´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Arabrot - Solar Anus (Fysik Format)

Ultime recensioni

Afsky - Om hundrede ňrAfsky
Om hundrede ňr
Acid King - Beyond VisionAcid King
Beyond Vision
Screaming Females - Desire PathwayScreaming Females
Desire Pathway
Oozing Wound - Cathers The CowardOozing Wound
Cathers The Coward
Returning - SeverenceReturning
Severence
Sandrider - EnveletrationSandrider
Enveletration
Big Brave - Nature MorteBig Brave
Nature Morte
Eunoia - Psyop of the YearEunoia
Psyop of the Year
Ciemra - The Tread Of DarknessCiemra
The Tread Of Darkness
Sisteria - Dark MatterSisteria
Dark Matter
... And Oceans - As In Gardens, So In Tombs... And Oceans
As In Gardens, So In Tombs
Show Me The Body - Trouble The WaterShow Me The Body
Trouble The Water
Upchuck - Sense YourselfUpchuck
Sense Yourself
BrÝi - Corpos TransparentesBrÝi
Corpos Transparentes
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
Petbrick - LiminalPetbrick
Liminal
Rigorous Institution - CainsmarshRigorous Institution
Cainsmarsh
Mis■yrming - Me­ HamriMis■yrming
Me­ Hamri
Ultha - All That Has Never Been TrueUltha
All That Has Never Been True
Boris - FadeBoris
Fade

Arabrot - Solar Anus
Autore: Arabrot
Titolo: Solar Anus
Anno: 2011
Produzione: Steve Albini
Genere: rock / noise / alternative

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Era da un po' di tempo che si sentiva la mancanza di quel noise rock che ha fatto capolino nei gloriosi e indissolubili anni Novanta dove Unsane, (primi) Helmet, Cows, Surgery, avevano saputo regalarci pagine indimenticabili.

Ci ha pensato un gruppo norvegese a riportare in auge quel periodo. Attenzione, non si commetta pero' l'errore di credere ad una semplice e mera riproposizione di quei suoni perche' il duo (ebbene si!) affila le armi e sa spingersi ben oltre.

Innanzitutto vengono alla mente le follie dei Melvins, quelli primordiali, quando il metal sincopato della band di King Buzzo si affacciava con decisione pronta a sconvolgere i piani di un sound che stava diventando troppo ripetitivo.

Ma non e' tutto. I nostri gettano nel calderone pure scorie post core, furia sludge e perfino insospettate cupezze "black".

E cosi' tra una devianza e l'altra escono brani come la potentissima "The Wheel Is Turning Full Circle", l'ossianica "Valkyrie", le volgari "Madonna Was A Whore" e "And The Ass Had Spoken" che rendono l'idea di repulsione totale che si respira in questo lavoro.

Eppure tutto sembra funzionare perche' a volte il disgusto e' cio' di cui abbiamo bisogno.

Produce Steve Albini. E il cerchio si chiude.

[Cristiano Roversi]

Canzoni significative: Madonna was a whore, Valkyrie, The Wheel is turning full circle.


Questa recensione Ú stata letta 1755 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Arabrot - Norwegian GothicArabrot
Norwegian Gothic

tAXI dRIVER consiglia

Couch Slut - Take A Chance On Rock Couch Slut
Take A Chance On Rock 'n' Roll
Zu - Live In HelsinkiZu
Live In Helsinki
White Zombie - Soul-CrusherWhite Zombie
Soul-Crusher
Putiferio - Ate Ate AtePutiferio
Ate Ate Ate
Ex Models - Zoo PsychologyEx Models
Zoo Psychology
Lucertulas - Tragol De RovaLucertulas
Tragol De Rova
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
Unsane - WreckUnsane
Wreck
Big Black - AtomizerBig Black
Atomizer
Girl Band - The TalkiesGirl Band
The Talkies