´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental pop [ elettronica ]

Low - Hey What (Sub Pop)

Ultime recensioni

Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues
Thou - UmbilicalThou
Umbilical
Porcelain - PorcelainPorcelain
Porcelain
Eye - Dark LightEye
Dark Light
Bala - BestaBala
Besta
Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty

Low - Hey What
Autore: Low
Titolo: Hey What
Etichetta: Sub Pop
Anno: 2021
Produzione: BJ Burton
Genere: elettronica / rock / folk

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Nella tradizione del rock i primi dischi di una band sono i migliori, poi tendenzialmente gli artisti si perdono in ripetizioni sterili o in un lento declino privo di idee. Non succede a tutti. Per esempio i Low Ŕ dal 1994 che non sbagliano un disco e che non ne fanno uno uguale all'altro. Certo, potreste obiettare che il loro stile Ŕ riconoscibile lontano un miglio ma questo perchŔ le melodie malinconiche di Alan e Mimi sono particolarmente personali, mentre sono gli arrangiamenti su cui si muovono ad essere decisamente imprevedibili.

Per esempio in questo tredicesimo disco i coniugi sono da soli: prendono le idee del precedente "Double Negative" e le portano ad un livello superiore, mescolandole con folk e spirituals. Quindi non sono i Low "band" ma i Low "smanettoni al computer" che si divertono con glitch e sporcizia, taglia e cuci come se i Radiohead di Kid A/Amnesiac o il Moby di Play si fossero fatti delle pere di codeina e oscuritÓ, finendo tra le braccia dei Sunn O))).

Prendete gli esempi con le pinze, giusto per farvi capire come i nostri preferiscano oggi coniugare l'uso delle macchine con una forte dose roots campestre.

HEY WHAT non Ŕ disturbante come certi loro dischi ma Ŕ qualcosa di unico nel modo in cui Ŕ stato assemblato e pensato. Frutto di menti geniali che amano mettersi in gioco alla ricerca di qualcosa di bello da proporre ai propri fan. Non so se Ŕ troppo presto per dirlo ma Ŕ uno degli apici della loro ricca e ottima discografia.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione Ú stata letta 986 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Low - The Great DestroyerLow
The Great Destroyer
Low - Things We Lost In The FireLow
Things We Lost In The Fire
Low - TrustLow
Trust

Live Reports

12/05/2022BolognaTeatro Duse

NEWS


06/11/2022 Morta Mimi Parker
19/02/2007 In Italia A Maggio

tAXI dRIVER consiglia

Low - Hey WhatLow
Hey What