Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Arabrot - Norwegian Gothic (Pelagic)

Ultime recensioni

Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight
Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace

Arabrot - Norwegian Gothic
Autore: Arabrot
Titolo: Norwegian Gothic
Etichetta: Pelagic
Anno: 2021
Produzione: Jaime Gomez Arellano
Genere: rock / noise / alternative

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta Norwegian Gothic





Gli Arabrot nella loro ormai quindicennale carriera hanno raccolto numerosi consensi, soprattutto critici. Tra recensioni sempre positive e, addirittura, preziosi premi vinti grazie alla qualità dei loro album sembrano un culto intoccabile. Partiti come band noise-sludge hanno via via intellettualizzato il loro approccio alla musica diventando negli ultimi lavori la creatura delirante della coppia (anche nella vita) Kjetil Nernes / Karin Park.

Questo nuovo bilanciamento ha portato la band a rielaborare il proprio sound che in questo "Norwegian Gothic" prende strade abbastanza inedite.

L'approccio è quello di una band innamorata di Nick Cave e Swans ma anche dell'alternative anni 90 (Nirvana, Mudhoney, Melvins) e fin qui niente di nuovo. Quello che cambia è la produzione e l'approccio quasi "pop" alla canzone. Ritornelloni epici e corali, strofe sofferte e un voce perennemente in primo piano. Posso dire che è, per le mie orecchie, un difetto enorme in un disco che musicalmente ha anche dei momenti notevoli? A prescindere dalla non imperdibile voce di Kjetil (molto, molto, molto meglio quando la protagonista è Karin) è proprio quell'eccessiva enfasi nella parte vocale che mette in secondo piano suoni potenti ed apocalittici. Avete presente quando qualcuno si fa una selfie in un posto splendido e ti viene voglia di dirgli "ma spostati e fammi vedere il paesaggio?" Ecco, questo è l'effetto che mi fa Kjetil in questo disco.

E' una scelta essenzialmente di gusto, e il mio gusto non ha gradito. Peccato perchè all'interno troviamo dei contributi, anche molto validi, di Massimo Pupillo (Zu), Tomas Järmyr (Motorpsycho), Lars Horntvethil (Jaga Jazzist) e Jo Quail.

[Dale P.]

Canzoni significative: Hailstones For Rain, Hallucinational.

Questa recensione é stata letta 355 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Arabrot - Solar AnusArabrot
Solar Anus

tAXI dRIVER consiglia

Oneida - Happy New YearOneida
Happy New Year
Spleen - Nun Lover!Spleen
Nun Lover!
Theramin - We Were GladiatorsTheramin
We Were Gladiators
Unsane - WreckUnsane
Wreck
Made Out Of Babies - The RuinerMade Out Of Babies
The Ruiner
Dead Elephant - Lowest Shared DescentDead Elephant
Lowest Shared Descent
Il Teatro Degli Orrori - / Zu - SplitIl Teatro Degli Orrori
/ Zu - Split
Unsane - LambhouseUnsane
Lambhouse
One Dimensional Man - Take Me AwayOne Dimensional Man
Take Me Away
One Dimensional Man - You Kill MeOne Dimensional Man
You Kill Me