Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Green River - Dry As A Bone/Rehab Doll (Sub Pop)

Ultime recensioni

Orange Goblin - Science Not FictionOrange Goblin
Science Not Fiction
Crypt Sermon - The Stygian RoseCrypt Sermon
The Stygian Rose
Shooting Daggers - Love & RageShooting Daggers
Love & Rage
Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast

Green River - Dry As A Bone/Rehab Doll
Autore: Green River
Titolo: Dry As A Bone/Rehab Doll
Etichetta: Sub Pop
Anno: 1988
Produzione:
Genere: rock / grunge / punk

Voto:



Dopo il seminale "Come On Down" Steve Turner se ne và, infastidito dalle pose metal dei compagni Stone Gossard e Jeff Ament, colpevoli di cercare il successo a tutti i costi sacrificando la purezza musicale. Il tempo darà ragione sì a Turner (Jeff e Stone fonderanno i multimilionari Pearl Jam) ma anche torto dato che i Mudhoney (di cui diverrà chitarrista) in pieno periodo d'oro grunge non si fecero scappare l'occasione di firmare per una major e assicurarsi una pensione di tutto rispetto! Oltretutto dopo quel mitico EP, la Homestead cacciò il gruppo (non ci fece una lira) e se li assicurò l'appena nata Sub Pop. Nel giro di 3 anni i nostri riuscirono a scrivere solo 5 canzoni, che finiranno nell'EP "Dry As A Bone". L'EP forgiò il grunge. Bastava prendere un successivo disco marchiato Sub Pop per capire che tutto deriva da qui. Le chitarre, specialità del produttore Jack Endino (allora negli altrettanto seminali Skin Yard), sono laceranti e toste, mai pompose e belle grezze. Ascoltando le canzoni ci chiediamo cosa potessero avere di metal, ma, allo stesso tempo, non avevano niente di punk. Era una geniale commistione dei due generi, presto chiamato grunge. Se volete sapere la definizione di questo genere cercate tra questi solchi. Bellissima l'iniziale "This Town" e la stoogesiana "Unwind". Nella ristampa che si trova nei negozi ora sono presenti 3 brani inediti (una alternate version di "Searchin'", "Ain't Nothing To Do" dei Dead Boys e "Queen Bitch" di David Bowie) e il primo vero disco della band: "Rehab Doll". L'esordio "adulto" arriverà dopo lo scioglimento e ha poco a che fare con il sound che aveva la band fino ad allora. La musica si rifà allo street in voga in quel periodo e non regala niente di straordinariamente originale come gli EP pubblicati fino ad allora. Sembra una versione grezza e mal prodotta dei futuri Mother Love Bone. I curiosi troveranno comunque qualche episodio notevole.

[Dale P.]

Canzoni significative: This Town, Unwind, Ain't Nothing To Do, Queen Bitch.


Questa recensione é stata letta 4985 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Green River - Come On DownGreen River
Come On Down

NEWS


16/02/2011 Al Lavoro Su Nuovo Materiale

tAXI dRIVER consiglia

Godsmack - FacelessGodsmack
Faceless
Loveblobs - Prehistoric ExtractionLoveblobs
Prehistoric Extraction
Pearl Jam - Live At The Garden [DVD]Pearl Jam
Live At The Garden [DVD]
Pearl Jam - YieldPearl Jam
Yield
Mudhoney - Piece Of CakeMudhoney
Piece Of Cake
Pearl Jam - No CodePearl Jam
No Code
Nirvana - NevermindNirvana
Nevermind
Mudhoney - My Brother The CowMudhoney
My Brother The Cow
Nirvana - In UteroNirvana
In Utero
AA.VV. - Sub Pop 200AA.VV.
Sub Pop 200