Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Inferno Museum - Allhelluja (Scarlet)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Allhelluja - Inferno Museum
Voto:
Etichetta: Scarlet
Anno: 2005
Produzione:
Genere: metal / stoner / rock
Scheda autore: Allhelluja



La nuova bomba rock'n'roll, marcia, sporca, stoner e depravata non viene dalla Svezia e nemmeno dal deserto californiano. Ma direttamente dalla nostra italietta perbenista e retrograda. Certo alla voce c'è Jacob Bredahl, singer degli Hatesphere e danese di nascita, ma poco importa. Questo "Inferno Museum" cattura chiunque gli capiti a tiro e lo prende a pugni in faccia, calci nel culo e coltellate nello stomaco per poi finire il malcapitato rompendogli una bottiglia di whiskey (vuota) sulla testa.

Il tiro della band mi ricorda dei Ten Minute Warnings un po' più grezzi, incrociati con Motorhead, Kyuss, Fu Manchu e ultimi Entombed.

"Inferno Museum" non ha un attimo di cedimento, colpisce dal primo istante e vi conquisterà con il suo carisma e la sua carica. Jacob canta con voce sporca e vissuta, le chitarre "stoner" scolpiscono riff in continuazione e la sezione ritmica incolla tutto con potenza e precisione. Ottima anche la produzione.

Una splendida sorpresa per un disco che sembra realizzato da una band con all'attivo anni di esperienza e con una lucidità espressiva rara nel nostro paese. Da supportare senza esitazioni!!

[Dale P.]

Canzoni significative: A Perfect Man, Your Savior Is Here, Who's Gonna Kill Me.

Questa recensione é stata letta 3106 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Allhelluja - Pain Is The GameAllhelluja
Pain Is The Game

tAXI dRIVER consiglia

Goatsnake - Flower Of DiseaseGoatsnake
Flower Of Disease
Boris - Heavy RocksBoris
Heavy Rocks
Boris - Akuma No UtaBoris
Akuma No Uta