Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Muse - Black Holes And Revelations (Wea)

Ultime recensioni

Shooting Daggers - Love & RageShooting Daggers
Love & Rage
Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing

Muse - Black Holes And Revelations
Autore: Muse
Titolo: Black Holes And Revelations
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / alternative /

Voto:



Le temperature di questo nuovo dei Muse sono decisamente più basse rispetto al precedente “Absolution”. Questo è percepibile a cominciare dal primo brano, “Take a bow” (non una cover di Miss Ciccone) una track sulla linea di “Origin of Simmetry” con non pochi riferimenti ai Radiohead.

La fase “sperimentale” della band si limita al falsetto vocale alla Prince del primo singolo “Supermassive Black Hole” e nella DEPECHEMODIANA “Map Of The Problematique”.

La lenta “Soldier's Poem” e la già vissuta “Invincibile” mi fa pensare ad un flop inesorabile, troppi “Black Holes” ma ecco che, proprio alla fine dei tempi regolamentari,(gli echi dei mondiali si avvertono anche qui), l’album inizia a prendere corpo, a crescere.

La svolta la “segna” “Assassin”, la risposta 2006 a “STOCHKOLM SYNDROME”, veemente e incalzante, per poi proseguire con le vere “Revelations”, “Exo-Politics” dove la ritmica rimane impressa più che qualsiasi altro ritornello nell’album e “City Of Delusion”, ricca di affondi vocali davvero notevoli e con un loop che fa da ponte al brano, che pare strappato da “THE FAT OF THE LAND” dei Prodigy.

L’intro di “Hoodoo” ti fa cercare speroni e winchester mentre la conclusiva “Knights Of Cydonia” fa da cornice finale per quello che rimane sostanzialmente un album che alterna buchi neri a rivelazioni.

[Steliam]

Canzoni significative: Assassin, Exo-Politics, City Of Delusion

Questa recensione é stata letta 4291 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Muse - AbsolutionMuse
Absolution

Live Reports

13/06/2004BolognaFlippaut 2004
19/10/2001MilanoPalavobis

NEWS


16/02/2007 All'Arena Di Verona

tAXI dRIVER consiglia

Afterhours - Siam Tre Piccoli PorcellinAfterhours
Siam Tre Piccoli Porcellin
Henrik Palm - Poverty MetalHenrik Palm
Poverty Metal
Pearl Jam - Immagine In Cornice [DVD]Pearl Jam
Immagine In Cornice [DVD]
Sleater Kinney - The WoodsSleater Kinney
The Woods
Primus - Animals Should Not Try To Act Like PeoplePrimus
Animals Should Not Try To Act Like People
Kim Gordon - No Home RecordKim Gordon
No Home Record
Corin Tucker Band - 1000 YearsCorin Tucker Band
1000 Years
Stone Gossard - BayleafStone Gossard
Bayleaf
Andrew W.K. - I Get WetAndrew W.K.
I Get Wet
Oceansize - FramesOceansize
Frames