Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Strait Up - Snot (Virgin)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Snot - Strait Up
Voto:
Etichetta: Virgin
Anno: 2000
Produzione:
Genere: metal / nu-metal / crossover
Scheda autore: Snot



Straordinario. Non ci sono altre parole per commentare questo disco. In certi casi viene da dire che la morte di qualcuno porta a incredibili idee da chi gli è stato vicino. Tutto i più grandi nomi della scena numetal americana si sono dati appuntamento in questo disco tributo al defunto cantante degli Snot: Lynn Strait. Ma non è per una questione, per così dire, commerciale. Tutti questi cantanti erano grandi amici di Lynn. E hanno prestato la loro voce per ricordare al mondo quanto grande fosse Lynn. Volete qualche nome? Serj dei System Of A Down, Jonathan Davis dei Korn, M.C.U.D. degli (Hed)p.e., Max Cavalera dei Soulfly, Jason degli R.K.L., Brandon degli Incubus, Lajon dei Sevendust, Fred Durst dei Limp Bizkit, Dez dei Coal Chamber, Corey Taylor degli Slipknot, Mark dei Sugar Ray più un intervento parlato di Ozzy Osbourne. Il disco è un grande tributo a Lynn senza grosse modifiche al suono tipico degli Snot. Le canzoni sono potentissime, piene di dolore e rabbia, ma anche di amore. Le tracce più riuscite sono però quelle più lente. Il cantante dei Sevendust da l'anima in Angel's Son, primo singolo accoppiato ad un video che ricorda certi momenti di quello di Hunger Strike, guarda caso altro splendido tributo a un cantante morto prematuramente. Nel video si vedono anche tutte quelle persone che non sono presenti nel disco ma che stimavano Lynn: le Kittie, i Disturbed, Machine Head e altri, più alcuni che hanno partecipato al disco come i Coal Chamber e i Sugar Ray. Vederli tutti assieme fa un certo effetto. Un'altra canzone splendida è Reaching Out cantata da Mark dei Sugar Ray. Ma il disco non conosce soste. Si fa amare dall'inizio alla fine. Perchè rivaluta un gruppo di culto. Un grande gruppo di culto. Che avrebbe meritato il successo che oggi tanti gruppi della scena stanno raggiungendo. Questo sarà l'ultimo disco degli Snot. Probabilmente neanche un live album verrà pubblicato. Gli ex membri del gruppo non vogliono sfruttare la morte di Lynn. Questo è solo un dovuto addio e un grandissimo disco che avremmo voluto sentire con la voce di Lynn.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.


Questa recensione é stata letta 6458 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

 Unsifted
Unsifted
Deftones - AdrenalineDeftones
Adrenaline
Amen - WeAmen
We've Come For Your Parents
Korn - IssuesKorn
Issues
Deftones - DeftonesDeftones
Deftones
System Of A Down - Steal This Album!System Of A Down
Steal This Album!
Reflections - Free ViolenceReflections
Free Violence
Mad Capsule Markets - Osc DisMad Capsule Markets
Osc Dis
System Of A Down - ToxicitySystem Of A Down
Toxicity
Rex Devon / Family Pusher - Loudblast Split Vol5Rex Devon / Family Pusher
Loudblast Split Vol5