´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

3rd Secret - 3rd Secret (Autoproduzione)

Ultime recensioni

Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues
Thou - UmbilicalThou
Umbilical
Porcelain - PorcelainPorcelain
Porcelain
Eye - Dark LightEye
Dark Light
Bala - BestaBala
Besta
Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty

3rd Secret - 3rd Secret
Autore: 3rd Secret
Titolo: 3rd Secret
Anno: 2022
Produzione: Jack Endino
Genere: rock / alternative / folk

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




I pi¨ attenti follower della scena di Seattle si erano giÓ accorti mesi fa che c'era del movimento tra certi personaggi importanti eppure la pubblicazione a sorpresa (per ora in digitale) dell'esordio dei 3rd Secret ha destabilizzato un po' tutti. Il perchŔ Ŕ presto detto: vedere assieme Krist Novoselic (Nirvana), Matt Cameron (Soundgarden / Pearl Jam) e Kim Thayil (Soundgarden) Ŕ uno shock non da poco. L'entusiasmo si Ŕ per˛ tramutato in semplice curiositÓ quando si Ŕ capito che questi 3rd Secret sono praticamente una nuova incarnazione del progetto folk di Novoselic Giants In The Trees con la cantante Jillian Raye. In formazione troviamo anche Bubba Dupree (Void e Hater) e Jennifer Johnson.

Scordatevi i riffoni hard, le rullate di batteria e i giri di basso: sarebbe stato troppo bello. D'altra parte i grunger sono abituati a non dare mai al proprio pubblico quello che si aspettano: se non fosse per una manciata di episodi questo disco potrebbe essere suonato da chiunque. Con ci˛ non vuol dire che sia un brutto lavoro, tutt'altro, ma fa un po' incazzare. Contando che tutti insieme questi musicisti hanno dimostrato di saper rockeggiare alla grande nel fantastico tributo agli Alice In Chains registrato al MoPOP meno di due anni fa potevano darci qualche riff heavy in pi¨.

Kim Thayil quando parte con gli assolazzi fa commuovere e certi riff, sebbene non proprio originalissimi, sono una goduria. Le cantanti sono molto brave ma sembrano cantare con il freno a mano. Anzi tutti i musicisti sembrano bloccati per qualche motivo, anche la produzione di Jack Endino Ŕ piuttosto spoglia.

Per favore, ora che non siete pi¨ dei giovanotti, fatecelo ancora un disco della madonna: lo so che siete capaci.

[Dale P.]

Canzoni significative: I Choose Me, Lies Fade Away, The Yellow Dress.


Questa recensione Ú stata letta 503 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

(P)itch - Velluto(P)itch
Velluto
Motorpsycho - Angels And Daemons At PlayMotorpsycho
Angels And Daemons At Play
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
Tomahawk - TomahawkTomahawk
Tomahawk
Martin Grech - March Of The LonelyMartin Grech
March Of The Lonely
Quinto Stato - Quinto StatoQuinto Stato
Quinto Stato
Motorpsycho - BlissardMotorpsycho
Blissard
Melvins - TrilogyMelvins
Trilogy
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Danko Jones - We Sweat BloodDanko Jones
We Sweat Blood