Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Aquefrigide - Un Caso Isolato (Subsound)

Ultime recensioni

Dead Heat - World At WarDead Heat
World At War
Irreversible Entanglements - Open The GatesIrreversible Entanglements
Open The Gates
Full Of Hell - Garden Of Burning ApparitionsFull Of Hell
Garden Of Burning Apparitions
Khemmis - DeceiverKhemmis
Deceiver
Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Idles - CrawlerIdles
Crawler
Converge - Bloodmoon IConverge
Bloodmoon I
Melvins - Five Legged DogMelvins
Five Legged Dog
Bummer - Dead HorseBummer
Dead Horse
Marissa Nadler - The Path Of The CloudsMarissa Nadler
The Path Of The Clouds
Vanishing Twin - Ookii GekkouVanishing Twin
Ookii Gekkou
Year Of No Light - ConsolamentumYear Of No Light
Consolamentum
Chevelle - NiratiasChevelle
Niratias
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
The Bug - FireThe Bug
Fire
Nala Sinephro - Space 1.8Nala Sinephro
Space 1.8
Monolord - Your Time To ShineMonolord
Your Time To Shine
Mastodon - Hushed And GrimMastodon
Hushed And Grim
Jerusalem In My Heart - QalaqJerusalem In My Heart
Qalaq
Limp Bizkit - Still SucksLimp Bizkit
Still Sucks

Aquefrigide - Un Caso Isolato
Titolo: Un Caso Isolato
Etichetta: Subsound
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / alternative / rock

Voto:



Curioso debutto per questo personaggio della scena romana, tale Bre Beskyt Dyrene, che col suo look decadente e trasgressivo rimanda inevitabilmente agli eccessi estetici del Reverendo Manson. Anche musicalmente parlando l'influenza del più famoso rocker si fa molto sentire; in realtà il sound di questo progetto è altrettanto debitore del Seattle sound di Nirvana e Alice in Chains. Considerando che Manson non offre al suo pubblico un disco interessante da diversi anni, e che dall'ascolto di questo 'caso isolato' emergono prepotentemente intenzioni sincere e sentite, viene spontaneo soprassedere sulle lacune di originalità di questo prodotto e abbandonarsi ad un ascolto scorrevole e in alcuni casi trascinante. Infatti i 15 brani di questo disco, mai eccessivamente lunghi, sono eseguiti, arrangiati e prodotti ottimamente, e tra potenti assalti e ballate drogate\ nichiliste si può trovare qualche piccola perla. Irresistibile il brano in apertura, 'Detesto', una cavalcata devastante che potrà spopolare tra le giovani leve. Interessante anche l'intermezzo di 'Vegetale', breve pezzo per voce e chitarra dai toni veramente remissivi e angosciati. Dyrene sbatte in faccia all' ascoltatore un male di vivere profondamente radicato, fatto di alienazione, delusioni affettive, morte e suicidio incombenti. Lo fa con tale urgenza e spregiudicatezza da coinvolgere anche il più cinico dei trentenni. Purtroppo permane una fastidiosa sensazione di 'già sentito', e la certezza che qualche piccola ingenuità poteva essere evitata (questo in grande contrasto con alcuni arrangiamenti molto 'adulti', supportati da un'ottima tecnica). Insomma stiamo parlando di un buon comunicatore con mezzi espressivi ancora troppo derivativi. Consigliatissimo comunque ai fan dei mostri sacri citati in apertura.

[Morgan]

Canzoni significative: Detesto, Vegetale, Paralisi anemica, Carne cruda


Questa recensione é stata letta 5309 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Melvins - Stoner WitchMelvins
Stoner Witch
Mastodon - LeviathanMastodon
Leviathan
Fudge Tunnel - Hate Songs In E MinorFudge Tunnel
Hate Songs In E Minor
Virus - The Agent That Shapes The DesertVirus
The Agent That Shapes The Desert
Butterfly Effect - Begins HereButterfly Effect
Begins Here
Tool - 10000 DaysTool
10000 Days
Nailbomb - Point BlankNailbomb
Point Blank
Kvelertak - KvelertakKvelertak
Kvelertak
Tool - UndertowTool
Undertow
KingKing's X
Ogre Tones