Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Pain Is The Game - Allhelluja (Scarlet)

Ultime recensioni

The Silence - Metaphysical FeedbackThe Silence
Metaphysical Feedback
Lo Pan - SubtleLo Pan
Subtle
William Duvall - One AloneWilliam Duvall
One Alone
Werian - AnimistWerian
Animist
Deathspell Omega - The Furnaces Of PalingenesiaDeathspell Omega
The Furnaces Of Palingenesia
Blut Aus Nord - HallucinogenBlut Aus Nord
Hallucinogen
30000 Monkies - Are Forever30000 Monkies
Are Forever
Idles - A Beautiful Thing Idles Live At Le BataclanIdles
A Beautiful Thing Idles Live At Le Bataclan
Om - BBC Radio 1Om
BBC Radio 1
Domkraft - Slow FidelityDomkraft
Slow Fidelity
Hexgrafv - RitualHexgrafv
Ritual
Stew - PeopleStew
People
The Lunar Effect -  Calm Before The CalmThe Lunar Effect
Calm Before The Calm
Yung Druid - Yung DruidYung Druid
Yung Druid
Ruff Majik - TarnRuff Majik
Tarn
Green Lung - Woodland RitesGreen Lung
Woodland Rites
The Black Heart Death Cult - The Black Heart Death CultThe Black Heart Death Cult
The Black Heart Death Cult
Tropical Trash - Southern Indiana Drone FootageTropical Trash
Southern Indiana Drone Footage
Shit And Shine - Doing Drugs, Selling DrugsShit And Shine
Doing Drugs, Selling Drugs
Mammoth Weed Wizard Bastard - Yn Ol I AnnwnMammoth Weed Wizard Bastard
Yn Ol I Annwn

Allhelluja - Pain Is The Game
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Scarlet
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / stoner / hard rock
Scheda autore: Allhelluja



Se credevate che gli Allhelluja non sarebbero mai stati una band "vera" ma solo un side project di Jacob Bredahl degli Hatesphere, vi sbagliavate. Dopo il discreto successo di "Inferno Museum" torna dopo poco più di un anno la band danese/italiana con il secondo lavoro "Pain Is The Game".

E stavolta sono decisi a fare ancora di più sul serio: copertina oscura e l'immagine giusta della band vi colpiranno fin da subito. Ma a fare la differenza, lo sapete, sono i brani e, purtroppo, non esiste il singolo "killer" da cui nessuno può sfuggire. Abbiamo però un pugno di grandi canzoni, nessuna al di sotto della media.

Partendo da "Are You Ready?" e "Superhero Motherfucker Superman" abbiamo ben chiaro le coordinate sonore del quartetto. Tendenzialmente rimaste immutate dall'esordio sono debitrici di Entombed, Turbonegro, Melvins e Motorhead. Ovvero il poker di band rock/metal sporche e scorrette che non temono di unire la tradizione rock e i grandi cori con la potenza del metal.

I difetti però ci sono. Come anticipato poco sopra mancano le canzoni da strapparsi i capelli, quelle che ti fanno volare di corsa a comprare il cd. Poi non ho apprezzato particolarmente la produzione sonora: troppo "ovattata" e con le chitarre che non spaccano come dovrebbero.

Particolari che non influiscono sulla buona qualità di "Pain Is The Game" ma che spero vengano risolti in futuro per allargare maggiormente il raggio d'azione della band.

Ok, avete spiegato al mondo che sapete rockeggiare. Al prossimo passo vogliamo la sua conquista.

[Dale P.]

Canzoni significative: Supehero Motherfucker Superman, Hey J.


Questa recensione é stata letta 2937 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Allhelluja - Inferno MuseumAllhelluja
Inferno Museum

tAXI dRIVER consiglia

Boris - Heavy RocksBoris
Heavy Rocks
Boris - Akuma No UtaBoris
Akuma No Uta
Goatsnake - Flower Of DiseaseGoatsnake
Flower Of Disease