Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal [ punk ] indie experimental pop elettronica

Bellrays, The - Have A Little Faith (Cheap Lullaby)

Ultime recensioni

Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight
Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace
Gouge Away - Deep SageGouge Away
Deep Sage

Bellrays, The - Have A Little Faith
Autore: Bellrays, The
Titolo: Have A Little Faith
Anno: 2006
Produzione:
Genere: punk / rock / soul

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




"Have A Little Faith", quarto album dei Bellrays, parte in sordina: "Tell The Lie" è un soul-gospel d'altri tempi. Ma è solo un modo per scaldare pian pianino il proprio pubblico, con l'esperienza di decenni di rock & blues. In realtà loro si definiscono "maximum rock'n'soul". Una sorta di Ike e Tina Turner mescolati con Stooges, Led Zeppelin, Black Sabbath e Black Flag.

Ovviamente con gli anni (l'esordio è del 1998) la band ha acquisito personalità ed esperienza. Come certi vini che con gli anni migliorano, la band passo dopo passo affina uno stile unico e mai prevedibile. La voce di Lisa Kekaula andrebbe lanciata nello stardom mondiale se al mondo ci fosse giustizia (e invece troviamo Beyoncè).

Ci limitiamo a non fare critica a questa band che con dedizione e passione non ha mai sbagliato un passo, continuando a vivere come se fossimo negli anni 70. Con tutto il cuore spero che la band non abbandoni mai le scene perchè tanta onestà e bravura ci dona la consapevolezza che il rock non potrà mai morire.

Chissà che prima o poi non azzecchino la canzone giusta e conquistino il mondo...eppure qua dentro di canzoni per "cambiare il mondo" ce ne sono ben tredici!

[Dale P.]

Canzoni significative: Detroit Breakdown, Change The World


Questa recensione é stata letta 3356 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Bellrays, The - Meet The BellraysBellrays, The
Meet The Bellrays

tAXI dRIVER consiglia

Clash - London CallingClash
London Calling
Be Your Own Pet - Be Your Own PetBe Your Own Pet
Be Your Own Pet
Distillers, The - Sing Sing Death HouseDistillers, The
Sing Sing Death House
Ramones - RamonesRamones
Ramones
Stooges, The - FunhouseStooges, The
Funhouse
Poison Ruin - HarvestPoison Ruin
Harvest
AA.VV. - Wynona Sampler 2003AA.VV.
Wynona Sampler 2003
Otoboke Beaver - Super ChamponOtoboke Beaver
Super Champon
Otoboke Beaver - Itekoma HitsOtoboke Beaver
Itekoma Hits
Stooges, The - Raw PowerStooges, The
Raw Power