Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Allhelluja - Inferno Museum (Scarlet)

Ultime recensioni

Body Void - Burn The Homes Of Those Who Seek To ControlBody Void
Burn The Homes Of Those Who Seek To Control
Ashenspire - Hostile ArchitectureAshenspire
Hostile Architecture
Mantar - Pain Is Forever and This Is the EndMantar
Pain Is Forever and This Is the End
Chat Pile - GodChat Pile
God's Country
Imperial Triumphant - Spirit Of EcstasyImperial Triumphant
Spirit Of Ecstasy
Nebula - Transmission From Mothership EarthNebula
Transmission From Mothership Earth
Viagra Boys - Cave WorldViagra Boys
Cave World
Wormrot - HissWormrot
Hiss
London Odense Ensemble - Jaiyede Sessions Vol. 1London Odense Ensemble
Jaiyede Sessions Vol. 1
Greg Puciato - MirrorcellGreg Puciato
Mirrorcell
Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...

Allhelluja - Inferno Museum
Autore: Allhelluja
Titolo: Inferno Museum
Etichetta: Scarlet
Anno: 2005
Produzione:
Genere: metal / stoner / rock

Voto:



La nuova bomba rock'n'roll, marcia, sporca, stoner e depravata non viene dalla Svezia e nemmeno dal deserto californiano. Ma direttamente dalla nostra italietta perbenista e retrograda. Certo alla voce c'è Jacob Bredahl, singer degli Hatesphere e danese di nascita, ma poco importa. Questo "Inferno Museum" cattura chiunque gli capiti a tiro e lo prende a pugni in faccia, calci nel culo e coltellate nello stomaco per poi finire il malcapitato rompendogli una bottiglia di whiskey (vuota) sulla testa.

Il tiro della band mi ricorda dei Ten Minute Warnings un po' più grezzi, incrociati con Motorhead, Kyuss, Fu Manchu e ultimi Entombed.

"Inferno Museum" non ha un attimo di cedimento, colpisce dal primo istante e vi conquisterà con il suo carisma e la sua carica. Jacob canta con voce sporca e vissuta, le chitarre "stoner" scolpiscono riff in continuazione e la sezione ritmica incolla tutto con potenza e precisione. Ottima anche la produzione.

Una splendida sorpresa per un disco che sembra realizzato da una band con all'attivo anni di esperienza e con una lucidità espressiva rara nel nostro paese. Da supportare senza esitazioni!!

[Dale P.]

Canzoni significative: A Perfect Man, Your Savior Is Here, Who's Gonna Kill Me.

Questa recensione é stata letta 3262 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Allhelluja - Pain Is The GameAllhelluja
Pain Is The Game

tAXI dRIVER consiglia

Boris - Akuma No UtaBoris
Akuma No Uta
Boris - Heavy RocksBoris
Heavy Rocks
Goatsnake - Flower Of DiseaseGoatsnake
Flower Of Disease