Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

The Trident - Unearthly Trance (Relapse)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Unearthly Trance - The Trident
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Relapse
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / sludge / post-hardcore
Scheda autore: Unearthly Trance

MP3: Permanent Ice

Compra Unearthly Trance su Taxi Driver Store


Siamo in tanti a sbrodolare per un nuovo disco dei Melvins. La situazione Ŕ paradossale dato che fino a qualche anno fauscivano a iosa e nessuno se li filava. Addirittura ora si finiscono per comprare dischi che ce li possano ricordare. Ed Ŕ incredibile anche che qualcuno si ispiri a loro.

Per fortuna le cose cambiano. Fosse per il sottoscritto i Melvins sarebbero a comandare il mondo. Una bella dittatura a base di King Buzzo farebbe bene a tanta gente. Manderebbe nei lager fighetti e truzzetti, oppure sarebbe talmente stonato da lasciare il mondo nella completa anarchia. Non prima di averci sommerso con i feedback della sua fedele Gibson.

Fra i ministri del governo Melvins ci vedrei bene questi Unheartly Trance, terzetto di disperati senza tetto e senza dio che si divertono a martoriare strumenti a modo loro. Ovvero come il Re gli ha insegnato: tempi lenti, riff mammuth, voce malata, e un batterista che ha studiato solo ed esclusivamente i pattern di Dale Crover (perchŔ serve qualcos'altro?).

Il disco (che ne segue di belli precedentemente editi da Rise Above e da altre zozze label) si apre come ci si aspetterebbe da un disco dei Melvins (avete presente Houdini?): rumori e batteria pestona.

Ma ben presto capirete che di non soli Melvins sono fatti gli Unheartly Trance, ma anche di tanto stoner, sludge, postcore (che Ŕ un po' come dire che l'uomo moderno non solo discende dalle scimmie ma anche dall'uomo di neanderthal con una spruzzata di antichi romani e babilonesi).

Avete capito: se amate i Melvins fiondatevi a comprarlo, altrimenti fiondatevi gi¨ da un burrone...

[Dale P.]

Canzoni significative: Permanent Ice, Wake Up And Smell The Corpses, Firebrand.


Questa recensione Ú stata letta 3343 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Unearthly Trance - ElectrocutionUnearthly Trance
Electrocution
Unearthly Trance - VUnearthly Trance
V

NEWS


06/07/2012 Sciolti

tAXI dRIVER consiglia

Firebreather - Under A Blood MoonFirebreather
Under A Blood Moon
Mistress - The Glory Bitches Of DogheadMistress
The Glory Bitches Of Doghead
Time To Burn - Starting PointTime To Burn
Starting Point
High On Fire - Snakes For The DivineHigh On Fire
Snakes For The Divine
Rainbow Grave - No YouRainbow Grave
No You
Fight Amp - Hungry For NothingFight Amp
Hungry For Nothing
Kylesa - To Walk A Middle CourseKylesa
To Walk A Middle Course
Torche - AdmissionTorche
Admission
Iron Monkey - Iron Monkey Our Problem BoxIron Monkey
Iron Monkey Our Problem Box
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions