Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Strait Up - Snot (Virgin)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Snot - Strait Up
Voto:
Etichetta: Virgin
Anno: 2000
Produzione:
Genere: metal / nu-metal / crossover
Scheda autore: Snot



Straordinario. Non ci sono altre parole per commentare questo disco. In certi casi viene da dire che la morte di qualcuno porta a incredibili idee da chi gli è stato vicino. Tutto i più grandi nomi della scena numetal americana si sono dati appuntamento in questo disco tributo al defunto cantante degli Snot: Lynn Strait. Ma non è per una questione, per così dire, commerciale. Tutti questi cantanti erano grandi amici di Lynn. E hanno prestato la loro voce per ricordare al mondo quanto grande fosse Lynn. Volete qualche nome? Serj dei System Of A Down, Jonathan Davis dei Korn, M.C.U.D. degli (Hed)p.e., Max Cavalera dei Soulfly, Jason degli R.K.L., Brandon degli Incubus, Lajon dei Sevendust, Fred Durst dei Limp Bizkit, Dez dei Coal Chamber, Corey Taylor degli Slipknot, Mark dei Sugar Ray più un intervento parlato di Ozzy Osbourne. Il disco è un grande tributo a Lynn senza grosse modifiche al suono tipico degli Snot. Le canzoni sono potentissime, piene di dolore e rabbia, ma anche di amore. Le tracce più riuscite sono però quelle più lente. Il cantante dei Sevendust da l'anima in Angel's Son, primo singolo accoppiato ad un video che ricorda certi momenti di quello di Hunger Strike, guarda caso altro splendido tributo a un cantante morto prematuramente. Nel video si vedono anche tutte quelle persone che non sono presenti nel disco ma che stimavano Lynn: le Kittie, i Disturbed, Machine Head e altri, più alcuni che hanno partecipato al disco come i Coal Chamber e i Sugar Ray. Vederli tutti assieme fa un certo effetto. Un'altra canzone splendida è Reaching Out cantata da Mark dei Sugar Ray. Ma il disco non conosce soste. Si fa amare dall'inizio alla fine. Perchè rivaluta un gruppo di culto. Un grande gruppo di culto. Che avrebbe meritato il successo che oggi tanti gruppi della scena stanno raggiungendo. Questo sarà l'ultimo disco degli Snot. Probabilmente neanche un live album verrà pubblicato. Gli ex membri del gruppo non vogliono sfruttare la morte di Lynn. Questo è solo un dovuto addio e un grandissimo disco che avremmo voluto sentire con la voce di Lynn.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.


Questa recensione é stata letta 6485 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Spineshank - The Height Of CallousnessSpineshank
The Height Of Callousness
AA.VV. - Babylon Magazine CompilationAA.VV.
Babylon Magazine Compilation
Mad Capsule Markets - Osc DisMad Capsule Markets
Osc Dis
Disturbed - The SicknessDisturbed
The Sickness
Thisgust - ThisgustThisgust
Thisgust
Snot - Strait UpSnot
Strait Up
Hapax - No One Knows...Hapax
No One Knows...
 Madhouse
Pig!
Deftones - Around The FurDeftones
Around The Fur
Incubus - Make YourselfIncubus
Make Yourself