Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Arctic Monkeys - Whatever People Say I Am That's What I'm Not (Domino)

Ultime recensioni

Show Me The Body - Trouble The WaterShow Me The Body
Trouble The Water
Upchuck - Sense YourselfUpchuck
Sense Yourself
Bríi - Corpos TransparentesBríi
Corpos Transparentes
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
Petbrick - LiminalPetbrick
Liminal
Rigorous Institution - CainsmarshRigorous Institution
Cainsmarsh
Misþyrming - Með HamriMisþyrming
Með Hamri
Ultha - All That Has Never Been TrueUltha
All That Has Never Been True
Boris - FadeBoris
Fade
Dead Cross - IIDead Cross
II
Just Mustard - Heart UnderJust Mustard
Heart Under
Otoboke Beaver - Super ChamponOtoboke Beaver
Super Champon
Caustic Casanova - Glass Enclosed Nerve CenterCaustic Casanova
Glass Enclosed Nerve Center
The Lovecraft Sextet - MiserereThe Lovecraft Sextet
Miserere
Gaerea - MirageGaerea
Mirage
Menace Ruine - NekyiaMenace Ruine
Nekyia
Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Abhorrent Expanse - Gateways to ResplendenceAbhorrent Expanse
Gateways to Resplendence
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut

Arctic Monkeys - Whatever People Say I Am That's What I'm Not
Titolo: Whatever People Say I Am That's What I'm Not
Etichetta: Domino
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / brit /

Voto:



Era dal 1994 che gli OASIS detenevano il record con Definitely Maybe , per l'album di debutto che vendette più velocemente nella storia della musica inglese, record battuto oggi da questa produzione. D’obbligo quindi la recensione di questo iperpubblicizzato capolavoro. Beh, credo che la somma THE VINES (“The View From The Afternoon”) + LIBERTINES + STROKES(“Riot Van”) calzi alla perfezione per questi giovani ragazzi. .

Quindi l’album non può peccare sicuramente d’originalità. Se è vera la dichiarazione di Alex Turner che, quando nell'estate del 2001 ebbe la sua chitarra acustica, era capace di eseguire solo un paio di accordi, passi in avanti ne ha fatti davvero parecchi!

Accidenti però a chi li osanna tanto; non riesco a capire il motivo e perciò vi porgo le mie scuse.

Trovare canzoni che ti rimangono impresse è molto dura, probabilmente tra le più riuscite c’è “I Bet You Look Good On The Dancefloor”, effervescente, incalzante simile come giro a “Train kept a rollin” degli Yardbirds.

“Murdy Bum”, nonostante il fantasma di Pete Doherty, è davvero interessante così

come il singolo “When The Sun Goes down”, traccia che parte lenta per poi crescere.

Per il resto tanto buon garage-rock anche se nulla sopra le righe.

Le scimmie artiche quindi non mi sconvolgono e neanche se avessi l’esercito delle dodici davanti a me darei 5 stelle, tre ce n'é d’avanzo.

[Steliam]

Canzoni Significative: When The Sun Goes down, I Bet You Look Good On The Dancefloor.

Questa recensione é stata letta 4216 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

09/12/2005CopenhagenKB Hallen

tAXI dRIVER consiglia

Libertines, The - Up The BracketLibertines, The
Up The Bracket
Babyshambles - Down In AlbionBabyshambles
Down In Albion