Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Sonic Flower - Me And My Bellbottom Blues (Heavy Psych Sounds)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

Sonic Flower - Me And My Bellbottom Blues
Autore: Sonic Flower
Titolo: Me And My Bellbottom Blues
Etichetta: Heavy Psych Sounds
Anno: 2022
Produzione: Yukito Okazaki
Genere: rock / stoner / psych

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta Me And My Bellbottom Blues





Il primo disco dei Sonic Flower è uno dei migliori album stoner di sempre: se non lo conoscete andate a procacciarvelo senza indugi, se lo conoscete sarete senz'altro d'accordo con me. La band nacque come side project hard rock dei Church Of Misery ma purtroppo si sciolse quasi subito. L'anno scorso la Heavy Psych ripescò dai cassetti della band alcune registrazioni inedite e assemblò "Rides Again" che fin dal titolo lasciava intendere che la band si stava rimettendo in moto.

Inevitabilmente la formazione è parecchio ritoccata ma la bella novità è la presenza di Kazuhiro Asaeda, primo cantante dei Church Of Misery che si affianca ai nuovi Toshiaki Umemura (batteria) e Fumiya Hattori (chitarra). Ovviamente a dettare le regole del gioco è il bassista Tatsu Mikami che all'inizio dell'anno ha chiuso i compari in studio con Yukito Okazaki degli Eternal Elysium per registrare questo epico ritorno. Il risultato è decisamente diverso rispetto al disco del 2003 ed è un bene perchè quel lavoro deve rimanere un'opera a sè. Il sound qui si fa più stoner - blues, un po' per le influenze del nuovo chitarrista e un po' per la voce alla Garcia di Kazuhiro. Siamo quindi dalle parti del sound Kyuss ma inspessito da riff hard rock che devono agli anni 70 più heavy. Un po' come i Nebula ma più massicci e meno psych.

Un disco che non può mancare nella collezione di ogni "Church Of Misery addicted".

[Dale P.]

Canzoni significative: Captain Frost, Love Like Rubber.

Questa recensione é stata letta 461 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Kyuss - Muchas Gracias - The BestKyuss
Muchas Gracias - The Best
Chè - Sounds Of LiberationChè
Sounds Of Liberation
Fu Manchu - DaredevilFu Manchu
Daredevil
Queens Of The Stone Age - Q.O.T.S.A.Queens Of The Stone Age
Q.O.T.S.A.
Boris - Heavy Rocks 2022Boris
Heavy Rocks 2022
Masters Of Reality - FlikMasters Of Reality
Flik'n'Flight
AA.VV. - Desert Sound - The Spaghetti Session Vol.1AA.VV.
Desert Sound - The Spaghetti Session Vol.1
Colt 38 - Colt ThirtyeightColt 38
Colt Thirtyeight
Brant Bjork - JacoozziBrant Bjork
Jacoozzi
Gea - RuggineGea
Ruggine