Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Arctic Monkeys - Whatever People Say I Am That's What I'm Not (Domino)

Ultime recensioni

Greg Puciato - MirrorcellGreg Puciato
Mirrorcell
Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...
Primitive Man - InsurmountablePrimitive Man
Insurmountable
Come To Grief - When The World DiesCome To Grief
When The World Dies
Sirom - The Liquified Throne of SimplicitySirom
The Liquified Throne of Simplicity
Deathbell - A Nocturnal CrossingDeathbell
A Nocturnal Crossing
Wucan - Heretic TonguesWucan
Heretic Tongues
Voivod - Synchro AnarchyVoivod
Synchro Anarchy
Blut Aus Nord - Disharmonium - Undreamable AbyssesBlut Aus Nord
Disharmonium - Undreamable Abysses
Emma Ruth Rundle - EG2 Dowsing VoiceEmma Ruth Rundle
EG2 Dowsing Voice
Wyatt E. - Al Beluti DaruWyatt E.
Al Beluti Daru

Arctic Monkeys - Whatever People Say I Am That's What I'm Not
Titolo: Whatever People Say I Am That's What I'm Not
Etichetta: Domino
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / brit /

Voto:



Era dal 1994 che gli OASIS detenevano il record con Definitely Maybe , per l'album di debutto che vendette più velocemente nella storia della musica inglese, record battuto oggi da questa produzione. D’obbligo quindi la recensione di questo iperpubblicizzato capolavoro. Beh, credo che la somma THE VINES (“The View From The Afternoon”) + LIBERTINES + STROKES(“Riot Van”) calzi alla perfezione per questi giovani ragazzi. .

Quindi l’album non può peccare sicuramente d’originalità. Se è vera la dichiarazione di Alex Turner che, quando nell'estate del 2001 ebbe la sua chitarra acustica, era capace di eseguire solo un paio di accordi, passi in avanti ne ha fatti davvero parecchi!

Accidenti però a chi li osanna tanto; non riesco a capire il motivo e perciò vi porgo le mie scuse.

Trovare canzoni che ti rimangono impresse è molto dura, probabilmente tra le più riuscite c’è “I Bet You Look Good On The Dancefloor”, effervescente, incalzante simile come giro a “Train kept a rollin” degli Yardbirds.

“Murdy Bum”, nonostante il fantasma di Pete Doherty, è davvero interessante così

come il singolo “When The Sun Goes down”, traccia che parte lenta per poi crescere.

Per il resto tanto buon garage-rock anche se nulla sopra le righe.

Le scimmie artiche quindi non mi sconvolgono e neanche se avessi l’esercito delle dodici davanti a me darei 5 stelle, tre ce n'é d’avanzo.

[Steliam]

Canzoni Significative: When The Sun Goes down, I Bet You Look Good On The Dancefloor.

Questa recensione é stata letta 4173 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

09/12/2005CopenhagenKB Hallen

tAXI dRIVER consiglia

Babyshambles - Down In AlbionBabyshambles
Down In Albion
Libertines, The - Up The BracketLibertines, The
Up The Bracket