Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Fu Manchu - The Return Of Tomorrow (At The Dojo)

Ultime recensioni

Sonic Universe - It Is What It IsSonic Universe
It Is What It Is
Orange Goblin - Science Not FictionOrange Goblin
Science Not Fiction
Crypt Sermon - The Stygian RoseCrypt Sermon
The Stygian Rose
Shooting Daggers - Love & RageShooting Daggers
Love & Rage
Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will

Fu Manchu - The Return Of Tomorrow
Autore: Fu Manchu
Titolo: The Return Of Tomorrow
Anno: 2024
Produzione: Brian Harris Frank
Genere: rock / stoner / psych

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta The Return Of Tomorrow





Ha senso parlare dell'ennesimo lavoro di una band che non ha mai fatto dei cambiamenti stilistici una priorità? Contando che stiamo parlando dei Fu Manchu direi di si. Per prima cosa perchè sono tra i pochi rimasti che hanno attraversato indenni 3 decenni di storia musicale e sono una delle poche band in attività con un curriculum hardcore "originale" (ricordate che sul finire degli anni 80 suonavano nei Virulence?). Poi perchè sebbene la formula sia sempre la stessa da "No One Rides For Free" (1994) Scott Hill e soci si impegnano sempre per dare al proprio pubblico un prodotto di qualità. Per i miei gusti la parte di carriera che va da "California Crossing" a "Signs Of Infinite Power" non è da strapparsi i capelli ma so che ci sono estimatori anche di quel periodo. Probabilmente ero troppo distratto da roba più "moderna". Mi sono riallacciato alla loro discografia da "Gigantoid" del 2014, disco che segnava un ritorno dopo 5 anni di silenzio e ho apprezzato parecchio il precedente "Clone Of The Universe". Tutta questa lunga premessa per rispondere "si: vale la pena parlare dei Fu Manchu". Anche perchè "The Return Of Tomorrow" è un gran disco suonato con mestiere dando al fan esattamente tutto quello che vuole: riffoni sabbathiani suonati con piglio punk, assoli psichedelici, rombi di motori e e tanto divertimento senza suonare stupidi. La voce è sempre quella e potreste cantare i brani ancora prima di averli sentiti ma poco importa.

Troppo fan service? Ce ne fossero di fan service così.

[Dale P.]

Canzoni significative: Loch Ness Wrecking Machine, Roads Of The Lowly, Lifetime Waiting.

Questa recensione é stata letta 161 volte!
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Fu Manchu - A Look Back Dogtown & Z-BoysFu Manchu
A Look Back Dogtown & Z-Boys
Fu Manchu - DaredevilFu Manchu
Daredevil

Live Reports

24/03/2011TorinoSpazio 211

NEWS


08/07/2012 Tour Commemorativo di The Action Is Go
28/11/2006 Dettagli Sul Nuovo Album

tAXI dRIVER consiglia

Colt 38 - Colt ThirtyeightColt 38
Colt Thirtyeight
Dead Meadow - Dead MeadowDead Meadow
Dead Meadow
Naam - NaamNaam
Naam
Porn - American StylePorn
American Style
Clutch - Strange Cousins From The WestClutch
Strange Cousins From The West
Fuzz - IIIFuzz
III
Queens Of The Stone Age - Rated RQueens Of The Stone Age
Rated R
Brant Bjork - JacoozziBrant Bjork
Jacoozzi
Vortice Cremisi - PromoVortice Cremisi
Promo
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow