Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Muse - Black Holes And Revelations (Wea)

Ultime recensioni

Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues
Thou - UmbilicalThou
Umbilical
Porcelain - PorcelainPorcelain
Porcelain
Eye - Dark LightEye
Dark Light
Bala - BestaBala
Besta
Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty

Muse - Black Holes And Revelations
Autore: Muse
Titolo: Black Holes And Revelations
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / alternative /

Voto:



Le temperature di questo nuovo dei Muse sono decisamente più basse rispetto al precedente “Absolution”. Questo è percepibile a cominciare dal primo brano, “Take a bow” (non una cover di Miss Ciccone) una track sulla linea di “Origin of Simmetry” con non pochi riferimenti ai Radiohead.

La fase “sperimentale” della band si limita al falsetto vocale alla Prince del primo singolo “Supermassive Black Hole” e nella DEPECHEMODIANA “Map Of The Problematique”.

La lenta “Soldier's Poem” e la già vissuta “Invincibile” mi fa pensare ad un flop inesorabile, troppi “Black Holes” ma ecco che, proprio alla fine dei tempi regolamentari,(gli echi dei mondiali si avvertono anche qui), l’album inizia a prendere corpo, a crescere.

La svolta la “segna” “Assassin”, la risposta 2006 a “STOCHKOLM SYNDROME”, veemente e incalzante, per poi proseguire con le vere “Revelations”, “Exo-Politics” dove la ritmica rimane impressa più che qualsiasi altro ritornello nell’album e “City Of Delusion”, ricca di affondi vocali davvero notevoli e con un loop che fa da ponte al brano, che pare strappato da “THE FAT OF THE LAND” dei Prodigy.

L’intro di “Hoodoo” ti fa cercare speroni e winchester mentre la conclusiva “Knights Of Cydonia” fa da cornice finale per quello che rimane sostanzialmente un album che alterna buchi neri a rivelazioni.

[Steliam]

Canzoni significative: Assassin, Exo-Politics, City Of Delusion

Questa recensione é stata letta 4282 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Muse - AbsolutionMuse
Absolution

Live Reports

13/06/2004BolognaFlippaut 2004
19/10/2001MilanoPalavobis

NEWS


16/02/2007 All'Arena Di Verona

tAXI dRIVER consiglia

Tre Allegri Ragazzi Morti - Le OriginiTre Allegri Ragazzi Morti
Le Origini
Motorpsycho - BlissardMotorpsycho
Blissard
Andrew W.K. - I Get WetAndrew W.K.
I Get Wet
Lecrevisse - Le Piccole Foglie EPLecrevisse
Le Piccole Foglie EP
Meganoidi - And Then We Met Impero EPMeganoidi
And Then We Met Impero EP
Love In Elevator - Venoma EPLove In Elevator
Venoma EP
Melvins - ElectroretardMelvins
Electroretard
Melvins - TrilogyMelvins
Trilogy
Tomahawk - TomahawkTomahawk
Tomahawk
Afterhours - Quello Che Non CAfterhours
Quello Che Non C'è