´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Baroness - Blue Record (Relapse)

Ultime recensioni

Ken Mode - NullKen Mode
Null
Gloria de Oliveira -  & Dean Hurley - Oceans Of TimeGloria de Oliveira
& Dean Hurley - Oceans Of Time
Vorlust - Lick The FleshVorlust
Lick The Flesh
Afghan Whigs - How Do You Burn?Afghan Whigs
How Do You Burn?
Zola Jesus - ArkhonZola Jesus
Arkhon
King Buffalo - RegeneratorKing Buffalo
Regenerator
Goatriders - TravelerGoatriders
Traveler
Clutch - Sunrise On Slaughter BeachClutch
Sunrise On Slaughter Beach
Might - AbyssMight
Abyss
GammelsŠter & Marhaug - Higgs BosonGammelsŠter & Marhaug
Higgs Boson
Mat Ball - Amplified GuitarMat Ball
Amplified Guitar
Dreadnought - The EndlessDreadnought
The Endless
Blacklab - In A Bizarre DreamBlacklab
In A Bizarre Dream
Conan - Evidence Of ImmortalityConan
Evidence Of Immortality
Motorpsycho - Ancient AstronautsMotorpsycho
Ancient Astronauts
Boris - Heavy Rocks 2022Boris
Heavy Rocks 2022
Body Void - Burn The Homes Of Those Who Seek To ControlBody Void
Burn The Homes Of Those Who Seek To Control
Ashenspire - Hostile ArchitectureAshenspire
Hostile Architecture
Mantar - Pain Is Forever and This Is the EndMantar
Pain Is Forever and This Is the End
Chat Pile - GodChat Pile
God's Country

Baroness - Blue Record
Autore: Baroness
Titolo: Blue Record
Etichetta: Relapse
Anno: 2009
Produzione: John Congleton
Genere: metal / sludge / alternative

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Compra Baroness su Taxi Driver Store


Red Album e' stato capace di scuotere le teste degli headbangers piu' incalliti e incantare per le intuizioni artistiche, ma soprattutto capace di riavvicinare al metal ascoltatori che da anni avevano rinchiuso il chiodo dentro l'armadio. Pur non generando numeri da major i Baroness sono attualmente la band piu' redditizia del catalogo Relapse, e tutti gli occhi sono puntati su di loro: la facile scommessa della next big thing americana e' praticamente vinta in partenza.

Dal canto loro, Baizley e soci, si limitano a lavorare duro e creare qualcosa di piu' di un semplice interesse intorno alla band: una nuova scena metal fondata su richiami NWOBHM, seventies e progressive, strizzate d'occhio a culti underground come sludge e dronemetal (ma senza abbracciarli completamente), e una elevata cura dell'immagine, sia "fisica" (barbe, capelli lunghi) che del prodotto (a cura del chitarrista Baizley). Un immagine clonata e ricercata da altre band vicine a loro: Torche, Black Tusk, Kylesa, Pig Destroyer alcuni di coloro che hanno sfruttato i servigi di Baizley per attrarre i nuovi metal-kids.

Blue Record e' il secondo difficile album. Cosi' difficile che la band ha preferito giocare relativamente facile: titolo e artwork lasciano presagire che il disco e' semplicemente una prosecuzione del precedente. Con nuove sfumature, nuove intuizioni, nuovi suoni ma con il marchio ben visibile. E quello che suonerebbe probabilmente come un difetto per la maggior parte delle band testimonia la forza di un carattere gia' riconoscibilissimo fin dal primo ascolto. Cio' testimonia una band particolare e molto sicura di se', in grado di dire realmente qualcosa di nuovo in un genere che andava salvato dalle nefandezze metalcore, dai ciuffi emo, dalle magliette stirate, ma soprattutto da un carattere intollerabile.

Perche' se anche qua si parla di immagine, dietro c'e' una sostanza intensa, un urgenza artistica e un bagaglio culturale notevole piu' che sterili studi di marketing. C'e' la volonta' di comunicare e farsi portabandiera di un percorso, di non vendere un disco vuoto ma, anzi, di curarlo nei particolari piu' impensati.

Ci piace pensare che i Baroness (cosi' come i loro cugini Mastodon) abbiano costruito un ponte che collega l'alternative metal anni 90 ad oggi, saltando le aberrazioni numetal e metalcore. Per molti suonera' retro'. Per altri suonera' semplicemente male. Ma chi vuole ascoltare si trovera' un disco capolavoro. E uno dei dischi piu' importanti degli ultimi anni.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione Ú stata letta 2541 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Baroness - Gold & GreyBaroness
Gold & Grey
Baroness - Red AlbumBaroness
Red Album
Baroness - Yellow & GreenBaroness
Yellow & Green

NEWS


24/09/2014 Al Lavoro Sul Nuovo Disco
18/12/2012 Performace Acustica di Stretchmaker
16/08/2012 Grave Incindente Col Tourbus
25/07/2012 Video Di Take My Bones Away
09/07/2012 Streaming Del Nuovo Album
12/06/2012 March To The Sea In Streaming
14/05/2012 Nuovo Brano Online
03/05/2012 Teaser Del Nuovo Album
26/04/2012 In Arrivo Doppio Album
14/06/2011 John Baizley Lancia L'Art Blog
27/05/2011 In Studio
31/10/2010 Ristampa dei Primi EP
31/08/2010 Coverizzano i Descendents
28/08/2009 Secondo Brano Online
07/08/2009 Nuovo Brano Online
30/07/2009 Titolo Dell'Album e Artwork
24/07/2009 Dettagli sul Nuovo Album

tAXI dRIVER consiglia

Body Void - Bury Me Beneath This Rotting EarthBody Void
Bury Me Beneath This Rotting Earth
Superjoint Ritual - Use Once & DestroySuperjoint Ritual
Use Once & Destroy
Mastodon - Call Of The MastodonMastodon
Call Of The Mastodon
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Pyrithe - Monuments to ImpermanencePyrithe
Monuments to Impermanence
Rainbow Grave - No YouRainbow Grave
No You
Fight Amp - Hungry For NothingFight Amp
Hungry For Nothing
Floor - DoveFloor
Dove
Might - MightMight
Might
Kylesa - Spiral ShadowKylesa
Spiral Shadow