Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Astrological Straits - Zach Hill (Ipecac)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Zach Hill - Astrological Straits
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Ipecac
Anno: 2008
Produzione:
Genere: rock / progressive / experimental



Chi conosce gli Hella? Molti hanno subito il fascino di questo (ex) duo capace di follie iperboliche fra il drumming di Zach Hill e la chitarra impazzita di Spencer Seim. Come da norma per i power duo, la band ammaliava per i tecnicismi esasperati, la carica che trasmetteva e i volumi roboanti. Attualmente sono convinti di suonare nei Mars Volta e hanno ampliato l'organico, perdendo quindi particolarità e finendo per annoiare.

In un disco solista di Zach Hill cosa ci aspettiamo? Un disco one-man-band minimalista? Elettronica? Cantautoriato? Un lungo assolo di batteria? Bhè, in parte solo quest'ultima affermazione può considerarsi vera, come è vero che ogni battuta suonata da lui ha tutte le fattezze di un assolo.

Stupisce ascoltare certe cose da una etichetta come la Ipecac (e la Anticom che pubblica su vinile) solitamente lontana da questo artigianato prog rock, tra Primus (non a caso Les Claypool è presente), Buckethead, un po' Zappa, un po' King Crimson e fortunatamente non troppo Mars Volta.

Parecchi ospiti, oltre a Les Claypool troviamo Chino Moreno (Deftones) con cui ha condiviso il progetto Team Sleep, membri di LCD Soundsystem, The Flying Luttenbacher, RX Bandits, oltre ovviamente ai suoi compari Hella.

Il disco suona come un'accozzaglia piuttosto indigesta di sperimentalismi epilettici, fusioni prog, cantilene drogate e il classico drumming in anfetamina di Zach. Qualche brano si salva, molti i riempitivi assolutamente inutili.

"Astrological Straits" risulta quindi adatto solamente ai patiti della batteria virtuosa e del moderno prog, nella speranza di sentirlo in un bel progetto con Les Claypool al comando.

[Dale P.]

Canzoni significative: Tick On, Toll Road, Astrological Straits.

Questa recensione é stata letta 2753 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Area - Arbeit Macht FreiArea
Arbeit Macht Frei
Anima Morte - The Nightmare Becomes RealityAnima Morte
The Nightmare Becomes Reality
Guapo - Black OniGuapo
Black Oni
Atto IV - Stati AlteratiAtto IV
Stati Alterati
The Silence - Metaphysical FeedbackThe Silence
Metaphysical Feedback
Porcupine Tree - Fear Of A Blank PlanetPorcupine Tree
Fear Of A Blank Planet
Fucking Champs, The - VIFucking Champs, The
VI
Mars Volta - De-Loused In The ComatoriumMars Volta
De-Loused In The Comatorium
Adrian Belew - Side OneAdrian Belew
Side One
Nippon And The Simbol - UniversonbangaorfeoNippon And The Simbol
Universonbangaorfeo