´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Indian - Guiltless (Relapse)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

Indian - Guiltless
Titolo: Guiltless
Etichetta: Relapse
Anno: 2011
Produzione: Sanford Parker
Genere: metal / doom / sludge

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Ancora note impresse dall'onnipresente Sanford Parker, qui in cabina di regia per il secondo album degli Indian, formazione in cui milita Will Lindsay, compagno di ventura del basettone dei Minsk nei Nachtmystium (ma nel suo curriculum ci sono anche Wolves In The Throne Room e Middian).

"Guiltless" e' un album possente dal sound soffocante e maligno, edificato su quello sludge/doom infernale che discende dal ramo degli Ahab e di Yob, Unearthly Trance, Kongh, band a cui i chicagoani qui presenti somigliano macroscopicamente.

Sono mortiferi e il riffing slabbrato ed opprimente impregna ogni interstizio di queste sette tracce e i latrati canini di etimo black metal di Lindsay gonfiano l'aria scura che aleggia per l'intero tragitto. Le cose migliori si sentono ad inizio e fine di tracklist: l'assalto all'arma bianca di "No Grace" non fa prigionieri, "Benality" pare venir fuori dai Today Is The Day agonizzanti. Il resto non merita alcuna infamia ma non c'e' nulla da tramandare ai posteri.

Gli Indian sanno perfettamente quel che fanno ma non spostano di un millimetro il baricentro di un genere ormai circoscritto nei suoi standard creativi. Di certo non rientra nelle loro intenzioni rivoluzionare i codici dello sludge/doom e di questo non gliene facciamo alcuna colpa. Resta il fatto che "Guiltless" sia esclusivamente riservato a tuttologhi e cultori sfegatati.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: No Grace; Benality; The Fate Before Fate.

Questa recensione Ú stata letta 2369 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Devil - Time To RepentDevil
Time To Repent
Acid King - Beyond VisionAcid King
Beyond Vision
Domkraft - SeedsDomkraft
Seeds
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Bell Witch - & Aerial Ruin - Stygian Bough Volume IBell Witch
& Aerial Ruin - Stygian Bough Volume I
Middian - Age EternalMiddian
Age Eternal
MSW - ObliviosusMSW
Obliviosus
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Konvent - Puritan MasochismKonvent
Puritan Masochism