Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Adrian Belew - Side One (Sanctuary)

Ultime recensioni

Shooting Daggers - Love & RageShooting Daggers
Love & Rage
Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing

Adrian Belew - Side One
Autore: Adrian Belew
Titolo: Side One
Anno: 2005
Produzione:
Genere: rock / progressive /

Voto:



Era una notizia clamorosa di qualche anno fa: Adrian Belew chiuso in studio con Les Claypool e Danny Carey. Tantissimi (tra cui il sottoscritto) dopo averla letta sono rimasti affogati dalla propria saliva immaginando un supergruppo capace di generare l'opera definitiva del moderno prog-rock.

Sfortunatamente la collaborazione non ha sortito i frutti sperati e di quelle session, in questo disco, è presente solo qualche episodio. Ma non disperate, il resto sarà presente nei futuri dischi di Adrian, che di marketing, evidentemente, se ne capisce.

Piccola storia di Adrian. Session man quotatissimo, collaboratore di Talking Heads e attuale chitarrista e cantante dei King Crimson. Les Claypool: bassista mostruoso e leader di Primus e altri miliardi di gruppi simili. Danny Carey: batterista del miglior gruppo uscito negli ultimi 20 anni, ovvero i Tool.

La loro collaborazione ci regala i migliori brani del lotto, in cui tutti e tre mettono in luce le loro capacità senza perdersi in virtuosismi. Vengono fuori brani che sanno, giustamente di King Crimson con sapori Primus e Tool. Il resto del disco non è inferiore a questi episodi. La chitarra di Adrian tesse trame magiche e "barrisce" come di consueto. La mente di quest'uomo è proiettata nel futuro, tanto che i brani hanno sonorità attualissime e parecchio "avanti".

Se non vedete l'ora che esca il nuovo disco dei King Crimson questo assaggio vi soddisferà per bene ma, allo stesso tempo, rimane un disco che tutti dovrebbero ascoltare tante sono le idee e la classe qui contenuta. Per chi crede che la tecnica generi solo mostri pallosissimi è meglio che regali venti euro ad Adrian. Saranno ampiamente ripagati.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione é stata letta 3913 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Adrian Belew - Side OneAdrian Belew
Side One
Porcupine Tree - Fear Of A Blank PlanetPorcupine Tree
Fear Of A Blank Planet
Mars Volta - LiveMars Volta
Live
Mars Volta - Frances The MuteMars Volta
Frances The Mute
Fucking Champs, The - VIFucking Champs, The
VI
Nippon And The Simbol - UniversonbangaorfeoNippon And The Simbol
Universonbangaorfeo
Skeleton Key - ObtainiumSkeleton Key
Obtainium
London Underground - Through A Glass DarklyLondon Underground
Through A Glass Darkly
Grails - DoomsdayerGrails
Doomsdayer's Holiday
The Silence - Metaphysical FeedbackThe Silence
Metaphysical Feedback