Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Colour Haze - Sacred (Elekrohasch)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

Colour Haze - Sacred
Titolo: Sacred
Anno: 2022
Produzione: Stefan Koglek
Genere: rock / stoner / psych

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta Sacred





Lavorando da anni nei negozi di dischi mi capita spesso di parlare con i clienti suggerendo dischi oscuri e di culto evitando i nomi "classici" perchè penso siano scontati. Se dovessi suggerire un gruppo metal non consiglierei di certo gli Iron Maiden o i Metallica, così come se dovessi suggerire una band stoner evito di nominare i Kyuss. O i Colour Haze che per me sono lo step successivo ai Kyuss, la band che più incarna quel sapore "jam" settantiano che deriva da Blue Cheer, Grateful Dead, Jimi Hendrix e Cream. Eppure i Colour Haze dopo 14 dischi e 25 e più anni di carriera è ancora ignorata ai più, anche agli appassionati più attenti. E tutte le volte che uno "stoner" sgamato non li conosce mi infervoro a raccontargli cosa si è perso in tutti questi anni!!

Per fortuna in rete si trovano degli ottimi video dal vivo (ad esempio quelli al Duna Jam) ed è facile che qualcuno se ne innamori dopo che li ho nominati. In negozio ho quasi sempre una bella copia di "Tempel" per iniziare nel modo giusto la discografia e poi da lì è tutto semplice: non c'è più via di fuga. Un po' come scoprire i Motorpsycho.

Il quattordicesimo album della band di Stefan Koglek non si discosta dalla tipica formula "kraut-stoner", riconoscibile fin dai primi istanti grazie ad una timbrica unica e ad un incedere campestre mille volte imitato ma mai eguagliato dagli imitatori. "Sacred" è quindi l'ennesimo ottimo disco da aggiungere in collezione, piacevole come l'amico che ti viene a trovare ogni tanto portando delle buone birre e marijuana di qualità da fumare in compagnia. Gli direste mai di no? E allora preparate il divano e le orecchie per 40 minuti di piacevole relax.

[Dale P.]

Canzoni significative: Turquoise, Ideologigi.


Questa recensione é stata letta 425 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


02/10/2011 Nuovo Brano in Anteprima

tAXI dRIVER consiglia

Gea - RuggineGea
Ruggine
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
Queens Of The Stone Age - Q.O.T.S.A.Queens Of The Stone Age
Q.O.T.S.A.
AA.VV. - Welcome To Meteor CityAA.VV.
Welcome To Meteor City
Elder - The Gold & Silver SessionsElder
The Gold & Silver Sessions
Desert Sessions - Vol 9 - 10Desert Sessions
Vol 9 - 10
Queens Of The Stone Age - Feel Good Hit Of The SummerQueens Of The Stone Age
Feel Good Hit Of The Summer
 Deadpeach
Promo EP
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Fu Manchu - DaredevilFu Manchu
Daredevil