Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental pop [ elettronica ]

Subinterior - Selaxon Lutberg / Split (Coldcurrent)

Ultime recensioni

Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...
Primitive Man - InsurmountablePrimitive Man
Insurmountable
Come To Grief - When The World DiesCome To Grief
When The World Dies
Sirom - The Liquified Throne of SimplicitySirom
The Liquified Throne of Simplicity
Deathbell - A Nocturnal CrossingDeathbell
A Nocturnal Crossing
Wucan - Heretic TonguesWucan
Heretic Tongues
Voivod - Synchro AnarchyVoivod
Synchro Anarchy
Blut Aus Nord - Disharmonium - Undreamable AbyssesBlut Aus Nord
Disharmonium - Undreamable Abysses
Emma Ruth Rundle - EG2 Dowsing VoiceEmma Ruth Rundle
EG2 Dowsing Voice
Wyatt E. - Al Beluti DaruWyatt E.
Al Beluti Daru
Wo Fat - The SingularityWo Fat
The Singularity

Subinterior - Selaxon Lutberg / Split
Titolo: Selaxon Lutberg / Split
Etichetta: Coldcurrent
Anno: 2006
Produzione:
Genere: elettronica / ambient / dark

Voto:



NB: Recensito in coppia con SUBINTERIOR 'The chrysalis secret' Afe records, 2005

Subinterior è un eccellente artista italiano di dark ambient, con alle spalle già una consistente produzione tra albums e collaborazioni. In questi giorni mi vengono proposti due lavori che lo vedono coinvolto: due cdr che non posso esimermi dal recensire, nonostante uno di essi abbia ormai più di un anno di vita e nonostante il genere proposto non sia proprio tra i più gettonati in redazione. In fondo si tratta di musica estrema, non ci sono dubbi.

Il primo della lista è uno split recentissimo nato in collaborazione con un altro personaggio della scena suddetta, Andrea Penso, patron della Coldcurrent e spregiudicato isolazionista sotto lo pseudonimo Selaxon Lutberg. Il tema è l'inverno, la stagione in cui ha avuto luogo questo incontro musicale. Ce ne sarà uno per ogni stagione a venire. Il secondo cd, un full lenght su Afe records, è un inquietante concept sulla figura della crisalide.

Da un punto di vista strettamente tecnico i due lavori sono ineccepibili, in quanto sfoggiano una notevole qualità sonora, priva di sbavature o fruscii, e caratterizzata da bassi puliti, profondi e potenti.

Musicalmente parlando ci troviamo innanzi ad una proposta decisamente ispirata ai Raison d'Etre del capolavoro 'In sadness, silence...', vale a dire: cupi drones in lontananze siderali, effetti sonori e field recordings a tappeto, melodie rarefatte che si susseguono con grande lentezza e in assenza totale di ritmo (oserei dire di tempo). Rispetto al progetto di Peter Andersson manca la componente industrial-rumoristica, a favore di composizioni ancora più meditative e fluide. Ma non si tratta di una copia carbone del maestro svedese: l'artista milanese assembla superbamente queste componenti infarcendo qua e là con sinistri sintetizzatori una serie di suites talmente ben scritte da gettare persino sul concept del disco inquietanti interrogativi. E' proprio l'equilibrio formale il punto di forza di Subinterior: i brani sono estremamente coinvolgenti anche nella loro minimale staticità, proprio perchè composti cercando consapevolmente (e ottenendo) la massima resa espressiva che questa nicchia stilistica può offrire. I paesaggi variano inaspettatamente ma gradualmente, e sempre prima che la mente in ascolto possa estraniarsi totalmente per la ridondanza. In sostanza questa è musica molto 'varia', pur mantenendo in apparenza la monotonia di cui necessita il lato funzionale di una musica per ambienti. Un'atmosfera drammatica pervade i due lavori, che a tratti mi ricordano persino le Aghast (ma con un approccio più concreto). Pur non essendo un cultore, devo dire che si tratta del miglior dark ambient che mi sia capitato di sentire, un superamento qualitativo dei maestri del genere. Acquisto consigliato a tutti, neofiti compresi: un prodotto veramente underground ma dallo spessore incredibile.

A questo punto è auspicabile un ulteriore passo in avanti... oltre il muro che fa da confine tra i generi.

[Morgan]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione é stata letta 2825 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Subinterior - The Chrysalis SecretSubinterior
The Chrysalis Secret

tAXI dRIVER consiglia

Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Subinterior - The Chrysalis SecretSubinterior
The Chrysalis Secret
Kevin Richard Martin - NightcrawlerKevin Richard Martin
Nightcrawler
Subinterior - Selaxon Lutberg / SplitSubinterior
Selaxon Lutberg / Split