Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Wild Flag - Wild Flag (Merge)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Wild Flag - Wild Flag
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Merge
Anno: 2011
Produzione: Chris Woodhouse
Genere: rock / alternative / indie
Scheda autore: Wild Flag



Dischi di questo tipo solitamente suscitano entusiasmi esagerati alle prime notizie, che aumentano ancora all'ascolto dei sample sparsi come ami per i fanatici del tutto e subito. Ai primi ascolti l'euforia e' tale che sentire semplicemente che "esiste" non ti fa capire assolutamente niente.

Qui dentro ci sono due Sleater Kinney, quelle meno integraliste e piu' radicate nel tessuto indie americano ovvero Carrie Brownstein e Janet Weiss. Aggiungiamo Mary Timony che negli anni 90 ci ha fatto sognare con Autoclave e Helium. Come ultima ciliegina troviamo Rebecca C. Cole dei Minders.

Supergruppo e superdonne.

Wild Flag e' pero' un disco "semplicemente" rock. Ovvero poco romantico, per nulla delicato, rumoroso, leggermente cacofonico. Il problema di questo disco e' far capire quanto ci manca Corin Tucker, l'anima avventurosa e meno incline ai compromessi, piu' vera. Senz'altro quella con piu' cose da dire: ascoltate l'intimo disco solista uscito quest'anno.

Wild Flag negli anni 90 non sarebbe stato degnato di attenzione, come accadde con la piccola perla a nome Cadallaca con Corin e Sarah Dougher, che vi consigliamo di recuperare. Nel 2011 fa una buona figura ma non eccelle. Come se l'urgenza di avere una band fosse venuta meno. Come se le ragazze ora quarantenni abbiano tecnicizzato il loro fare rock dopo anni di palchi, studi e canzoni.

Un disco "carino", da cui ci si aspettava tanto. Forse la presenza di Corin Tucker.

[Dale P.]

Canzoni significative: Romance, Boom, Electric Band.

Questa recensione Ú stata letta 1295 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


24/10/2011 Video di Electric Band
23/09/2010 Due Sleater Kinney Formano Nuova Band

tAXI dRIVER consiglia

Queens Of The Stone Age - Lullabies To ParalyzeQueens Of The Stone Age
Lullabies To Paralyze
Melvins - TrilogyMelvins
Trilogy
White Stripes - Get Behind Me SatanWhite Stripes
Get Behind Me Satan
White Stripes - White Blood CellsWhite Stripes
White Blood Cells
LetLet's Get Lost
...I Remember Yesterday When I Was Grey
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Nine Inch Nails - With TeethNine Inch Nails
With Teeth
Strokes, The - Room On FireStrokes, The
Room On Fire
Waax - Big GriefWaax
Big Grief
Helms Alee - NoctilucaHelms Alee
Noctiluca