Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk [ indie ] experimental pop elettronica

Technology Won't Save Us - Sophia (Flower Shop)

Ultime recensioni

Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson
Green Day - Father Of AllGreen Day
Father Of All
Coastal County - Coastal CountyCoastal County
Coastal County
Sepultura - QuadraSepultura
Quadra
Khruangbin - & Leon Bridges -  Texas SunKhruangbin
& Leon Bridges - Texas Sun
Battles - Juice B CryptsBattles
Juice B Crypts
Hallas - ConundrumHallas
Conundrum
Chubby And The Gang - Speed KillsChubby And The Gang
Speed Kills
Ryte - RyteRyte
Ryte
Dune Rats - Hurry Up And WaitDune Rats
Hurry Up And Wait
Kytaro - White Noise For KidsKytaro
White Noise For Kids
Black Road - Witch Of The FutureBlack Road
Witch Of The Future
Midnight - Rebirth By BlasphemyMidnight
Rebirth By Blasphemy
Nero Di Marte - ImmotoNero Di Marte
Immoto
Mortiis - Spirit Of RebellionMortiis
Spirit Of Rebellion
Bohren & Der Club Of Gore - Patchouli BlueBohren & Der Club Of Gore
Patchouli Blue
Kirk Windstein - Dream In MotionKirk Windstein
Dream In Motion

Sophia - Technology Won't Save Us
Voto:
Anno: 2006
Produzione:
Genere: indie / pop / rock



Il secondo progetto musicale dell'ex God Machine Robin Proper Sheppard è stato, nel periodo di fine millennio, una delle realtà più riuscite di quel panorama a cavallo tra il cantautorato indipendente e il rock elettracustico dell'era post-grunge. Da qualche anno la creatura di chi, tra alti e bassi, ha dato alla luce nella sua carriera almeno tre lavori 'a cinque stelle' sta cambiando (molto lentamente) pelle. Viene meno sempre più il preponderante assetto voce-chitarra, a favore di un range stilistico più vasto, ma anche incerto nelle sue incursioni elettroniche e orchestrali.

La fatalista 'Technology won't save us', titletrack in apertura a quest'ultima fatica, è quanto di più vicino alle atmosfere apocalittiche di 'Scenes from the second storey' offertoci dal nuovo corso del songwriter inglese. Riuscitissima, ma terribilmente fuori luogo nell'introdurre un disco che orbita ancora attorno all' autoindulgente malinconia di 'People are like seasons'... suona come una conclusione prima della premessa. Il bersaglio emotivo del disco spazzato via dopo tre minuti.

Dopo l'assalto radiofonico di 'Pace', poco più che una mediocre rivisitazione di 'Waiting for my man', inizia il percorso vero e proprio in una serie di canzoni spesso ispirate e intense, tra cui spiccano le gradevoli 'Where are you now' e 'Lost'. Shepard difficilmente perderà la capacità di emozionare il suo pubblico, perchè ha dalla sua parte il grande dono della semplicità compositiva, unita ad un talento indiscutibile per la scrittura vocale. Poco stimolante ma parzialmente riuscito é l'intermezzo strumentale di 'Twilight at the hotel Moskow': il post-rock non è proprio la forma espressiva più calzante per l'autore.

Questo disco varrebbe molto meno senza quella gemma eccezionale che è 'P.1\P.2': questo brano non avrebbe sfigurato in quel capolavoro dalla copertina tutta bianca che segnò la fine prematura di una leggenda underground. Ascoltando poi la trascurabile sessione strumentale in chiusura si è, fortunatamente, ancora permeati dalla stordente magia di questa splendida canzone.

In definitiva un lavoro onesto, ma tremendamente mal assemblato e discontinuo.

[Morgan]

Canzoni significative: P.1\P.2, Where are you now, Technology won't save us.


Questa recensione é stata letta 3002 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

11/07/2004VareseGhost Day 2004

tAXI dRIVER consiglia

Beck - Sea ChangeBeck
Sea Change
Odawas - The Aether EaterOdawas
The Aether Eater
Wilco - Yankee Hotel FoxtrotWilco
Yankee Hotel Foxtrot
Breakfast - BreakfastBreakfast
Breakfast
AA.VV. - Lo Zecchino DAA.VV.
Lo Zecchino D'Oro Dell'Underground
Elliott Smith - Figure 8Elliott Smith
Figure 8
Vincent Gallo - WhenVincent Gallo
When
Pecksniff - The Book Of Stanley CreepPecksniff
The Book Of Stanley Creep
Saeta - We Are Waiting All For HopeSaeta
We Are Waiting All For Hope
Egokid - The Egotrip Of The EgokidEgokid
The Egotrip Of The Egokid