Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Sonic Flower - Me And My Bellbottom Blues (Heavy Psych Sounds)

Ultime recensioni

Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace
Gouge Away - Deep SageGouge Away
Deep Sage
The Body - & Dis Fig - Orchards of a Futile HeavenThe Body
& Dis Fig - Orchards of a Futile Heaven
Chelsea Wolfe - She Reaches Out To She Reaches Out To SheChelsea Wolfe
She Reaches Out To She Reaches Out To She
Matt Cameron - Gory Scorch CretinsMatt Cameron
Gory Scorch Cretins
Sprints - Letter To SelfSprints
Letter To Self
meth. - Shamemeth.
Shame
Hauntologist - HollowHauntologist
Hollow
Eye Flys - Eye FlyesEye Flys
Eye Flyes
Slift - IlionSlift
Ilion
Flooding - Silhoutte MachineFlooding
Silhoutte Machine
Remote Viewing - Modern AddictionsRemote Viewing
Modern Addictions
High Priest - InvocationHigh Priest
Invocation
Briqueville - IIIIBriqueville
IIII

Sonic Flower - Me And My Bellbottom Blues
Autore: Sonic Flower
Titolo: Me And My Bellbottom Blues
Etichetta: Heavy Psych Sounds
Anno: 2022
Produzione: Yukito Okazaki
Genere: rock / stoner / psych

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta Me And My Bellbottom Blues





Il primo disco dei Sonic Flower è uno dei migliori album stoner di sempre: se non lo conoscete andate a procacciarvelo senza indugi, se lo conoscete sarete senz'altro d'accordo con me. La band nacque come side project hard rock dei Church Of Misery ma purtroppo si sciolse quasi subito. L'anno scorso la Heavy Psych ripescò dai cassetti della band alcune registrazioni inedite e assemblò "Rides Again" che fin dal titolo lasciava intendere che la band si stava rimettendo in moto.

Inevitabilmente la formazione è parecchio ritoccata ma la bella novità è la presenza di Kazuhiro Asaeda, primo cantante dei Church Of Misery che si affianca ai nuovi Toshiaki Umemura (batteria) e Fumiya Hattori (chitarra). Ovviamente a dettare le regole del gioco è il bassista Tatsu Mikami che all'inizio dell'anno ha chiuso i compari in studio con Yukito Okazaki degli Eternal Elysium per registrare questo epico ritorno. Il risultato è decisamente diverso rispetto al disco del 2003 ed è un bene perchè quel lavoro deve rimanere un'opera a sè. Il sound qui si fa più stoner - blues, un po' per le influenze del nuovo chitarrista e un po' per la voce alla Garcia di Kazuhiro. Siamo quindi dalle parti del sound Kyuss ma inspessito da riff hard rock che devono agli anni 70 più heavy. Un po' come i Nebula ma più massicci e meno psych.

Un disco che non può mancare nella collezione di ogni "Church Of Misery addicted".

[Dale P.]

Canzoni significative: Captain Frost, Love Like Rubber.

Questa recensione é stata letta 422 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Brant Bjork - JacoozziBrant Bjork
Jacoozzi
Kal-El - Dark MajestyKal-El
Dark Majesty
Vortice Cremisi - PromoVortice Cremisi
Promo
Clutch - Strange Cousins From The WestClutch
Strange Cousins From The West
Atomic Bitchwax - The Local FuzzAtomic Bitchwax
The Local Fuzz
Rotor - 4Rotor
4
Queens Of The Stone Age - Feel Good Hit Of The SummerQueens Of The Stone Age
Feel Good Hit Of The Summer
Om - Advaitic SongsOm
Advaitic Songs
Queens Of The Stone Age - Q.O.T.S.A.Queens Of The Stone Age
Q.O.T.S.A.
Fuzz - IIIFuzz
III