Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

ASVA - What You Don't Know Is Frontier (Southern Records)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

ASVA - What You Don't Know Is Frontier
Titolo: What You Don't Know Is Frontier
Anno: 2008
Produzione:
Genere: metal / drone / doom

Voto:



Molto meno inaccessibile di quanto possa apparire di primo acchito, "What You Don't Know Is Frontier" segna per gli Asva un ritorno in grande spolvero a tre anni da "Futurists Against The Ocean". La loro discesa verso l'abisso di un tormentato dormiveglia continua inesorabile riverberando in pi punti la congiunzione tra black metal e drone approntata dai recenti Sunn O))). Bordoni d'organo fungono da assi sui quali si impiantano le scarnificate modulazioni strumentali con chitarre che ogni tanto si affacciano con squarci doom quasi ad infiammare l'aria caliginosa. L'esoterico tribalismo di chiusura di "Christopher Columbus" pare ammiccare ai Neurosis di "Enemy Of The Sun" addirittura. Improvvisamente la scura atmosfera inizia a rischiararsi leggermente col sopraggiungere di "A Game In Hell, Hard Work In Heaven", autentico pezzo da novanta dell'opera dalla forte impronta sacrale (c' l'alone dei Dead Can Dance intorno) supportato dalla voce arcana di Holly Johnson (che tesse linee "esotiche" sul modello Lisa Gerrard appunto) e dilaniato sul finire da un'inattesa accelerezione che pare quasi piombare negli anfratti del black metal. Con "A Trap For Judges" si rimette nuovamente piede nel teatro degli incubi diretto dagli Asva, occhieggiando l'hard-prog dei seventies nei timbri delle keyboards e proponendo una continua alternanza tra barlumi di luce ed eclissi totali che sfociano in una fine liturgica di estrema eleganza. Attingendo da diversi serbatoi musicali, non ultimi l'ambient ed il metal pi astratto e subliminale, gli Asva danno vita al loro capolavoro, un disco intenso e difficile nella proposta, ma inaspettatamente accessibile nell'ascolto. D'altronde cosa ci si sarebbe mai potuto attendere da un progetto che annovera ex membri di Burning Witch, Goatsnake, Sunn O))) e Mr.Bungle?

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione stata letta 3912 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Naked City - Leng TchNaked City
Leng Tch'e
Dark Buddha Rising - MathreyataDark Buddha Rising
Mathreyata
Neptunian Maximalism - EonsNeptunian Maximalism
Eons
Khanate - To Be CruelKhanate
To Be Cruel
Harvestman - Lashing The RyeHarvestman
Lashing The Rye
Harvestman - TrinityHarvestman
Trinity
Lustmord - OtherLustmord
Other
Alexander Tucker - DorwytchAlexander Tucker
Dorwytch
Boris - NOBoris
NO
Master Musicians Of Bukkake - Totem TwoMaster Musicians Of Bukkake
Totem Two