Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Hank Williams III - Straigh To Hell (Curb)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

Hank Williams III - Straigh To Hell
Autore: Hank Williams III
Titolo: Straigh To Hell
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / country /

Voto:



E' il nipote del leggendario Hank Williams. Se ne parla come il nuovo fuorilegge del country: brutto, sporco, cattivo, sessista e drogato capace di mediare la classicità country con l'impeto punk.

Ai più distratti spieghiamo che i Meat Puppets venticinque anni fa codificarono il cowpunk con album veloci e sporchi ben più di questo tatuatissimo redneck.

In realtà Hank Williams III non fa altro che ripercorrere le orme dei grandi del country sporcando la musica con attitudine ubriaca e sterzando di rado su versanti più grintosi. Il disco si fa ascoltare per la bellezza delle composizioni ma non è tanto lontano dalla classicità dell'esperimento country dei Supersuckers in "Must've Been High".

La sorpresa però viene da quello scarno secondo dischetto formato da "Louisiana Stripes" e da una lunga "Untitled". Proprio questa si rivelerà la traccia più interessante. Rumori del west, mescolati a sprazzi ubriachi di Hank, nastri che scorrono, ululati stonati e sperimentazione verranno cestinati brutalmente dai classicisti che lo bolleranno come rumore ma a noi piace pensare che sia proprio questo il disco che Hank aveva in testa per poi presentare all'etichetta una parte normale "vendibile".

Non dimentichiamoci la stretta amicizia con i Melvins, esperti nell'arte dell'album-non-album.

Il mio consiglio è di dividervi la spesa del CD con vostro padre. A lui date la classicità del primo CD, e voi vi tenete la polvere del sud: ulcerosa e fastidiosa ma dannatamente evocativa.

[Dale P.]

Canzoni significative: Smoke & Wine, Angel Of Sin, Untitled.

Questa recensione é stata letta 2985 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

GG Allin - Carnival Of ExcessGG Allin
Carnival Of Excess
Hank Williams III - Straigh To HellHank Williams III
Straigh To Hell