Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Chronomega - Black Cobra (Southern Lord)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Black Cobra - Chronomega
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Southern Lord
Anno: 2009
Produzione: Billy Anderson
Genere: metal / sludge / rock



Black Cobra sono un duo formatosi nel 2002 e composto da Rafa Martinez (Acid King) e Jason Landrian (Cavity), personaggi che negli anni hanno contribuito a definire la storia del doom e dello sludge, ovvero la parte più estrema e viscerale dello stoner. Chronomega è il loro terzo album e il primo per Southern Lord dopo i precedenti con l'ottima At A Loss (Stinking Lizaveta, Cream Abdul Babar, Swarm Of the Lotus, Damad, 16, Meatjack).

Batteria implacabile, riff serrati e voce slabbrata sono gli ingredienti di una band che non conosce mezze misure: partono già dal primo secondo con il loro assalto furioso e per quaranta minuti non si concedono soste. Chronomega è un disco monolitico, privo di velleità artistoidi e di qualsiasi approccio ragionato: i due suonano a volume esagerato e pestano, nulla di più. Ma è un bel sentire. Almeno se siete cresciuti a pane e Melvins, Eyehategod, Big Business (ma i BC sono meglio, ma di parecchie misure), High On Fire e Motorhead.

Sicuramente è una band che dal vivo darà il meglio di sè, ma la produzione secca di Billy Anderson riesce a ricreare quel senso di caos tribale che trascina l'ascoltatore in furiosi headbanging ma con i piedi ben sepolti nella palude più nera.

Se per voi i Torche sono troppo "pop" ma adorate quell'attitudine "plug & play" i Black Cobra fanno per voi.

[Dale P.]

Canzoni significative: Chronosphere, Lightning In His Hand.

Questa recensione é stata letta 3746 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

15/04/2012TilburgRoadburn 2012 Afterburner

NEWS


07/09/2011 Nuovo Brano Online

tAXI dRIVER consiglia

Baroness - Red AlbumBaroness
Red Album
Kylesa - To Walk A Middle CourseKylesa
To Walk A Middle Course
Black Cobra - ChronomegaBlack Cobra
Chronomega
Lair Of The Minotaur - War Metal Battle MasterLair Of The Minotaur
War Metal Battle Master
Torche - AdmissionTorche
Admission
Baroness - Blue RecordBaroness
Blue Record
Bongripper - Satan Worshipping DoomBongripper
Satan Worshipping Doom
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Facedowninshit - Nothing Positive Only NegativeFacedowninshit
Nothing Positive Only Negative
Superjoint Ritual - Use Once & DestroySuperjoint Ritual
Use Once & Destroy