´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Amenra - De Doorn (Relapse)

Ultime recensioni

Chelsea Wolfe - She Reaches Out To She Reaches Out To SheChelsea Wolfe
She Reaches Out To She Reaches Out To She
Matt Cameron - Gory Scorch CretinsMatt Cameron
Gory Scorch Cretins
Sprints - Letter To SelfSprints
Letter To Self
meth. - Shamemeth.
Shame
Hauntologist - HollowHauntologist
Hollow
Eye Flys - Eye FlyesEye Flys
Eye Flyes
Slift - IlionSlift
Ilion
Flooding - Silhoutte MachineFlooding
Silhoutte Machine
Remote Viewing - Modern AddictionsRemote Viewing
Modern Addictions
High Priest - InvocationHigh Priest
Invocation
Briqueville - IIIIBriqueville
IIII
Rid Of Me - Access To The LonelyRid Of Me
Access To The Lonely
Green Lung - This Heathen LandGreen Lung
This Heathen Land
Ragana - DesolationRagana
Desolation's Flower
Reverend Kristin Michael Hayter - Saved!Reverend Kristin Michael Hayter
Saved!
Svalbard - The Weight Of The MaskSvalbard
The Weight Of The Mask
Wolves In The Throne Room - Crypt of Ancestral KnowledgeWolves In The Throne Room
Crypt of Ancestral Knowledge
Boris - & Uniform - Bright New DiseaseBoris
& Uniform - Bright New Disease
Paroxysm Unit - Fragmentation StratagemParoxysm Unit
Fragmentation Stratagem
Agriculture - AgricultureAgriculture
Agriculture

Amenra - De Doorn
Autore: Amenra
Titolo: De Doorn
Etichetta: Relapse
Anno: 2021
Produzione: Tim De Gieter
Genere: metal / post-metal / sludge

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta De Doorn





Dopo il successo del 2017 con "Mass VI", gli Amenra si sono accasati su Relapse con cui pubblicano il quinto full lenght di una carriera ricca di uscite "minori", tra Ep, split e live vari. La formula sonora Ŕ ormai consolidata: doom, sludge, hardcore e un pizzico di black metal sono gli ingredienti con cui i belgi conducono l'ascoltatore verso la catarsi, verso gli aspetti pi¨ trascendenti dell'essere umano; gli Amenra sono i sacerdoti, ormai noti, di una cerimonia che trova nel palco il rispettivo altare.

L'album Ŕ per la prima volta cantato interamente in fiammingo, giusto per dare quel pizzico di osticitÓ e mistero in pi¨ e rispetto al precedente non troviamo melodie "facili", nŔ particolare dinamica dei brani che si presentano abbastanza statici, soprattutto nelle parti pi¨ violente. Se "Mass VI" sembrava un enorme ed inesorabile moto ondoso, "De Doorn" Ŕ pi¨ un gigantesco masso di granito.

Non aspettatevi innovazioni rispetto al suono della band, sempre curato alla perfezione; i brani passano attraverso intro dissonanti, minuti di raccoglimento e preghiera che aiutano ad entrare in un mood introspettivo, per culminare, infine, in dolorose esplosioni sonore.

Ospite del disco troviamo Caro Tanghe, giÓ voce degli Oathbreaker, uno dei gruppi del collettivo Church Of Ra.

Come le precedenti, anche "De Doorn" Ŕ un'opera non banale che richiederÓ il giusto tempo per entrare sotto la pelle dell'ascoltatore e troverÓ il suo culmine nella sua proposizione dal vivo.

[Francesco Traverso]

Canzoni significative: Ogentroost, Voor Immer.

Questa recensione Ú stata letta 304 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

21/10/2022NijmegenSoulcrusher Festival

tAXI dRIVER consiglia

Rosetta - A Determinism Of MoralityRosetta
A Determinism Of Morality
Five The Hierophant - Through Aureate VoidFive The Hierophant
Through Aureate Void
Les Discrets - Ariettes OublieesLes Discrets
Ariettes Oubliees
Year Of No Light - ConsolamentumYear Of No Light
Consolamentum
AA.VV. - Stones From The Sky Neurosound Vol.1AA.VV.
Stones From The Sky Neurosound Vol.1
Isis - PanopticonIsis
Panopticon
Vanessa Van Basten - La Stanza Di SwedenborgVanessa Van Basten
La Stanza Di Swedenborg
Pelican - Pelican EPPelican
Pelican EP
GGGOLDDD - This Shame Should Not Be MineGGGOLDDD
This Shame Should Not Be Mine
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing