Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Neurot Recordings I - AA.VV. (Neurot)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

AA.VV. - Neurot Recordings I
Voto:
Etichetta: Neurot
Anno: 2004
Produzione:
Genere: metal / sludge / post-hardcore



La Neurot Records è l'etichetta-base dei Neurosis. E' attiva da anni in produzioni estreme ed ispirate da una sorta di alienazione verso il mondo musicale convenzionale. Ristampe di dischi vecchi e introvabili dei Neurosis, oltre che di alcuni bootleg, trattamento di materiale musicale estrapolato da ogni tipo di sorgente (Tribes Of Neurot) e produzione di album più o meno convenzionali oltre che più o meno affini alla "band padrona".

Questa compilation sorprende per più di un motivo. Il principale è la totale coerenza artistica (ma anche qualitativa) che rende lo svolgersi dell'album un flusso continuo di emotività grigia, come se a partorire i vari brani fosse sempre lo stesso artista. Anche la scelta della tracklist lascia sconcertati. L'inizio con "Burn" dei Neurosis non suona come "siamo i primi del disco perchè l'etichetta è la nostra!".

Il brano successivo, ad opera degli Oxbow, ci aiuta a portarci pian pianino in una dimensione parallela, onirica, inquietante ma affascinante. Ci mostrano successivamente la via i Grails portandoci dritti nell'abisso. L'abisso si chiama Enablers, Sabers, Lotus Eaters e via via scorrendo la tracklist Isis, Zeni Geva, Culper Ring, Tarantula Hawk, e di nuovo i padroni di casa (Steve Von Till solista e con Jarboe).

Non c'è via di fuga. Al termine dei 74 minuti vi collegherete al sito dell'etichetta e comprerete ogni cosa.

[Dale P.]

Canzoni significative: Hardboiled Rice, I Am A Hamster.

Questa recensione é stata letta 3520 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Fight Amp - Hungry For NothingFight Amp
Hungry For Nothing
Ufomammut - Opus AlterUfomammut
Opus Alter
Rwake - RestRwake
Rest
Floor - DoveFloor
Dove
Down - III - Over The UnderDown
III - Over The Under
Firebreather - Under A Blood MoonFirebreather
Under A Blood Moon
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Unearthly Trance - The TridentUnearthly Trance
The Trident
Baroness - Blue RecordBaroness
Blue Record
Kylesa - Spiral ShadowKylesa
Spiral Shadow