Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental pop elettronica

Wyatt E. - Al Beluti Daru (Stolen Body)

Ultime recensioni

London Odense Ensemble - Jaiyede Sessions Vol. 1London Odense Ensemble
Jaiyede Sessions Vol. 1
Greg Puciato - MirrorcellGreg Puciato
Mirrorcell
Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...
Primitive Man - InsurmountablePrimitive Man
Insurmountable
Come To Grief - When The World DiesCome To Grief
When The World Dies
Sirom - The Liquified Throne of SimplicitySirom
The Liquified Throne of Simplicity
Deathbell - A Nocturnal CrossingDeathbell
A Nocturnal Crossing
Wucan - Heretic TonguesWucan
Heretic Tongues
Voivod - Synchro AnarchyVoivod
Synchro Anarchy
Blut Aus Nord - Disharmonium - Undreamable AbyssesBlut Aus Nord
Disharmonium - Undreamable Abysses
Emma Ruth Rundle - EG2 Dowsing VoiceEmma Ruth Rundle
EG2 Dowsing Voice

Wyatt E. - Al Beluti Daru
Autore: Wyatt E.
Titolo: Al Beluti Daru
Anno: 2022
Produzione: Billy Anderson
Genere: jazz / dark / doom

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta Al Beluti Daru





Il cosidetto "doom-jazz" è un genere piccolo ma ricco di ottime band. Ovviamente non parliamo nè di puro doom, nè di puro jazz ma uno strano ibrido che da vita a questo pseudo genere. Solitamente è una musica oscura, lenta e suonata con potenza che usa i fiati come linea melodica e non disdegna influenze folk esotiche.

Alcuni nomi? Bohren And Der Club Of Gore, Kilimanjaro DarkJazz Ensemble, Dale Cooper Quartet, Five The Hierophant e persino formazioni nostrane come Macelleria Mobile di Mezzanotte e Mope. Spesso vengono inseriti anche i Messa, che sono stati compagni di tour europeo con i Wyatt E. e che tra riff doom e hard rock sposano volentieri questo tipo di influenza.

Wyatt E. sono un trio belga ma che sembra provenire dalla mesopotamia (un po' come facevano gli americani Master Musicians Of Bukkake con il Nord Africa) totalmente impallato con le tematiche assiro-babilonesi. In "Al Beluti Daru" costruiscono un lungo trip lisergico formato da due brani da quasi 20 minuti ciascuno in cui i tre musicisti, aiutati da strumenti tradizionali, mescolano il drone e la dark ambient con elementi folk. Il "doom-jazz" è quindi una suggestione, un modo per incasellare una band che prova a sfuggire a qualsiasi clichè. E' un modo breve per dire che suonano lenti, dilatati e non troppo lontani da certi dischi di jazz spirituale.

Se siete amanti delle cose curiosi cercateli senza indugio.

[Dale P.]

Canzoni significative: Mushussu, Sarru Rabu.

Questa recensione é stata letta 94 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Mount Fuji Doomjazz Corporation - AnthropomorphicMount Fuji Doomjazz Corporation
Anthropomorphic
Bohren & Der Club Of Gore - Patchouli BlueBohren & Der Club Of Gore
Patchouli Blue
Wyatt E. - Al Beluti DaruWyatt E.
Al Beluti Daru