Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk indie experimental pop [ elettronica ]

Team Sleep - Team Sleep (Maverick)

Ultime recensioni

Boris - & Merzbow - 2R0I2P0Boris
& Merzbow - 2R0I2P0
Dale Crover - Rat-A-Tat-Tat!Dale Crover
Rat-A-Tat-Tat!
Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio
Primitive Man - ImmersionPrimitive Man
Immersion

Team Sleep - Team Sleep
Voto:
Anno: 2005
Produzione:
Genere: elettronica / rock /
Scheda autore: Team Sleep



E finalmente arriva in tutti i negozi di dischi l'esordio dei Team Sleep. E' dai tempi di "White Pony" che si parla di questo progetto di Chino Moreno dato che alcuni brani scritti per i TS finirono ai Deftones.

Della band, da anni, girano in rete concerti, demos e bootleg di qualsiasi genere; addirittura l'album in questione molti mesi prima della sua uscita ufficiale. Sembra quasi una mossa pubblicitaria della nuova generazione discografica.

Ma, purtroppo, così non è. Anche perchè il disco in questione non è così bello da garantirsi una promozione da solo. Anzi.

Sarà proprio perchè sapevo già cosa aspettarmi ma non avevo nessuna voglia di ascoltarmi l'album. Per dovere di cronaca l'ho fatto e... effettivamente suona esattamente come credevo. Ovvero una versione senza chitarre di White Pony. Ed è proprio come sembra: noioso. Riff parecchio semplici (scritti probabilmente da Chino a casa credendosi un grande songwriter), ritmi blandi (anche se alla batteria c'è sua maestà Zach Hill degli Hella), dinamicità praticamente nulla. L'atmosfera c'è ma, per dire, non siamo certo ai livelli dei Massive Attack (a cui si ispirano palesemente).

Tutto il disco si basa sulla voce di Chino (e la cosa mi sembra normale dato che è il suo progetto solista), sempre splendida e magnetica. Ascoltandola capisci al volo che i tanti imitatori non toccheranno mai le sue vette. Ma, purtroppo, mancano le belle canzoni; cosa che rende il disco consigliabile solo ai fan dei Deftones.

Il voto comunque sufficiente è solo per quella voce. Ma se volete un consiglio risparmiate i soldi e mettete sullo stereo "White Pony".

[Dale P.]

Canzoni significative: Ataraxia, Our Ride To The Reactory.

Questa recensione é stata letta 4126 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia