Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Grails - Doomsdayer's Holiday (Temporary Residence)

Ultime recensioni

Sonic Universe - It Is What It IsSonic Universe
It Is What It Is
Orange Goblin - Science Not FictionOrange Goblin
Science Not Fiction
Crypt Sermon - The Stygian RoseCrypt Sermon
The Stygian Rose
Shooting Daggers - Love & RageShooting Daggers
Love & Rage
Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will

Grails - Doomsdayer's Holiday
Autore: Grails
Titolo: Doomsdayer's Holiday
Etichetta: Temporary Residence
Anno: 2008
Produzione: Randall Dunn
Genere: rock / progressive / psych

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:


MP3: Reincarnation Blues


Non so se conoscete i film di genere, quella branchia di cinema a cavallo fra il mainstream e l'underground nato sul finire degli anni 60 che ha generato piccoli capolavori arrivati a noi sotto forma di "culto". Questo disco dei Grails, forse complice il teaser pubblicato dalla band stessa, sembra a tutti gli effetti una colonna sonora di uno di questi film, sospesi tra violenza, thriller, sesso spicciolo e arte.

Abbandonate quasi del tutto le sonorità "folk classicheggianti" degli esordi i nostri confezionano un album impalpabile e proprio per questo affascinante, condito di aperture drammatiche, vaghi groove psichedelici, atmosfere sognanti, introspezioni jazz e noise industriale.

E' certamente il loro album più scuro, quasi cieco nel suo procedere senza dare appigli all'ascoltatore ma sviandolo con progressioni volutamente a vuoto, come fossero giustificabili solo tramite l'associazione con una pellicola. Pellicola che può essere il classico di Sergio Martino "Tutti i Colori Del Buio", in cui le divagazioni accompagnano uccisioni efferate, trip, visioni, flashback e inseguimenti al buio.

Un disco ovviamente non per tutti, per quanto magico, ma adatto a coloro che amano le particolari colonne sonore di quei film sospese tra profumi orientali e nera inquietudine.

"Doomsdayer's Holiday" sembra una gemma oscura degli anni 70 e così va trattata.

Onore ad una band sempre in crescita e con coraggio da vendere.

[Dale P.]

Canzoni significative: Reincarnation Blues, Predestination Blues, Acid Rain.

Questa recensione é stata letta 3331 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Grails - Anches En MaatGrails
Anches En Maat
Grails - Black Tar Prophecies VolGrails
Black Tar Prophecies Vol's 1,2, & 3
Grails - Deep PoliticsGrails
Deep Politics
Grails - RedlightGrails
Redlight

NEWS


18/09/2012 Split Con Pharoah Overlord
27/01/2011 Il Nuovo Album a Marzo

tAXI dRIVER consiglia

Guapo - Black OniGuapo
Black Oni
Porcupine Tree - Fear Of A Blank PlanetPorcupine Tree
Fear Of A Blank Planet
Fucking Champs, The - VIFucking Champs, The
VI
London Underground - Through A Glass DarklyLondon Underground
Through A Glass Darkly
Atto IV - Stati AlteratiAtto IV
Stati Alterati
The Silence - Metaphysical FeedbackThe Silence
Metaphysical Feedback
Adrian Belew - Side OneAdrian Belew
Side One
Mars Volta - LiveMars Volta
Live
Grails - DoomsdayerGrails
Doomsdayer's Holiday
Mars Volta - Frances The MuteMars Volta
Frances The Mute