle canzoni, quasi tutte eccellenti. Un po' di Iron Maiden periodo DiAnno, un po' di Ronnie James Dio, Judas Priest, Manilla Road, Cirith Ungol, Doro, Bitch. Non ci si sposta da lì, come se il thrash e lo speed metal non fossero mai esistiti. In un prodotto di questo tipo non è un problema, anzi: basta staccare la testa e lasciarsi andare ad headbanging, corna al cielo e cantare a squarciagola gli anthemici ritornelli.

[Dale P.]

Canzoni significative: The Owl, Flyer In The Night, Myth, Magic and Steel.


Questa recensione é stata letta 110 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Black Label Society - 1919 EternalBlack Label Society
1919 Eternal
Black Sabbath - ParanoidBlack Sabbath
Paranoid
Black Sabbath - We Sold Our Soul For RockBlack Sabbath
We Sold Our Soul For Rock'n'Roll
Ghost - Opus EponymousGhost
Opus Eponymous
Black Sabbath - Past LivesBlack Sabbath
Past Lives
Idle Hands - ManaIdle Hands
Mana
Tony Iommi - The 1996 Dep SessionsTony Iommi
The 1996 Dep Sessions