Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk indie experimental pop [ elettronica ]

Team Sleep - Team Sleep (Maverick)

Ultime recensioni

AA.VV. - What Is This That Stands Before Me?AA.VV.
What Is This That Stands Before Me?
Deafbrick - DeafbrickDeafbrick
Deafbrick
Irreversible Entanglements - Who Sent You?Irreversible Entanglements
Who Sent You?
Jeff Parker - Suite For Max BrownJeff Parker
Suite For Max Brown
En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome
L.A.Witch - Play With FireL.A.Witch
Play With Fire
Couch Slut - Take A Chance On Rock Couch Slut
Take A Chance On Rock 'n' Roll
Kall - BrandKall
Brand
Boris - NOBoris
NO
Phoebe Bridgers - PunisherPhoebe Bridgers
Punisher
Ils - CurseIls
Curse
Motorpsycho - The All Is OneMotorpsycho
The All Is One
Bully - SugareggBully
Sugaregg
Lina Rodrigues Refree - Lina_Raül RefreeLina Rodrigues Refree
Lina_Raül Refree
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Thou - A Primer of Holy WordsThou
A Primer of Holy Words
Household God - Palace IntrigueHousehold God
Palace Intrigue
A.A. Williams - Forever BlueA.A. Williams
Forever Blue
Billy Nomates - Billy NomatesBilly Nomates
Billy Nomates
Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death

Team Sleep - Team Sleep
Voto:
Anno: 2005
Produzione:
Genere: elettronica / rock /
Scheda autore: Team Sleep



E finalmente arriva in tutti i negozi di dischi l'esordio dei Team Sleep. E' dai tempi di "White Pony" che si parla di questo progetto di Chino Moreno dato che alcuni brani scritti per i TS finirono ai Deftones.

Della band, da anni, girano in rete concerti, demos e bootleg di qualsiasi genere; addirittura l'album in questione molti mesi prima della sua uscita ufficiale. Sembra quasi una mossa pubblicitaria della nuova generazione discografica.

Ma, purtroppo, così non è. Anche perchè il disco in questione non è così bello da garantirsi una promozione da solo. Anzi.

Sarà proprio perchè sapevo già cosa aspettarmi ma non avevo nessuna voglia di ascoltarmi l'album. Per dovere di cronaca l'ho fatto e... effettivamente suona esattamente come credevo. Ovvero una versione senza chitarre di White Pony. Ed è proprio come sembra: noioso. Riff parecchio semplici (scritti probabilmente da Chino a casa credendosi un grande songwriter), ritmi blandi (anche se alla batteria c'è sua maestà Zach Hill degli Hella), dinamicità praticamente nulla. L'atmosfera c'è ma, per dire, non siamo certo ai livelli dei Massive Attack (a cui si ispirano palesemente).

Tutto il disco si basa sulla voce di Chino (e la cosa mi sembra normale dato che è il suo progetto solista), sempre splendida e magnetica. Ascoltandola capisci al volo che i tanti imitatori non toccheranno mai le sue vette. Ma, purtroppo, mancano le belle canzoni; cosa che rende il disco consigliabile solo ai fan dei Deftones.

Il voto comunque sufficiente è solo per quella voce. Ma se volete un consiglio risparmiate i soldi e mettete sullo stereo "White Pony".

[Dale P.]

Canzoni significative: Ataraxia, Our Ride To The Reactory.

Questa recensione é stata letta 4101 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia