Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Pain Is The Game - Allhelluja (Scarlet)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Allhelluja - Pain Is The Game
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Scarlet
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / stoner / hard rock
Scheda autore: Allhelluja



Se credevate che gli Allhelluja non sarebbero mai stati una band "vera" ma solo un side project di Jacob Bredahl degli Hatesphere, vi sbagliavate. Dopo il discreto successo di "Inferno Museum" torna dopo poco più di un anno la band danese/italiana con il secondo lavoro "Pain Is The Game".

E stavolta sono decisi a fare ancora di più sul serio: copertina oscura e l'immagine giusta della band vi colpiranno fin da subito. Ma a fare la differenza, lo sapete, sono i brani e, purtroppo, non esiste il singolo "killer" da cui nessuno può sfuggire. Abbiamo però un pugno di grandi canzoni, nessuna al di sotto della media.

Partendo da "Are You Ready?" e "Superhero Motherfucker Superman" abbiamo ben chiaro le coordinate sonore del quartetto. Tendenzialmente rimaste immutate dall'esordio sono debitrici di Entombed, Turbonegro, Melvins e Motorhead. Ovvero il poker di band rock/metal sporche e scorrette che non temono di unire la tradizione rock e i grandi cori con la potenza del metal.

I difetti però ci sono. Come anticipato poco sopra mancano le canzoni da strapparsi i capelli, quelle che ti fanno volare di corsa a comprare il cd. Poi non ho apprezzato particolarmente la produzione sonora: troppo "ovattata" e con le chitarre che non spaccano come dovrebbero.

Particolari che non influiscono sulla buona qualità di "Pain Is The Game" ma che spero vengano risolti in futuro per allargare maggiormente il raggio d'azione della band.

Ok, avete spiegato al mondo che sapete rockeggiare. Al prossimo passo vogliamo la sua conquista.

[Dale P.]

Canzoni significative: Supehero Motherfucker Superman, Hey J.


Questa recensione é stata letta 2965 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Allhelluja - Inferno MuseumAllhelluja
Inferno Museum

tAXI dRIVER consiglia

Boris - Akuma No UtaBoris
Akuma No Uta
Boris - Heavy RocksBoris
Heavy Rocks
Goatsnake - Flower Of DiseaseGoatsnake
Flower Of Disease