Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Pain Is The Game - Allhelluja (Scarlet)

Ultime recensioni

Sarah Davachi - Cantus, DescantSarah Davachi
Cantus, Descant
AA.VV. - What Is This That Stands Before Me?AA.VV.
What Is This That Stands Before Me?
Deafbrick - DeafbrickDeafbrick
Deafbrick
Irreversible Entanglements - Who Sent You?Irreversible Entanglements
Who Sent You?
Jeff Parker - Suite For Max BrownJeff Parker
Suite For Max Brown
En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome
L.A.Witch - Play With FireL.A.Witch
Play With Fire
Couch Slut - Take A Chance On Rock Couch Slut
Take A Chance On Rock 'n' Roll
Kall - BrandKall
Brand
Boris - NOBoris
NO
Phoebe Bridgers - PunisherPhoebe Bridgers
Punisher
Ils - CurseIls
Curse
Motorpsycho - The All Is OneMotorpsycho
The All Is One
Bully - SugareggBully
Sugaregg
Lina Rodrigues Refree - Lina_Raül RefreeLina Rodrigues Refree
Lina_Raül Refree
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Thou - A Primer of Holy WordsThou
A Primer of Holy Words
Household God - Palace IntrigueHousehold God
Palace Intrigue
A.A. Williams - Forever BlueA.A. Williams
Forever Blue
Billy Nomates - Billy NomatesBilly Nomates
Billy Nomates

Allhelluja - Pain Is The Game
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Scarlet
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / stoner / hard rock
Scheda autore: Allhelluja



Se credevate che gli Allhelluja non sarebbero mai stati una band "vera" ma solo un side project di Jacob Bredahl degli Hatesphere, vi sbagliavate. Dopo il discreto successo di "Inferno Museum" torna dopo poco più di un anno la band danese/italiana con il secondo lavoro "Pain Is The Game".

E stavolta sono decisi a fare ancora di più sul serio: copertina oscura e l'immagine giusta della band vi colpiranno fin da subito. Ma a fare la differenza, lo sapete, sono i brani e, purtroppo, non esiste il singolo "killer" da cui nessuno può sfuggire. Abbiamo però un pugno di grandi canzoni, nessuna al di sotto della media.

Partendo da "Are You Ready?" e "Superhero Motherfucker Superman" abbiamo ben chiaro le coordinate sonore del quartetto. Tendenzialmente rimaste immutate dall'esordio sono debitrici di Entombed, Turbonegro, Melvins e Motorhead. Ovvero il poker di band rock/metal sporche e scorrette che non temono di unire la tradizione rock e i grandi cori con la potenza del metal.

I difetti però ci sono. Come anticipato poco sopra mancano le canzoni da strapparsi i capelli, quelle che ti fanno volare di corsa a comprare il cd. Poi non ho apprezzato particolarmente la produzione sonora: troppo "ovattata" e con le chitarre che non spaccano come dovrebbero.

Particolari che non influiscono sulla buona qualità di "Pain Is The Game" ma che spero vengano risolti in futuro per allargare maggiormente il raggio d'azione della band.

Ok, avete spiegato al mondo che sapete rockeggiare. Al prossimo passo vogliamo la sua conquista.

[Dale P.]

Canzoni significative: Supehero Motherfucker Superman, Hey J.


Questa recensione é stata letta 3005 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Allhelluja - Inferno MuseumAllhelluja
Inferno Museum

tAXI dRIVER consiglia

Boris - Akuma No UtaBoris
Akuma No Uta
Goatsnake - Flower Of DiseaseGoatsnake
Flower Of Disease
Boris - Heavy RocksBoris
Heavy Rocks