Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Primal Future 2019 - Toxic Holocaust (eOne)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Toxic Holocaust - Primal Future 2019
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: eOne
Anno: 2019
Produzione: Joel Grind
Genere: metal / thrash / punk
Scheda autore: Toxic Holocaust



Inevitabilmente, il mondo metal attuale è molto diverso rispetto a quello primordiale. Nei primi anni 80 a causa delle tematiche oscure e sataniste le band venivano messe al bando, mentre quelle che parlavano di apocalisse nucleare e politica corrotta non venivano prese sul serio. Il metallaro era ai margini, visto come uno strampalato disadattato funereo.

Al giorno d'oggi, invece, è un prodotto da spolpare: vestiti, festival e birre sono venduti a caro prezzo, i dischi vengono suonati da cosplayer e il messaggio iniziale ormai è una burla.

Questo discorso non vale per Joel Grind, da Portland, che dal 1999 porta avanti da solo la sigla Toxic Holocaust, autoproducendosi e suonando ogni strumento. Joel vive il thrash metal sulla sua pelle, come fosse il 1986. Per il suo sesto disco "Primal Future: 2019" passa da Relapse a eOne (che pur essendo una label pop ha anche materiale più pesante come High On Fire, Creeping Death, Black Label Society, Lord Dying) mantenendo l'attitudine senza compromessi figlia di Venom, primissimi Metallica, Slayer, Exodus ma con uno stile rimembrante i Discharge che punk, anarco punk, crust punk, hardcore punk non potranno fare a meno di adorare.

"Primal Future: 2019" è un ottimo disco, corposo e grintoso. Non è ironico e spensierato come i colleghi neo-thrash Municipal Waste e Iron Reagan e per questo suona molto più vero e urgente: più che un disco da headbanging e mosh è da pugni nel muro.

[Dale P.]

Canzoni significative: Time's Edge, Chemical Warlords.


Questa recensione é stata letta 151 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Gojira - The Way Of All The FleshGojira
The Way Of All The Flesh
Carlos Dunga - Oltre Quella LineaCarlos Dunga
Oltre Quella Linea
Nevermore - Enemies Of RealityNevermore
Enemies Of Reality
Pantera - Vulgar Display Of PowerPantera
Vulgar Display Of Power
 No Reason
Demo 2003
Pantera - Reinventing HellPantera
Reinventing Hell
Toxic Holocaust - Primal Future 2019Toxic Holocaust
Primal Future 2019
Grip Inc. - IncorporatedGrip Inc.
Incorporated