´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Arabrot - Norwegian Gothic (Pelagic)

Ultime recensioni

Afsky - Om hundrede ňrAfsky
Om hundrede ňr
Acid King - Beyond VisionAcid King
Beyond Vision
Screaming Females - Desire PathwayScreaming Females
Desire Pathway
Oozing Wound - Cathers The CowardOozing Wound
Cathers The Coward
Returning - SeverenceReturning
Severence
Sandrider - EnveletrationSandrider
Enveletration
Big Brave - Nature MorteBig Brave
Nature Morte
Eunoia - Psyop of the YearEunoia
Psyop of the Year
Ciemra - The Tread Of DarknessCiemra
The Tread Of Darkness
Sisteria - Dark MatterSisteria
Dark Matter
... And Oceans - As In Gardens, So In Tombs... And Oceans
As In Gardens, So In Tombs
Show Me The Body - Trouble The WaterShow Me The Body
Trouble The Water
Upchuck - Sense YourselfUpchuck
Sense Yourself
BrÝi - Corpos TransparentesBrÝi
Corpos Transparentes
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
Petbrick - LiminalPetbrick
Liminal
Rigorous Institution - CainsmarshRigorous Institution
Cainsmarsh
Mis■yrming - Me­ HamriMis■yrming
Me­ Hamri
Ultha - All That Has Never Been TrueUltha
All That Has Never Been True
Boris - FadeBoris
Fade

Arabrot - Norwegian Gothic
Autore: Arabrot
Titolo: Norwegian Gothic
Etichetta: Pelagic
Anno: 2021
Produzione: Jaime Gomez Arellano
Genere: rock / noise / alternative

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta Norwegian Gothic





Gli Arabrot nella loro ormai quindicennale carriera hanno raccolto numerosi consensi, soprattutto critici. Tra recensioni sempre positive e, addirittura, preziosi premi vinti grazie alla qualitÓ dei loro album sembrano un culto intoccabile. Partiti come band noise-sludge hanno via via intellettualizzato il loro approccio alla musica diventando negli ultimi lavori la creatura delirante della coppia (anche nella vita) Kjetil Nernes / Karin Park.

Questo nuovo bilanciamento ha portato la band a rielaborare il proprio sound che in questo "Norwegian Gothic" prende strade abbastanza inedite.

L'approccio Ŕ quello di una band innamorata di Nick Cave e Swans ma anche dell'alternative anni 90 (Nirvana, Mudhoney, Melvins) e fin qui niente di nuovo. Quello che cambia Ŕ la produzione e l'approccio quasi "pop" alla canzone. Ritornelloni epici e corali, strofe sofferte e un voce perennemente in primo piano. Posso dire che Ŕ, per le mie orecchie, un difetto enorme in un disco che musicalmente ha anche dei momenti notevoli? A prescindere dalla non imperdibile voce di Kjetil (molto, molto, molto meglio quando la protagonista Ŕ Karin) Ŕ proprio quell'eccessiva enfasi nella parte vocale che mette in secondo piano suoni potenti ed apocalittici. Avete presente quando qualcuno si fa una selfie in un posto splendido e ti viene voglia di dirgli "ma spostati e fammi vedere il paesaggio?" Ecco, questo Ŕ l'effetto che mi fa Kjetil in questo disco.

E' una scelta essenzialmente di gusto, e il mio gusto non ha gradito. Peccato perchŔ all'interno troviamo dei contributi, anche molto validi, di Massimo Pupillo (Zu), Tomas Jńrmyr (Motorpsycho), Lars Horntvethil (Jaga Jazzist) e Jo Quail.

[Dale P.]

Canzoni significative: Hailstones For Rain, Hallucinational.

Questa recensione Ú stata letta 236 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Arabrot - Solar AnusArabrot
Solar Anus

tAXI dRIVER consiglia

Il Teatro Degli Orrori - DellIl Teatro Degli Orrori
Dell'Impero Delle Tenebre
Sonic Youth - A Thousand LeavesSonic Youth
A Thousand Leaves
High Confessions, The - Turning Lead Into Gold With The High ConfessionsHigh Confessions, The
Turning Lead Into Gold With The High Confessions
Oneida - Happy New YearOneida
Happy New Year
Blonde Redhead - Melodie CitroniqueBlonde Redhead
Melodie Citronique
Exhalants - AtonementsExhalants
Atonements
Arabrot - Solar AnusArabrot
Solar Anus
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
One Dimensional Man - Take Me AwayOne Dimensional Man
Take Me Away
Idles - A Beautiful Thing Idles Live At Le BataclanIdles
A Beautiful Thing Idles Live At Le Bataclan