Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

As The Valley Of Death - A Storm Of Light (Profound Lore)

Ultime recensioni

Sons - Family DinnerSons
Family Dinner
Shock Narcotic - I Have Seen The Future And It DoesnShock Narcotic
I Have Seen The Future And It Doesn't Work
Eye Flys - ContextEye Flys
Context
Show Me The Body - Dog WhistleShow Me The Body
Dog Whistle
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Poppy - I DisagreePoppy
I Disagree
Body Hound - No MoonBody Hound
No Moon
Girl Band - The TalkiesGirl Band
The Talkies

A Storm Of Light - As The Valley Of Death
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Profound Lore
Anno: 2011
Produzione:
Genere: metal / post-metal / doom


Compra A Storm Of Light su Taxi Driver Store


Josh Graham, meglio noto come componente visuale della macchina infernale che risponde al nome "Neurosis", e' un graphic designer e musicista con i cosiddetti, e questo va subito messo in chiaro. Gli A Storm Of Light sono il SUO progetto, il suo lascito al mondo, il suo benestare, il modo di rapportarsi suo personale alla civilta', e alla mente di quest'ultima, attraverso queste visioni distorte provenienti dalla sua iper-prolifica immaginazione audio-visiva (si ricordino quei due quasi capolavori a nome Red Sparowes, i primi due, poi lui se ne distanzio' volutamente: si, anche li' la mano era sua, benché qui il contesto sia un tantino diverso).

Qui siamo al terzo capitolo della SUA saga sulla terra e sul suo stato di salute, sulle sue malattie inguaribili: il primo cd, uscito ormai 4 anni fa, "And We Wept The Black Ocean Within", era incentrato sull'oceano, sull'inquinamento globale, ed il sound era volutamente innacquato, pieno fino all'orlo di distorsioni fluttuanti, riff strabordanti di spiritualita' marittima, ma il tutto era alquanto privo di personalita', pagando un conto non indifferente con il sound della sua band madre; il secondo, "Forgive Us Our Trespasses", era invece incentrato sull'industrializzazione (da notare come anche le copertine sono sempre in perfetto tema con il contenuto - a mio modesto parere uno dei migliori graphic designers per copertine di album in circolazione!), sullo sfacelo provocato dalla mala cura dell'uomo per il nostro pianeta, ed il sound prendeva gia' da allora piu' personalita', facendosi piu' corposo, meno acquoso, piu' duro, meno pieno, piu' a fuoco, allontanandosi dal suo progetto principe.

Adesso siamo al terzo parto, ed il titolo si allunga notevolmente, mentre il minutaggio viene un tantino ridimensionato, e gia' dalla splendida (ma poteva essere altrimenti?) copertina si intuisce qual e' il punto chiave dell'album: l'uomo e la sua avidita' di conquista, creando nient'altro che una valle di morte attorno a se (il titolo e' esemplificativo in tal senso). Il sound prende il volo, s'innalza ad una personalita' tanto attesa quanto imprevista: snellimento delle strutture, forma canzone messa in atto, minutaggio dei brani contenuto, psichedelia stoner in atto, riffoni e groove strabilianti; sembra quasi di ascoltare i Kyuss, i Soundgarden di "Badmotorfinger" (sul primo brano, Missing, c'e' proprio Kim Thayil alla sei corde come guest), che flirtano con i Minsk piu' concisi, per poi banchettare con i Tool piu' mistici ed i Neurosis piu' doom-oriented.

Forse non tutto e' a fuoco: questa svolta rock-stoner si perde in alcuni anfratti dell'album in questione, ma e' in episodi come l'opener Missing, nella successiva Collapse, nella splendida "quasi ballata" Destroyer, nella epica cavalcata di Leave No Wounds, in Death's End (dove compare una bella parte atmosferica a nome della regina dell'oscurita' per eccellenza: Jarboe), e la conclusiva e apocalittica Wasteland, che il progetto prende il volo letteralmente e mostra tutta la sua caratura.

Non mi resta che consigliarvi volutamente l'ascolto di tale dischetto, conscio che per i cultori del genere sara' una bella boccata d'aria fresca, e per i restanti un pugno dritto in faccia, con risvolti psichedelici ed allucinatori!

Il perfetto cd nero per l'estate calda che si prospetta e' servito!

Grande josh, grandi A Storm Of Light!

[Lucio Leonardi]

Canzoni significative: Missing, Destroyer, Death’s End, Wasteland

Questa recensione é stata letta 2691 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

23/08/2008SenigalliaMamamia

NEWS


14/07/2013 Teaser Del Nuovo Disco
05/04/2011 Online Nuovo Brano con Kim Thayil
26/02/2011 Copertina del Nuovo Album
31/08/2010 Tour Europeo ad Ottobre
22/03/2009 Il Tour Europeo

tAXI dRIVER consiglia

Pelican - The March Into The Sea EPPelican
The March Into The Sea EP
Keelhaul - Subject to Change Without NoticeKeelhaul
Subject to Change Without Notice
Vanessa Van Basten - La Stanza Di SwedenborgVanessa Van Basten
La Stanza Di Swedenborg
Dyskinesia - Dalla NascitaDyskinesia
Dalla Nascita
Dirge - Elysian Magnetic FieldsDirge
Elysian Magnetic Fields
Isis - OceanicIsis
Oceanic
Neurosis - The Eye Of Every StormNeurosis
The Eye Of Every Storm
Jesu - JesuJesu
Jesu
Pelican - AustralasiaPelican
Australasia
Neurosis - Given To The RisingNeurosis
Given To The Rising