Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Staind - The Singles 1996-2006 (Atlantic)

Ultime recensioni

Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...
Primitive Man - InsurmountablePrimitive Man
Insurmountable
Come To Grief - When The World DiesCome To Grief
When The World Dies
Sirom - The Liquified Throne of SimplicitySirom
The Liquified Throne of Simplicity
Deathbell - A Nocturnal CrossingDeathbell
A Nocturnal Crossing
Wucan - Heretic TonguesWucan
Heretic Tongues
Voivod - Synchro AnarchyVoivod
Synchro Anarchy
Blut Aus Nord - Disharmonium - Undreamable AbyssesBlut Aus Nord
Disharmonium - Undreamable Abysses
Emma Ruth Rundle - EG2 Dowsing VoiceEmma Ruth Rundle
EG2 Dowsing Voice
Wyatt E. - Al Beluti DaruWyatt E.
Al Beluti Daru
Wo Fat - The SingularityWo Fat
The Singularity

Staind - The Singles 1996-2006
Autore: Staind
Titolo: The Singles 1996-2006
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / grunge / post-grunge

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




In tempi di strenne natalizie gli Staind ne approfittano per festeggiare anche il decennale della propria carriera.

Nel 1996 diedero alle stampe l'esordio autoprodotto "Tormented", il quale finì nelle mani di Fred Durst, leader dei Limp Bizkit e talent scout della Interscope tramite la sussidiaria Flip. Inorridito dalla copertina "grind" e blasfema scoprì però una band sensazionale nell'unire le chitarre ribassate del nu-metal con la depressione tipica del grunge.

Il cantante Aaron Lewis svettava per il suo timbro dolente ed enfatico, pur non essendo il solito clone di Vedder o di Staley.

Questo Greatest Hits riparte proprio dal primo disco, piazzando in apertura "Come Again", diamante ancora grezzo proveniente da quell'esordio di 10 anni fa.

I tempi cambiano e mentre tutti sembrano abiurare il numetal noi lo ricordiamo ancora con piacere perchè prese una generazione grunge ormai allo sbando e la traghettò verso suoni più potenti e moderni. Che poi, in breve tempo, abbia plasmato mostri orribili, è un problema comune di tutti i generi.

Il secondo disco "Dysfunction" fu accolto dalla generazione "Korn" come un vero e proprio disco simbolo di come il grunge potesse flirtare con il nu risultando credibile e inellando una sull'altra una serie di brani ormai immortali. Dispiace che da questo disco vengano pescate solo "Mudshovel" e "Home", pur avendo venduto più di due milioni di copie.

La band si muoveva ancora in ambiti di secondo piano andando in tournèe con tutte le band del genere ma come semplice spalla e venendo pubblicizzata come "next big thing".

Dello stesso periodo dispiace che non sia stata ripescata neanche "Bring The Noise" suonata con Fred Durst, il quale, però, è presente in "Outside", toccante performance tratta dal Family Values e che verrà inserita in "Break The Cycle".

La "next big thing" non fu più "next" quando, dal terzo disco "Break The Cycle" fu estratto il singolo "It's Been Awhile". In breve, quella semplice melodia depressa suonata su pochi accordi di chitarra acustica, entrò nelle playlist di mezzo mondo radiofonico e televisivo, generando hype e soldoni e facendo vendere all'album, solo negli Stati Uniti, più di 7 milioni di copie.

La band divenne la risposta al bisogno di nuovi Alice In Chains, che grazie ai dischi acustici (Sap ma soprattutto Jar Of Flies) vendettero milioni di copie. Dal disco furono quindi estrapolate le ballad più strappalacrime: "Epiphany" rappresenta in pieno lo spirito del disco.

Aaron Lewis non cambia le carte in tavola per 14 Shades Of Grey, che risulta quindi meno ispirato e più legato ai stilemi già trattati di dolenza e depressione. Una band, per chi scrive, non si può basare solo sulla splendida voce del leader.

Siamo quindi in tempi recenti e per fortuna con "Chapter V" si torna ai fasti di Dysfunction con brani più grintosi e riusciti. Dal disco vengono riprese "Right Here", "Falling" e la versione acustica di "Everything Changes".

Arrivati fino alla corsa troviamo ancora 3 brani in cui la band ci propone tre cover acustiche: "Nutshell" degli Alice In Chains, "Sober" dei Tool e "Confortably Numb" dei Pink Floyd. Da prendere come chicche e nulla più.

In definitiva per chi vuole avventurarsi nella conoscenza della band qua troverà il meglio. Ma se dovessi consigliarvi anche solo un lavoro non dovrete fare altro che rivolgervi a "Dysfunction" per poi passare al successivo "14 Shades Of Grey".

[Dale P.]

Canzoni significative: Mudshovel, Outside, Epiphany.


Questa recensione é stata letta 3853 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Staind - 14 Shades Of GreyStaind
14 Shades Of Grey
Staind - Break The CycleStaind
Break The Cycle
Staind - Chapter VStaind
Chapter V

NEWS


18/10/2006 Greatest Hits In CD e DVD

tAXI dRIVER consiglia

Soundgarden - Ultramega OkSoundgarden
Ultramega Ok
Soundgarden - BadmotorfingerSoundgarden
Badmotorfinger
Nirvana - NevermindNirvana
Nevermind
Mudhoney - MudhoneyMudhoney
Mudhoney
Pearl Jam - TenPearl Jam
Ten
Lingua - The Smell Of A Life That Could Have BeenLingua
The Smell Of A Life That Could Have Been
Pearl Jam - VitalogyPearl Jam
Vitalogy
AA.VV. - Sub Pop 200AA.VV.
Sub Pop 200
Jerry Cantrell - BrightenJerry Cantrell
Brighten
Alice In Chains - SAP EPAlice In Chains
SAP EP