Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Arabrot - Norwegian Gothic (Pelagic)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

Arabrot - Norwegian Gothic
Autore: Arabrot
Titolo: Norwegian Gothic
Etichetta: Pelagic
Anno: 2021
Produzione: Jaime Gomez Arellano
Genere: rock / noise / alternative

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta Norwegian Gothic





Gli Arabrot nella loro ormai quindicennale carriera hanno raccolto numerosi consensi, soprattutto critici. Tra recensioni sempre positive e, addirittura, preziosi premi vinti grazie alla qualità dei loro album sembrano un culto intoccabile. Partiti come band noise-sludge hanno via via intellettualizzato il loro approccio alla musica diventando negli ultimi lavori la creatura delirante della coppia (anche nella vita) Kjetil Nernes / Karin Park.

Questo nuovo bilanciamento ha portato la band a rielaborare il proprio sound che in questo "Norwegian Gothic" prende strade abbastanza inedite.

L'approccio è quello di una band innamorata di Nick Cave e Swans ma anche dell'alternative anni 90 (Nirvana, Mudhoney, Melvins) e fin qui niente di nuovo. Quello che cambia è la produzione e l'approccio quasi "pop" alla canzone. Ritornelloni epici e corali, strofe sofferte e un voce perennemente in primo piano. Posso dire che è, per le mie orecchie, un difetto enorme in un disco che musicalmente ha anche dei momenti notevoli? A prescindere dalla non imperdibile voce di Kjetil (molto, molto, molto meglio quando la protagonista è Karin) è proprio quell'eccessiva enfasi nella parte vocale che mette in secondo piano suoni potenti ed apocalittici. Avete presente quando qualcuno si fa una selfie in un posto splendido e ti viene voglia di dirgli "ma spostati e fammi vedere il paesaggio?" Ecco, questo è l'effetto che mi fa Kjetil in questo disco.

E' una scelta essenzialmente di gusto, e il mio gusto non ha gradito. Peccato perchè all'interno troviamo dei contributi, anche molto validi, di Massimo Pupillo (Zu), Tomas Järmyr (Motorpsycho), Lars Horntvethil (Jaga Jazzist) e Jo Quail.

[Dale P.]

Canzoni significative: Hailstones For Rain, Hallucinational.

Questa recensione é stata letta 376 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Arabrot - Solar AnusArabrot
Solar Anus

tAXI dRIVER consiglia

My Bloody Valentine - LovelessMy Bloody Valentine
Loveless
Dead Elephant - Lowest Shared DescentDead Elephant
Lowest Shared Descent
Zu - Live In HelsinkiZu
Live In Helsinki
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
One Dimensional Man - You Kill MeOne Dimensional Man
You Kill Me
Tropical Trash - Southern Indiana Drone FootageTropical Trash
Southern Indiana Drone Footage
Sonic Youth - Murray StreetSonic Youth
Murray Street
Cunts - CuntsCunts
Cunts
Unsane - WreckUnsane
Wreck
Lou Reed - Metal Machine MusicLou Reed
Metal Machine Music