Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal [ punk ] indie experimental pop elettronica

Marquee Moon - Television (Elektra)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Television - Marquee Moon
Voto:
Anno: 1977
Produzione:
Genere: punk / new wave / post-punk



I Television sono stati gli autori di uno degli esordi più fulminanti e seminali di sempre.

Tra i protagonisti del circuito underground newyorchese (la cui Mecca era il “CBGB's”, il locale storico in cui suonavano ,tra gli altri, Patti Smith, Blondie, Talking Heads, Ramones....) pubblicarono un singolo d’esordio ("Little Johnny Jewel") nel 1975.

Il leader della band Thomas Miller (aka Tom Verlaine, in onore al suo poeta preferito) era noto in quegli anni per aver suonato in “Horses”, l’ esordio-bomba di Patti Smith.

La formazione originaria contemplava anche Richard Hell, figura controversa e folle che nel 1977 firmerà quello che a tutti gli effetti può essere considerato il “manifesto ideologico” del movimento Punk a stelle e strisce: "Blank Generation" (c’è anche un documentario sulla scena americana di fine 70s che porta ,non a caso, questo titolo).

Ma passiamo a "Marquee Moon". L’album in questione risente molto del clima musicale e sociale settantasettino. Un disco di New Wave pura che prende la sua carica direttamente dal Punk.

Le tracce che lo compongono sono molto curate e ,cosa insolita per un album di questo genere, ci sono grandissimi scambi di assoli chitarristici tra Verlaine e Lloyd. Un vero e proprio valore aggiunto (ascoltare per credere la title track, probabilmente l'episodio più bello e ambizioso dell’ intero lavoro).

La voce espressiva e a tratti "instabile" di Verlaine è in perfetta simbiosi con le fragili cadenze musicali di alcuni brani (penso "Guilding Light") oltre ad essere uno dei timbri più riconoscibili di sempre.

C'è chi considera Punk questo disco, tuttavia ciò non gli rende giustizia: c'è “qualcosa in più”. E' legittimo che a canzoni come "I see no evil" possa essere affibbiata questa etichetta, in ogni caso è palpabilissima la volontà di trascendere gli steccati (angusti) del Punk. Sotto questo aspetto “Marquee Moon” è probabilmente il disco più rappresentativo della New Wave americana.

Un anno dopo questo exploit, I Television pubblicano "Adventure" che tuttavia non sarà all'altezza dell’ esordio e ne decreterà la fine. Epilogo alquanto triste per una band che ancora oggi continua ad esercitare una grossa influenza.

[Dani Mani]

Canzoni significative: tutte.


Questa recensione é stata letta 3173 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Slits - CutSlits
Cut
Pop Group - YPop Group
Y
Television - Marquee MoonTelevision
Marquee Moon