Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk [ indie ] experimental pop elettronica

Smog - Knock Knock (Drag City)

Ultime recensioni

Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues
Thou - UmbilicalThou
Umbilical
Porcelain - PorcelainPorcelain
Porcelain
Eye - Dark LightEye
Dark Light
Bala - BestaBala
Besta
Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty

Smog - Knock Knock
Autore: Smog
Titolo: Knock Knock
Etichetta: Drag City
Anno: 1999
Produzione: Jim O'Rourke
Genere: indie / pop / folk

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Quando nel 1999 uscì "Knock Knock", ottavo album di Bill Callahan, ovvero Smog, ne rimasi distante. Fu a causa di una copertina agghiacciante e di un genere che in quel periodo non mi attraeva. L'ho scoperto pian piano e finalmente a vent'anni dalla sua uscita posso dire di amarlo. Intanto parliamo della copertina: c'è un gatto e un fulmine.E' un riferimento a Cat Power? Bill scrisse l'album dopo che fu lasciato da Chan Marshall: i due convivevano in una casetta in campagna e avevano grandi progetti, ma Cat Power lo abbandonò dall'oggi al domani. Bill non è un allegrone di natura, figuriamoci dopo un duro colpo come quello. "Knock Knock" è però un disco che segna anche una svolta meno lofi rispetto ai lavori precedenti (pur mantenendo un approccio sbilenco e imprevedibile). Addirittura si fanno larghi arrangiamenti sofisticati, archi e cori. Ma soprattutto una firma che deve tanto a maestri come Bowie, Lou Reed e Young più che a Pavement e Pastels.

"Knock Knock" dopo 20 anni è ormai considerato un classico, degno di ristampe deluxe e remaster prestigiosi. Ha la grandezza e l'autorità degli album degli anni 70. Tutto ciò è possibile per l'elevata qualità delle canzoni qui contenute e di un approccio scarno ma sincero.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.


Questa recensione é stata letta 563 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Elliott Smith - Figure 8Elliott Smith
Figure 8
Ardecore - ArdecoreArdecore
Ardecore
Moltheni - Splendore TerroreMoltheni
Splendore Terrore
Enon - High SocietyEnon
High Society
Breakfast - Ordinary HeroesBreakfast
Ordinary Heroes
Devendra Banhart - Rejoicing In The HandsDevendra Banhart
Rejoicing In The Hands
Jason Collett - Motor Motel Love SongsJason Collett
Motor Motel Love Songs
Angel Olsen - All MirrorsAngel Olsen
All Mirrors
Egokid - The Egotrip Of The EgokidEgokid
The Egotrip Of The Egokid
Beck - Sea ChangeBeck
Sea Change